Campionato Regionale Veneto: Sul Brian importante allungo della Lenza Club Mogliano Preston.

Campionato Regionale Veneto: Sul Brian importante allungo della Lenza Club Mogliano Preston.

Dopo le prime due prove svolte in Idrovia padovana, nel fine settimana del 28 e 29 aprile, i 160 agonisti iscritti al CRV, si sono dati appuntamento per domenica 13 maggio sul ben noto campo gara del Brian ai Stretti di Eraclea.

Novità di quest’anno il rifacimento totale della sponda per quanto riguarda zona 1 e 2, in pratica , a grandi linee, da ex tabella 5 a tabella 15.
Anche se ancora in fase di assestamento, (un mio compagno di società ha miracolosamente evitato un bagno indesiderato), la riva si presenta splendida per la pesca sportiva.

L’organizzazione era stata assegnata alla Cannisti Sandonatesi Colmic, che nonostante la concomitanza con la serie C, hanno saputo organizzare in modo impeccabile.

Uno degli aspetti più belli del Brian è che oltre ad essere uno dei pochi campi gara dove puoi fare qualsiasi tecnica, si porta in dote solo due settori terminali. E con 160 persone non è proprio male di questi tempi.

Alla domenica mattina, dopo le necessarie raccomandazioni del Giudice Paolo Bettella, effettuati i sorteggi, tutti sul campo gara. L’acqua si presenta leggermente velata e quasi ferma; condizioni ideali per ruba ed anche per l’inglese, anche se ormai questa tecnica è quasi sempre poco efficace in queste acque.
Ma come avevo detto in chiusura del mio precedente articolo, in questa terza prova, sicuramente i cefali avrebbero potuto fare la differenza, ed anche l’alborella avrebbe avuto voce in capitolo.
E cosi è stato.

Sicuramente i cefali, anche se occasionali, hanno fatto la differenza, ma tanta differenza. Molti quelli allamati, abbastanza quelli portati a guadino; anche se quelli persi saranno la maggioranza.

La pesca dell’alborella ha pagato. Pochissimi i settori dove ha vinto, ma molti quelli dove ha piazzato.
Se guardiamo le classifiche, possiamo notare che a parte la zona 4 dove c’è stato un buon pescato, la media delle altre zone è stata più bassa.

Personalmente ho pescato in zona 1, e dopo 15 minuti di orologio in ruba (strategia decisa a tavolino), dove ho preso due micro breme, mi sono buttato a testa bassa ad alborelle, prima con la 2.50 e poi con la 2 metri. Risultato finale secondo di settore con 1990 punti.

Questa strategia ha pagato visto che alla fine chiuderemo con 12 penalità, 3 secondi ed un 6 in quarta zona, la più pescosa.
Il campo gara è stato piuttosto omogeneo dalla prima all’ultima zona. Solo la zona 2 è stata un po’ più avara. Ma se uno voleva, alborelle, se fatte bene, ce ne erano, e per tutti.

Vince meritatamente la terza prova del CRV la Lenza Club Mogliano Preston con sole 10 penalità (1-2-3-4). Complimenti a “Pipoti” e soci che con questo successo balzano prepotentemente in testa alla classifica generale con ben 8 punti di vantaggio sui Cannisti Sandonatesi Colmic, i quali chiudo la classifica di giornata con 1+1+1+8. Comunque complimenti anche al presidente Gaioto e compagni che non hanno deluso nella gara giocata in casa.

Terza di giornata la squadra B del Team Riviera, che si affaccia per la prima volta quest’anno nella competizione regionale e dove l’unico ad esserci già passato è il sottoscritto.

Brutta gara invece per i forti agonisti della Cannisti Club Nogarazza, i quali dopo le due ottime prove in Idrovia, incappano in un incredibile 28 penalità certamente inaspettate per il loro valore.

Questa giornata storta li fa scendere al terzo gradino del podio provvisorio, ma con tutte le carte in regola per giocarsela sino alla fine.

Prima di chiudere vorrei segnalare l’ottimo cammino dell’amico di tante battaglie Lele Trevisan della L.C. Mogliano che con 1+2+1 balza in testa alla classifica individuale. Mancano ancora due prove ma come si dice a Venezia: “el vantaggio se bon anca pa i soti”.

Ora lunghissima pausa, si passa ad ottobre dove nel giro di due settimane si giocherà prima in Canal Bianco e poi in Mincio.
Moreno Coin