INTERNATIONAL FISHING SHOW: VINCE LA 19° EDIZIONE FABRIZIO CALOSI

INTERNATIONAL FISHING SHOW: VINCE LA 19° EDIZIONE FABRIZIO CALOSI

Uno degli eventi di pesca al colpo più attesi dell’anno è senza dubbio l’International Fishing Show di Umbertide giunto quest’anno alla 19° edizione.

Il fiume Umbro ha tanti estimatori disseminati in diverse regioni d’Italia e la gara di agosto diventa l’occasione per ritrovarsi tutti insieme e trascorrere alcuni giorni accomunati dalla passione per la pesca al cavedano che in queste acquee trova la sua massima esaltazione.

Le condizioni del fiume sono state perfette così come la pescosità anche se il disturbo del pesce piccolo e la presenza di siluri, soprattutto nel tratto dei “disabili”, ha reso meno affascinante le pescate a passare con le lenze leggere e finissime.

Per Match Fishing Italia erano presenti due nostri storici amici e collaboratori, Simone Ravizza che da San Giuliano Milanese ogni anno non fa mancare la sua presenza unendo la passione per la pesca con quella delle ferie.

E poi il personaggio che più di altri meriterebbe il titolo di ambasciatore del Tevere, Luigi Belli, un marchigiano che ha scelto l’Umbria come sua seconda patria proprio per l’amore che prova per i fiumi Tevere e Cascio.

Simone ha partecipato come agonista terminando in nona posizione con 4 penalità mentre Luigi ha fatto l’osservatore e il giornalista con reportage e dirette facebook in entrambe le gare.

E proprio da loro cercheremo con le foto e il racconto di rivivere i momenti più significativi di questo International Fishing Show.

Dopo il secondo posto del 2017 e dopo avere vinto alcune tra le più prestigiose gare organizzate su questo fiume, finalmente Fabrizio Calosi (TCA Firenze Maver) può alzare al cielo il simbolico trofeo dell’International Fishing Show.

Con lui sul podio anche Erio Marzocchi (Fratta Milo) secondo classificato e Antonio De Cristoforo (Bar Sport Fornacette Colmic)

Classifica Finale International Fishing Show

GALLERIA FOTO

Commento di Luigi Belli:

“Ho visto una gara 2 molto difficile rispetto a gara 1 perchè il sabato la pesca sembrava in crescendo rispetto al venerdi in quanto si prendevano sempre più pesci e sembrava risolto il problema del pesce piccolo che andava a disturbare la calata delle lenze.

Quasi tutti i concorrenti inizialmente hanno pescato a mais più che altro per bucare il tappeto di pesce piccolo presente a mezz’acqua e  provare a insidiare qualche grosso cavedano sul fondo.

L’esca alternativa al mais era il verme ma anche questa esca non ha reso molto ma con il passare del tempo e con la regolarità delle fiondate i cavedani si portavano in scia costringendo il pesce piccolo ad andarsene.

Visto il crescendo della pescosità tra venerdì e sabato tutti si aspettavano che anche alla domenica le mangiate andassero in aumento ma così non è stato perchè i pescatori al mattino hanno  trovato un fiume statico con acqua quasi ferma e sicuramente ha influito anche quell’acqua leggermente velata che ogni tanto ci si ritrova di prima mattina.

Sta di fatto che il Tevere non ha mostrato segni di sofferenza semmai sono stati i pesci ad essere stanchi dalla pressione di giorni continui di pesca e dalla proverbiale furbizia che non sempre è facile da vincere.

In ogni caso chi riusciva a passare con il bigattino integro e far arrivare sul fondo l’esca i cavedani sono stati presi anche se le pescate più belle, compreso quelle di Calosi che vince questa edizione con due primi, sono state fatte a galla innescando anche l’orsetto.

Stefano Ambrogini, che su questo fiume è stato campione per ben due volte  di seguito, al sabato nella prima ora di gara ha pescato sul fondo con il mais ma poi ha dovuto virare subito sul bigattino e solo allora è tornato a fare gara e nonostante un buon recupero, non è riuscito a mettere il suo timbro sulla sua pescata.

Anche Giuliano Prandi, fresco del titolo di campione d’Europa, ha fatto una gara in salita al sabato a causa dei picchetto poco favorevole mentre in gara 2 ha fatto suo il risultato da grande campione quale è.

Tra i tanti erano presenti diversi personaggi della pesca al colpo come Lorenzo Bruscia, Andrea Fini anche lui fresco campione d’Europa, Stefano Falciani campione uscente, Gilberto Amadori campione italiano di pesca in fiume e via via tanti altri.

Ovviamente per saperne di più potete andare sulla pagina facebook di matchfishig  Italia e vedere tutte le interviste effettuate con le dirette live.

A tutti l’arrivederci è per la prossima edizione e per il Tevere sarà il 20° International Fishing Show.”

ALBO D’ORO INTERNATIONAL FISHING SHOW

ANNO 2000 MARCO SOLFANELLI

ANNO 2001 MICHELE NARO

ANNO 2002 ENZO BERTRAMI

ANNO 2003 CLAUDIO BERGAMI

ANNO 2004 GILBERTO AMADORI

ANNO 2005 SIMONE CARRARO

ANNO 2006 G. BATTISTA SUARDI


ANNO 2007 ERCOLE BOLOGNA

ANNO 2008 MAURIZIO FEDELI

ANNO 2009 MARCO SOLFANELLI

ANNO 2010 ANDREA PREDRELLI

ANNO 2011 ANGELO CANTONI

ANNO 2012 FRANCESCO VASELLI

ANNO 2013 FRANCESCO VASELLI

VASELLI1

ANNO 2014 FABRIZIO FINETTI

FINETTI

ANNO 2015 STEFANO AMBROGINI

2015 ambrogini

ANNO 2016 STEFANO AMBROGINI

ambrogini

ANNO 2017 STEFANO FALCIANI

ANNO 2018: FABRIZIO CALOSI