La pesatura, siamo sicuri sia giusta?

La pesatura, siamo sicuri sia giusta?

Era un pezzo che volevo esprimere il mio pensiero su quest’argomento, ma alla fine ho sempre glissato per vari motivi.

Ma poiché sono stato commentato nel mio ultimo articolo, invece di rispondere al sign. Gigiotti, mi sono seduto davanti alla tastiera e cerco di dire la mia sull’argomento, un argomento che riguarda tutte le gare di pesca.

Siamo sicuri che la pesatura sia sempre fatta come si deve?

Ma prima mi sia concesso un chiarimento con l’amico Gigiotti, che non conosco e che spero di poter incontrare lungo i canali.
Per prima cosa non capisco su cosa potrei essere in malafede.
Davvero non capisco.

Vede signor Gigiotti, per una parte noi la pensiamo esattamente allo stesso modo, per una parte io credo lei abbia interpretato in modo non appropriato il mio pensiero.

Se io dico che “non mi è piaciuta”, non dico che è stata irregolare, assolutamente.

Se il terzo e quarto settore della zona 1 hanno dovuto attendere che finissimo di pesare il primo ed il secondo, perché la loro bilancia non funzionava, qualcosa che non funzionava bene c’èra.

E se andiamo a rileggere le mie righe, mai parlo di responsabilità della società organizzatrice, alla quale lei probabilmente appartiene, ed ancora meno in una situazione atmosferica come quella.

E se un pescatore si presenta alla bilancia con 11 carassi, e poi si trova con una pesatura inferiore di chi ne ha 6 o 7, ci si accorge che forse la bilancia proprio bene non andava, che reclamo può fare se era al nr. 2 e per una stupidissima regola, non può richiedere la ripesatura poiché obbligato a rilasciare il pescato?

Ecco io quando dico che la pesatura non mi è piaciuta, non ho accusato nessuno e non ho alimentato sospetti di nessun genere. Ho espresso un mio parere mettendoci NOME e COGNOME, e ringrazio questo sito che mi permette di farlo.

Ma lasciamo l’argomento “passato”, e parliamo di quello che potrebbe o dovrebbe essere secondo il mio pensiero.

Partiamo dalle Bilance.
La bilancia è uno strumento elettronico di misurazione e come tutti gli strumenti va regolarmente TARATO. Per il lavoro che faccio, so quanto importante siano le tarature, al punto che è obbligatorio tenere un registro.
La cosa potrebbe far sorridere qualcuno, ma invece non è banale.

Ricordiamoci che quando disputiamo una gara lo facciamo per prendere più peso degli altri, e se lo strumento che sancisce il vincitore, o chi lo utilizza in alcuni casi, non è adeguato, hai voglia te di prepararti per giorni e spendere soldi e tempo.
Mi piacerebbe sapere quando le bilance che tutti noi tutte le domeniche adoperiamo, sono state tarate dopo il primo utilizzo.
Se non erro, le bilance andrebbero tarate, da un esperto, ogni tre anni.

Ed invece cosa facciamo noi? Accendiamo e proviamo che funzioni. Ma siamo certi che stiamo pesando il giusto? Io non lo so.
Siamo certi che tutte le bilance usate in quella competizione siano tarate per rilevare lo stesso peso? Io non lo so.
E va bhè è uguale per tutto il settore. Giusto. Ma c’è o non c’è una regola che a pari piazzamenti vale il maggior peso?
Un mio socio ha perso il CRV individuale per il peso. Certo non per la bilancia, in quella occasione, ma se capitasse?

Ho affermato che alcune bilance elettroniche possono avere dei mal funzionamenti in situazioni meteo particolari. Non sono chiacchiere da bar, è il frutto di una ricerca fatta sul WEB. Non scartiamola a priori. Quando facciamo la scelta per delle bilance, consideriamo anche questo aspetto.

Quindi come prima cosa a mio avviso, per una corretta pesatura, sarebbe il caso d’avere delle bilance nuove di ultima generazione, ed In tutte le prove di un determinato campionato si dovrebbero usare le stesse bilance.
Cerchiamo di uniformare.
Facciamo delle tarature prima di ogni competizione. Prendiamo un peso di 1 kg calibrato, e proviamole tutte per capire se c’è qualche strumento che inizia a dare i numeri e ha la necessità d’essere manutenzionato.
Per il CRV sarebbero 5 tarature, una prima di ogni prova. Quanto ci vorrà? Un quarto d’ora?

Cosa c’è di peggio, d’accorgersi a metà settore che la bilancia che stai utilizzando dà i numeri e non puoi più tornare indietro.(regola assurda)
Ma se controlli per bene preventivamente le bilance, magari limiti gli episodi.

E poi compriamo dei treppiedi.
Leggende metropolitane, o forse no, dicono che quella bilancia o quell’altra, se la tieni così o colà, ti danno più peso o meno peso. Vero? Falso?
Non lo so, ma nel dubbio perché non usare un supporto che non siano le mani? Non a caso nelle competizioni di livello si usano.
E se lo hanno usato domenica gli organizzatori ad Ostellato, perché non si possono usare sempre? Sono così costosi? Io non credo.

Insomma, qui c’è la necessità, a mio avviso, di fare un salto di qualità.
In tutti i campionati, perché sono tutti importanti uguali.
Noi pescatori, per questi campionati, di soldi ne spendiamo tanti, ma davvero tanti. Possibile non si possa dare un sevizio migliore in un’operazione così importante per singoli e associazioni?

Secondo me lo star zitti senza criticare costruttive, o far delle proposte, non aiuta a crescere..
Io il mio pensiero l’ho espresso.
Spero sia uno spunto per un passo in avanti.

Moreno Coin