ACCADDE OGGI NELLA PESCA E NON SOLO….. ANNO 1968

ACCADDE OGGI NELLA PESCA E NON SOLO….. ANNO 1968

Come ogni anno ci piace fare un tuffo nel passato remoto dell’agonismo italico della pesca al colpo.

Anche in questa occasione vi riproponiamo alcune informazioni tratte dalle riviste di quegli anni, che ci ricordano risultati sportivi rimasti negli annali.

CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE

Un grande Roasio vince i campionati in acque interne

Avvincente lotta sul canale derivatore del Mincio delle migliori lenze nazionali

Renato Roasio della VIPER di Torino è il nuovo campione d’Italia di pesca in acque interne. E’ emerso tra i venti finalisti provenienti dalla semifinale disputata sul fiume Po alla quale hanno partecipato i duecento pescatori provenienti dai campionati provinciali individuali delle varie sezioni FIPS d’Italia.

La finale del campionato Italiano è stata diretta da Eliodoro Cicognani (Vice Presidente attività agonistica federale FIPS).

La finale degli italiani si è svolta sul canale derivatore del Mincio a Pozzolo nei pressi di Volta Mantovana e la formula prevedeva una prova di due ore di pesca al colpo e una prova di pesca pratica di tre ore. Tra una gara e l’altra mezz’ora di stacco.

Alla fine vince Renato Roasio con 3 punti (2+1) vivamente felicitato dagli altri concorrenti e dal Dott. Cicognani della Federazione.

Al secondo posto Gillio Giovanni dei Diavoli Termomatic di Torino con 3 punti; al terzo posto Chiarabelli Romeo dei Cannisti Ferraresi con 8 punti.

Questo canale è abitato da cavedani, scardole, triotti e alborelle.

ROASIO RENATO CAMPIONE ITALIANO 1968 COMPLIMENTATO DAL SECONDO CLASSIFICATO GIOVANNI GILLIO DELLA SOCIETA’ DIAVOLI THERMOMATIC

UN GRANDE RENATO ROASIO E’ CAMPIONE D’ITALIA 1968 A POZZOLO

TROFEO DI ECCELLENZA 1968

Vince la società IL DELFINO di Brescia.

XV CAMPIONATO DEL MONDO DI PESCA AL COLPO 1968

FIUME BLACKWATER – FERMOY – IRLANDA: STREPITOSA CONFERMA DELLA NAZIONALE FRANCESE

Nelle difficili e limacciose acquee del Blackwater, a Fermoy, in Irlanda, tenendo fede alle previsioni, i cinque moschettieri francesi Lagougey, Guihenouf, Destzes, Tesse J, Martin, hanno vinto il campionato del mondo a squadre.

La classifica individuale ha visto il successo del tedesco occidentale Grebenstei.

Onorevole piazzamento della nazionale italiana, con il quinto posto nella classifica a squadre ed il quarto nella individuale con il bravo Tampelloni.

Il maltempo ha messo in dubbio fino all’ultimo la manifestazione ed ha reso impossibili i favolosi cestini pronosticati.

IL FRANCESE J. TESSE IN PESCA

La nazionale azzurra formata da Tampelloni, Ceppi, Giovannini, Casadio, Carpana con riserva Pondrezzi.

Nel calcio fu un anno da incorniciare per la Fiorentina che vinse il suo secondo scudetto nel campionato italiano 1968-1969.

La rosa dei viola: (portieri) Claudio Bandoni, Franco Superchi (difensori) Giuseppe Brizi, Ugo Ferrante, Eraldo Mancin, Bernardo Rogora, Paolino Stanzial (centrocampista) Pierluigi Cencetti, Giancarlo De Sisti (C), Salvatore Esposito, Ruolo Giocatore, Claudio Merlo, Giovan Battista Pirovano, (attaccante) Amarildo, Lucio Bertogna, Luciano Chiarugi, Giancarlo Danova, Mario Maraschi, Giorgio Mariani, Francesco Rizzo.

Grande exploit anche per la nazionale azzurra che vinse i titolo di campione d’Europa. Nella foto Giacinto Facchetti mentre solleva la coppa al cielo.