CAMPIONATO ITALIANO CARPA: UNA INGIUSTA SQUALIFICA ?

CAMPIONATO ITALIANO CARPA: UNA INGIUSTA SQUALIFICA ?

Un lettore di MF già concorrente del campionato italiano carpa disputatosi lo scorso fine settimana al lago Borgherse a Monsummano ci riferisce di essere stato oggetto di una ingiuista squalifica che lo ha privato della cosa più bella che un agonista possa desiderare, il PODIO.

lago-borghese

Il sig.Dori Luciano ci scrive quanto segue:
“Salve a tutti, sono DORI LUCIANO ho partecipato al campionato italiano carpa lago a Montecatini lago Borghese il sabato mattina mi sono classificato al terzo posto e tutto bene ,la domenica mattina mi sono classificato al primo posto, un concorrente del mio stesso settore ha fatto reclamo perche’ pescavo con il pane. Il giudice mi ha squalificato. Ma che giudice hanno mandato? Questo “SIGNORE” e’ un’INCAPACE! Tengo a precisare che alla luce dei risultati sarei arrivato io terzo assoluto. Mi piacerebbe sapere che cosa ha scritto il giudice nel referto. Al controllo esche era tutto in vista e tutto regolare. Gradirei molto delle scuse da parte del giudice GILDI NICOLA E DAL COMITATO ORGANIZZATIVO DEL LAGO BORGHESE, perche’ cosi’ sono passato per quello che ha commesso qualche irregolarita’. Mi piacerebbe che questo messaggio fosse pubblicato per essere scagionato, e questi signori stiano piu’ attenti a quello che fanno. distinti saluti Luciano Dori”.

Reg_CI_Carpa_2015_2

Al sig. Dori credo debba rispondere un responsabile competente della federazione visto che il campionato rientra nell’attività agonistica del calendario nazionale federale e comunque, da ignorante in materia, esprimo solo un personale parere alla luce anche di quanto avvenuto negli anni precedenti.
La pesca con il pane è regolarmente utilizzata da diversi concorrenti, compreso il campione italiano del 2014, che praticano la pesca alla carpa così come è ammesso l’uso del pasterello.  Se questa esca era vietata doveva essere messo ben in chiaro nel regolamento ma evidentemente così non era. Grave l’errore di avere validato le esche al mattino e avere contestato poi il pane alla fine. Questo fatto reclama il cartellino rosso!
Quindi se i fatti legati alla squalifica sono andati così come sono stati raccontati ci viene da dire che lei, sig. Dori, è stato ingiustamente penalizzato e come tale deve essere risarcito almeno sul piano sportivo. Se invece le cose non sono andate come lei dice allora non saprei che dire.
Alessandro Scarponi