Pool Master CIS: Marcello Corradi prova l’allungo. Falsini e Spallanzani staccati di due.

Pool Master CIS: Marcello Corradi prova l’allungo. Falsini e Spallanzani staccati di due.

Il Cavo Lama ha incoronato Marcello Corradi come nuovo indiscusso capoclassifica del Pool Master CIS. Il giovane garista modenese – che non dimentichiamolo è campione d’Italia con quella squadra della Lenza Emiliana Tubertini che di “B” ha soltanto una convenzionale etichetta – non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione della doppia prova in quel canale che praticamente gli scorre sotto casa e così ha pensato bene di piazzare una stupenda doppietta che gli consente per il momento di “stendere” tutti i suoi avversari. E’ vero che nella gara del sabato ha avuto in sorte il numero uno del campo, ma ci ha messo anche del suo… totalizzando un incredibile 15.600 punti, mentre nessun altro concorrente ha superato i dieci chili !

Marcello Corradi (Emiliana Tubertini) conduce da solo il Pool Master CIS

Marcello ha ora tre primi ed un secondo ed è rimasto da solo al comando, con due lunghezze di vantaggio sulla copia formata da Jacopo Falsini (Oltrarno Colmic) e Andrea Spallanzani (Pasquino Colmic) che marciano in parallelo con risultati identici anche nella loro sequenza. Se però il primo non soffre certo di vertigini a stare lassù in alto, lo “Spalla” cerca di godersi il momento di gloria, sperando che si protragga il più a lungo possibile. Entrambi comunque escono dalla Lama con un secondo ed un terzo, risultati quindi ampiamente sottoscrivibili.

Jacopo Falsini (Oltrarno Colmic) in alto, in azione nel Canal Bianco. Alla sua destra Dario Alessandri.

Andrea Spallanzani (Pasquino Colmic) guadina una breme.

Solitario a quota 7,5 ecco il “Pipi” della Valdera Colmic, Luca Maffei che era partito con due primi nel “suo” Canal Bianco e che comunque si è difeso bene anche nel canale modenese. Sua Maestà Giuliano Prandi, per quanto non brillantissimo (media del 4 nelle due prove) mantiene un’ottima posizione, staremmo per dire di “controllo”, mentre alle sue spalle si mette in luce Alex Salomoni, bergamasco che pesca coi lecchesi del Traghetto Hydra, che già l’anno scorso fu autore di un’ottima stagione giungendo secondo nella serie A1.

Luca Maffei (Valdera Colmic) quarto in classifica dopo le prime quattro prove

Alex Salomoni (Traghetto Hydra) naviga a sorpresa nella zona altissima della classifica.

Poi abbiamo il primo dei giovani emergenti, Massimo Billeri (TCA Firenze Maver Stonfo) che ha fatto il settimo nella terza prova per poi vincere autorevolmente il giorno dopo e che naviga in settima posizione a condurre un trio a quota 11 che comprende anche gli esperti Maurizio Fedeli, miglior uomo in classifica della Ravanelli Trabucco e Marco Genovesi, altro pilastro della squadra al comando.

Massimo Billeri (TCA Maver Stonfo) è sicuramente uno dei giovani più in vista del momento

A chiudere i primi dieci ecco Gionata Bianchini, il “rosso” della Valdera Colmic, ormai colonna imprescindibile della squadra pontederese, che precede un sorprendente Andrea Antolini, capofila della Minerva Rossoblu 68 Team Bazza. Va detto che entrambi si sono rivelati dei veri e propri specialisti ottenendo in questa circostanza due primi, al pari (salvo se altri) di Corradi e di Leonardo Iacopini, interessantissimo giovane della Aglianese Colmic.

Bella impresa di Andrea Antolini (Minerca Rossoblu 68 Team Bazza) che nella Lama ha fatto due primi di settore

Benissimo anche Gino Govi (Amo Santarcangiolese Colmic) che, con 12 penalità, ha come compagni di viaggio almeno fino a settembre, Andrea Giambrone (Emiliana Tubertini), Marco Tenani (River Club Padova Tubertini) e Gianni Lazzeretti (Valdera Colmic).

Questo articolo rispetta una politica di eliminazione/contenimento degli inglesismi nella lingua italiana.

Ecco la classifica in pdf.

PM CIS 4

a cura di Stefano Bastianacci