9^ COPPA D’INVERNO: OBIETTIVO (PESCA) RAGGIUNTO!!!

9^ COPPA D’INVERNO: OBIETTIVO (PESCA) RAGGIUNTO!!!

Alla loro terza partecipazione, dopo due anni di podio, alla fine i ‘ragazzacci’ di Obiettivo Pesca di Reggio Emilia ce l’hanno fatta: lo hanno scalato loro, infatti, il gradino più alto del podio della 9^ Coppa d’Inverno testè conclusa.

Prima di parlare dei 10 reggiani e degli altri 100 concorrenti che hanno onorato questa difficile finale, voglio spendere due parole sulle condizioni meteo che hanno accompagnato per tutta la settimana l’organizzazione, curata come solito dal GPO Tubertini. Condizioni quasi straordinarie per il periodo, caratterizzate da un ondata di gelo e neve che hanno creato non poche difficoltà ovunque, avevano messo seriamente in dubbio la possibilità di disputare questa attesa finalissima motivando appieno la definizione di Coppa d’Inverno; alla gara, però, la finale c’è stata ed è stata tiratissima fino all’ultimo minuto, come le classifiche stanno a dimostrare.

A quest’ultimo appuntamento, dopo le tre prove di qualificazione disputate a novembre e dicembre, erano ammessi di diritto, oltre al negozio detentore del Piatto, Gottardi Pesca di Malalbergo, con due vittorie all’attivo, anche la rappresentativa E de L’Hobby di Faenza, anch’esso vincente per due volte, la formazione Gialla del Team Bazza di Lavino di Mezzo, già con un ‘Piatto’ all’attivo, le squadre Rossa e Blu del Piranha di S. Giovanni in Persiceto, i team B e C di Pesca In Vignola e le squadra del Al Pscadaur di Castenaso, Paco Pesca di Reggio Emilia, Iannelli Pesca di Medicina e, appunto, Obiettivo Pesca di Reggio Emilia.

Tutti i 110 concorrenti presenti, viste le condizioni meteo, si sono presentati consapevoli che avrebbero affrontato una gara difficile.

Come da regolamento, 99 i concorrenti, tra coppie e singoli, per la pesca al colpo, distribuiti lungo le sponde del Lago Lungo del C.S.A.A. di Bentivoglio e 11 feedermen dislocati sul Lago Quadrato.

Avvio caratterizzato da qualche cattura sin da subito, anche se localizzate, per gli agonisti impegnati con la roubaisienne, mentre per i “vettini tremolanti” é stata difficile sin da subito.

Con il proseguire della gara, nonostante il leggero miglioramento delle condizioni, la risposta dei carassi e delle carpe é andata rallentando ulteriormente ed ogni cattura, anche se di poche decine di grammi, ha determinato spesso notevoli scossoni di classifica, come si può facilmente intuire scorrendo le classifiche delle varie zone; soprattutto tra i singoli é stata, in entrambi i settori, una lotta spasmodica letteralmente al grammo. Molte meno difficoltà l’hanno riscontrata certamente Zini/Martignani del negozio Iannelli Pesca, che possono dire di aver trascorso una bella mattinata con i loro oltre 13.000 punti pesati al termine, condizione che ha valso loro la vittoria del “Trofeo Ecologia&Servizi” riservato alla coppia con il punteggio migliore tra qualificazione e finale. Nella classifica per il miglior singolo della pesca al colpo l’ha spuntata Brighenti, di Obiettivo Pesca, unico tra i qualificati in grado di bissare la vittoria ottenuta nella gara di qualificazione. A Fausto Borgatti di Pesca In Vignola, invece, è andato il “Trofeo Fresatura Manservisi” ed il conseguente premio come miglior pescatore con il feeder, mentre l’assoluto di giornata in questa categoria é andato a Paolo Rimondi del Piranha.

Detto dei vincenti nelle varie categorie, è doveroso tornare a Gino Govi, Francesco Reverberi, Rudy Frigieri, Marco Manni, Gianni Fratti, Alessandro Giordani, Andrea Santoni, Antonio Calipari, Andrea Spallanzani e Valentino Brighenti, ossia il Dream Team che con 5 vittorie di sfida ed un tiratissimo 4° posto di Marco Manni nel feeder, realizzato d’esperienza e con le unghie e con i denti nell’ultima mezz’ora dal campione dell’Alto Panaro, ha preceduto in volata la simpatica e costante Pesca In Vignola B (Verucchi/Siligardi, Franciosi/Bergonzini, Cassanelli/Salda, Tarozzi/Ianniciello, Roncassaglia e Borgatti)

e la sempre temibile equipe Rossa del Piranha (Favalini/Tartarini, Frabetti/Bordin, Pulga/Balboni, Wong Gwichit/Cesari, Zucchini, Rimondi),

rispettivamente seconda e terza classificata.

Sfumato per un soffio da Obiettivo Pesca anche l’aggiudicazione del Jackpot, ossia il premio aggiuntivo per la formazione che vince tutte le 6 sfide di giornata, traguardo raggiunto, sino ad oggi, solo dalla formazione dell’amico Paolo Savini de L’hobby di Faenza nella prima edizione della Coppa d’inverno, ormai ribattezzata da tutti “La Gara dei Negozi”.

I VINCITORI DI OBIETTIVO PESCA

La conclusione é doveroso riservarla a tutti i quasi 400 partecipanti, tra qualificazioni e finale, a questa classica invernale, che hanno sempre mantenuto un comportamento sportivo e corretto ed onorato il nostro sport.

L’appuntamento è per l’edizione n° 10 della Coppa d’inverno, la cui data delle finalissima è già calendarizzata per il 3 marzo 2019. E non mancheranno le sorprese!

 

Angelo Borgatti

 

 

 

CLASSIFICA FINALE

CLASSIFICA SETTORI 1

CLASSIFICA SETTORI 2

CLASS FEEDER

CLASSIFICHE DI CATEGORIA

 

 

 

UNO DEI VETERANI DELLA COPPA D’INVERNO PAOLO SAVINI L’HOBBY

GINO BACCI VIDEO

DALLA ROMAGNA… COL TEAM BAZZA

GUADAGNINI DI PESCA IN VIGNOLA