MAURO SALVATORI CAMPIONE DEL MONDO CANNA DA NATANTE

MAURO SALVATORI CAMPIONE DEL MONDO CANNA DA NATANTE

 

Il forte agonista romagnolo della Lenza Club Riccione Artico si è aggiudicato il titolo mondiale individuale durante la disputa della 54^ edizione del Campionato Mondiale Canna da Natante Seniores. Questa edizione della rassegna iridata si è tenuta nelle acque di Setubal in Portogallo. La Nazionale Italiana ha ottenuto un ottimo risultato di squadra salendo sul secondo gradino del podio per una meritata medaglia d’argento, la spedizione azzurra in terra lusitana è stata impreziosita dal titolo individuale di Campione del Mondo ottenuto da MAURO SALVATORI.
Al rientro in Italia abbiamo sentito dal neo iridato come sono andate le cose in portogallo.
Allora MAURO raccontaci come è maturata questa brillante vittoria?

“Già dalle prove avevo intuito che bisognava pescare con piombi pesanti, in particolare ho utilizzato quelli da gr. 300 verniciati di nero, come canna la Artico CASTIGO 445 da mt.5.00, ami Sasame UMITANAGO N. 6 e KEIRYU N. 5, shock leader con il Red+ Artico diam.0.30 e finali con Dinamite Lenze Madri Artico dello 0.28, braccioli con fluorcarbon Sasame dello 0.22 e 0.25.

Le esche che ci hanno dato in dotazione erano gamberi, calamari e vongole, io ho utilizzato prevalentemente quest’ultime legate con l’elastico.
Il punteggio era dato dal tipo di pesce pescato:
1-praio 6 punti
2-pagello 5 punti
3-tanute 4 punti
4-saraghi 3 punti
5-donzella 1 punto

La difficoltà nasceva dal fatto che sgombri, sugarelli e boghe non valevano nessun punto, quindi bisognava pescare con piombi pesanti per evitarli.
I campi gara avevano fondali da mt.20 a mt.70, ma si è pescato soprattutto su fondali bassi.

Il 1° giorno di gara ho fatto il primo assoluto con 35 saraghi e 10 donzelle
Il 2° giorno di gara primo di barca con 43 donzelle, 1 pagello, 1 tanuta e 6 saraghi
Il 3° giorno di gara primo di barca con13 tanute, 6 saraghi,1  praio e 10 donzelle, con 1 solo punto in più del garista croato, 81 ad 80, ed il Titolo è stato mio !!”

Complimenti al neo Campione del Mondo che con questo successo continua la tradizione di famiglia seguendo le orme del padre Domenico, anche lui grande Campione di questa specialità.

Umberto Tarterini