CAMPIONATO ITALIANO DONNE, MASTER E VETERANI: SUL PARMIGIANA MOGLIA CARASSI SOTTO RIVA

CAMPIONATO ITALIANO DONNE, MASTER E VETERANI: SUL PARMIGIANA MOGLIA CARASSI SOTTO RIVA

Il canale Parmigiana Moglia, che scorre nella frazione di San Siro, torna alla ribalta con l’agonismo nazionale ospitando il campionato italiano individuale colpo categorie donne, master e veterani.

Il canale non ha bisogno di presentazioni perchè ne abbiamo già parlato in precedenti articoli.

Il canale è ricco di pesce di piccola taglia come carassi e carpette ma non mancano anche bremette, alborelle e qualche pesce gatto.

Ovviamente sono presenti anche dei jolly come carpe di qualche chilo ma il problema è riuscire poi, una volta agganciate, riuscire a portarle a guadino.

L’approccio adottato da parte dei concorrenti è stato quello della roubaisienne ma con il solo utilizzo della punta da 1 a 4 pezzi ossia per fare nel sottoriva una pescata di velocità.

Ovviamente non sono mancati anche chi ha preferito la classica cannina fissa da 2 a 2,5 metri proprio come una volta.

L’importante era riuscire a fare la taglia soprattutto di carassi e qui la punta elasticata della RBS permetteva di ammortizzare le fughe di eventuali pesci di taglia potenziali prede di fortuna.

Come fare la selezione è presto detto: i carassi andavano tenuti sul fondo alimentando lo spot con pastura tipo carpa-carassio che non si sfaldasse nella discesa verso il fondo.

Il canale, come si sa, è abbastanza profondo e portare pastura sul fondo con qualche bigattino in mezzo era determinante per una pescata vincente.

Anche lo spot era determinante per una buona continuità di catture e chi aveva nel sottoriva della vegetazione più ricca poteva partire avvantaggiato.

Ne sa qualcosa Gino Bacci del Gambero Milords che nella gara del sabato ha trovato un picchetto poco favorevole come ambiente e con l’aggiunta dell’acqua, che risultava abbastanza mossa, la pescata gli ha fruttato solo un quinto di settore con 4200 punti.

La gara della domenica è stata totalmente diversa ossia con l’acqua che aveva di molto rallentato la sua corsa sia per il posto decisamente migliore che gli permette di fare un grande primo di settore grazie alla cattura di oltre 300 pesci e per un peso totale di 10200 punti.

Tutte e tre le categorie hanno pescato in terza zona con le donne a valle dell’alberone in acqua e i master e veterani a monte.

Il Parmigiana Moglia di San Siro ha regalato a tutti una bella domenica di pesca, caldo torrido a parte, e di sicuro, visto le caratteristiche di comodità e pescosità ne sentiremo parlare ancora in futuro.

I prossimi impegni per le categorie Donne, Master e Veterani sono fissati nelle seguenti date:

CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE FEMMINILE DI PESCA AL COLPO
5a prova sabato 29 settembre 2018 Fissero Tartaro Ca’ Vecchia
6a prova domenica 30 settembre 2018 Fissero Tartaro Ca’ Vecchia

CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE MASTER E VETERANI DI PESCA AL COLPO
5a prova sabato 8 settembre 2018 Fiume Brian Torre di Mosto
6a prova domenica 9 settembre 2018 Fiume Brian Torre di Mosto

DONNE

Nella categoria Donne dopo la terza e quarta prova troviamo nelle prime 5 posizioni le seguenti agoniste:
Brilli Federica Garisti Aretini 88 S.P.S. (Colmic) (6 penalità), Sgobbo Anna Pescatori Padovani Asd (Tubertini) (9), Lamorte Eleonora Lomcer Montecatinese (Colmic) (10), Turrini Silvina Gatto Azzurro A.S.D.P. (Colmic) (11) e Micheli Rosa G. Pescatori Carrara A.S.D. (Tubertini) (12).

Complessivamente hanno partecipato a queste due prove di Mantova 27 iscritte anche se era palbabile l’assenza della campionessa Simona Pollastri da quest’anno ritiratasi dalle competizioni attive.

In prospettiva futuro da tenere d’occhio due donne, Rosa Micheli (alias ZIA) la quale anche grazie alla sponda sempre molto qualificata di Francesco Minghelli è riuscita a primeggiare mentre la vera novità risponde al nome di Federica Lamorte.

La bravissima agonista è stata brava ad inserirsi addirittura in terza posizione. Giovani agguerrite sul piano agonistico da coltivare in proiezione della nazionale azzurra futura.

3 prova campionato italiano femminile

4 prova campionato italiano femminile

Campionato Italiano Femminile dopo 4 prove

MASTER

Nella categoria Master, dove hanno pescato in 63 agonisti, troviamo nelle prime cinque posizioni su 110 agonisti partecipanti i seguenti pescatori:
Mauro Poppi Pol. 4 Ville – Secchia (Colmic) ( 10 penalità), Rodolfo Frigieri Oltrarno Asd (Colmic) (11), Samuele Villani Oltrarno Asd (Colmic)
Team Romagna (Trabucco) (12), Umberto Dall’acqua Team 2000 (Colmic (13) e Alberto Cavazzuti Il Torrione Barbo Club A.S.D. (Tubertini)
(13,5).

Campionato Italiano Master dopo 4 prove

master 3 prova

master 4 prova

VETERANI

Nella categoria Veterani, dove hanno pescato 50 concorrenti, troviamo nelle prime cinque posizioni i seguenti pescatori:

Mauro Biondi (9,5 penalità) Amo Santarcangiolese (Colmic) , Palmiro Gruppioni (13) Minerva Rossoblu68 (Team Bazza), Gianfranco Cerutti (13) Con.Pe.Di.Ver. (Shimano), Claudio Garuti (14,5) Crevalcore (Tubertini)  e Wainer Lodergnani (15,3) Pol. 4 Ville – Secchia (Colmic).

Campionato Italiano Veterani dopo 4 prove

veterani 3 prova

veterani 4 prova