UNA DIGA DA RECORD PER IL TROFEO BICCHIERI

UNA DIGA DA RECORD PER IL TROFEO BICCHIERI

Una domenica nuvolosa, con moderato vento di tramontana, ha accolto le 37 coppie partecipanti al II Trofeo Nevio Bicchieri presso la diga aeroportuale di Genova, gara valevole per la Coppa Italia 2018.

Questa manifestazione che porta il nome dell’indimenticabile “Never”, personaggio conosciutissimo del mondo agonistico genovese e non solo, amato e stimato da tutti per la sua straordinaria generosità e simpatia, è stata fortemente voluta da alcuni dei suoi amici garisti e, grazie alla disponibilità della società ADPS Marinetta nell’organizzarla, è diventata una bella realtà, sia in termini di numero di partecipanti, che di livello qualitativo degli stessi.

Come nella precedente edizione, questo evento è stato caratterizzato da una sorta di “gara nella gara”; ad affiancare i “big”, sono state infatti 14 coppie di cosiddetti “amatori”, che hanno gareggiato in un tratto del campo gara a loro riservato.

Il gruppo di questi pescatori era piuttosto variegato, annoverando al suo interno agonisti di canna da riva dei tempi passati, della trota lago, delle acque interne, nonché semplici appassionati, tutti accomunati dal desiderio di trascorrere una piacevole domenica in compagnia, nel ricordo di un caro amico.

Ritornando al settore, o meglio ai due raggruppamenti da dieci più un tecnico da tre, degli agonisti “di ruolo”, questi comprendevano le migliori canne delle società genovesi, savonesi, torinesi e non solo.
Era da diversi mesi che non si gareggiava sulla grande diga e perciò la voglia di tornare sull’antico manufatto, in occasione di una gara importante, era tanta da parte di tutti.

Alle 9,30 il segnale d’inizio da il via alle ostilità; fin da subito le agugliette iniziano a riempire i sacchetti dei concorrenti e ci vuole poco tempo per capire che queste, insidiate principalmente sulla breve distanza, addirittura a tiro di canna fissa di 6 mt e con ritmi elevatissimi nell’ordine anche delle 60/70 catture per ora, sarebbero state le protagoniste assolute della competizione.

Nel primo settore, quello di levante, grande gara dei due alfieri della Marinetta, Gianfaldone e Lo Terzo che raggiungono le 409 prede per un totale di 10259 punti; seconda piazza per Moscetti-Marullo della LNI Spotorno con 8429 punti per 329 catture e terza per Poggi-Costa della LNI Cogoleto con 6762 punti per 240 pesci.

Nell’altro settore bella vittoria per Lacerenza-Sottilotta della LNI Spotorno che effettuano 352 catture per 9085 punti totali; secondi la coppia mista Valvassura-Bertoni con 8460 punti per 335 pesci e terzi Predasso-Magni della LNI Sestri Ponente con 7617 punti per 330 prede.

Nel tecnico, situato a ponente, sono perà Pantani-Collavoli dello Squalo a conquistare con 10312 punti, frutto di 383 catture, a conquistare un bel primo, che gli consentirà anche di vincere di stretta misura questa seconda edizione del “Bicchieri”, davanti alle agli altri due binomi Gianfaldone-Lo Terzo e Lacerenza-Sottilotta.

Più che dignitosi anche i punteggi ottenuti dai concorrenti amatoriali, a testimonianza di un buon livello tecnico complessivo.

Un settore è appannaggio di Orsi-Amadei che con 144 pesci, boghe in prevalenza, per 4114 punti, ottengono anche l’assoluto di categoria, mentre l’altro è vinto dal duo di pescatori di trota lago Rosignuolo-Trucco, tra l’altro vincitori della scorsa edizione, con 132 aguglie per un totale di 3602 punti; per loro il secondo gradino del podio finale.

A salire sul terzo sono invece Lionetto, forte agonista di canna da riva di qualche anno fa, assieme ad Erbi che, sul filo di lana, riescono a superare il duo di “colpisti” Capostagno-Franco, questi ultimi realizzatori dello stesso peso di gr. 3425, ma con solo 3 catture di meno.

Dopo la gara il ritrovo è per tutti presso l’accogliente sede messa ancora cortesemente a disposizione dal CPSD Multedo e dove i soci Marinetta hanno servito a tutti gli intervenuti un ottimo pranzo.

Prima della premiazione vera e propria, significativi l’intervento del presidente della società organizzatrice Cocetti, che ha ringraziato i numerosi soci che hanno contribuito al successo della manifestazione, Luca Matteini e tutti gli altri, che hanno prestato la loro fondamentale opera, unitamente al giudice di gara Andrea Macis; successivamente si è avuto quello dell’amico di Renzo Di Paolo in rappresentanza della famiglia dell’indimenticato Nevio e quello, a nome del sodalizio di Multedo, di Mario Gilardi che ha tra l’altro ricordato la figura di Flavio Dodero, altro amato agonista recentemente scomparso.

A quest’ultima società è andato un premio speciale per la propria ospitalità, unitamente ad uno per gli amici dell’Amo d’Oro di Torino che ancora una volta sono giunti in massa a Genova per questo evento ed a quello per il partecipante più giovane Lorenzo Podda.

A seguire la premiazione della quale, fatto non comune, hanno beneficiato tutti i concorrenti e per la quale mi sento di ringraziare personalmente le aziende ELLEVI, TUBERTINI, FILPESCA, COLMIC, PESCA FISHING SHOP.COM e i punti vendita GIAN NAUTICA, PESCA TOP, OVERFISHING, BARRACUDA FISHING STORE e MEGASTORE.

per M.F., Alessio Alessiani