LAGHI NINFA: LA CARPA DI LEGNO DEL TEAM LBF TARO SECCHIA

LAGHI NINFA: LA CARPA DI LEGNO DEL TEAM LBF TARO SECCHIA

“The dark side of the feeder” il triangolo preso in prestito da un famoso album dei Pink Floyd, nato da un intuizione geniale di Fabio Trenti per rappresentare LBF Taro Secchia, anche quest’anno torna a far parlare di se con la rinomata ed ambita “carpa di legno” una gara nata nell’ormai lontano 2013 da un idea di Valerio Pazzoni che plasma con le sue mani anche l’ambito trofeo.

Giunti all’ottava edizione organizzata dal nuovo presidente entrante Gianluca Baruffaldi coccodrillo” per gli amici, personaggio molto famoso nell’ambito agonistico e noto per la sua simpatia prorompente.

Anche quest’anno la cornice è quella dei laghi Ninfa dove si sfidano a colpi di method per quattro ore di gara 7 coppie molto agguerrite.

Primi sul podio la coppia giovanissima Raberzani-La Quatra con 36.000gr. 3 premi per loro, prima coppia, Raberzani primo assoluto e La quatra si aggiudica la “carpa di legno”come ultimo peso di giornata, risultato da record per questi ragazzi.

Secondo gradino del podio per la coppia veterana Scasciamacchia-Tonarelli dietro solo di 500gr.

Terzo posto per Savazzi-Boselli dietro addirittura di 50gr. una battaglia davvero all ultimo grammo..

Quarto posto Vanni-Pettinaroli con 30.300gr.

Quinto posto per Antonio (Alestart) – Enrichetto con 28.400gr.

Una menzione particolare sicuramente per la sesta coppia che hanno gareggiato e dato filo da torcere a molti veterani della pesca a feeder, la fantastica Valentina Vernizzi con suo figlio Gabriele con un complessivo di 23.550 gr.

Ultima coppia con 23.250 gr. la coppia leggendaria “coccodrillo”Baruffa-Van den lauro.

Il totale dell incasso è stato devoluto in beneficenza come ogni anno.

Arrivederci alla prossima edizione.

Scasciamacchia Eros