INTERVISTA A MASSIMO COMINATO RESP. COLPO FIPSAS TORINO

In merito alla nota discussione riguardante il campo gara sul fiume Po di Torino abbiamo cercato di approfondire meglio la questione con Massimo Cominato responsabile della pesca al colpo della FIPSAS di Torino.

Con lui ovviamente abbiamo parlato anche dell’attività della sezione torinese del 2011 che si è appena conclusa.

Allora Massimo come stanno le cose a Torino?

Cosa dire, in merito all’articolo pubblicato sulla stampa di Torino e sulle vostre prese di posizioni sono a ringraziarvi per l’interessamento verso il nostro tratto cittadino del fiume PO.
Volutamente non siamo intervenuti nella discussione del Vostro sito anche perché ci è sembrato più giusto far parlare chi veramente frequenta o ha frequentato il nostro fiume cioè i pescatori, agonisti e non, di Torino.
Vorrei precisare solo che la Sezione di Torino, il sottoscritto e il suo Presidente sono a conoscenza di quanto è stato scritto e pubblicato e sono comunque attenti alle problematiche del nostro sport, oltretutto il nuovo campo gara descritto nell’articolo della Stampa è un progetto della Sezione di Torino F.I.P.S.A.S. che porta la data del lontano 2004 successivamente modificato negli anni per volere delle istituzioni che controllano il nostro fiume.

Ma la sezione di Torino in questi anni cosa ha potuto fare per i campi gara?

E’ vero, in questi anni La Sezione di Torino di concreto non ha mai portato a casa nulla, solo tante promesse da chi tratta il politichese, tra consulte, riunioni, e sopralluoghi abbiamo perso il conto di quanto impegno abbiamo messo in campo, ricordando comunque, e non per merito, che tutti noi siamo volontari, tralasciando a volte lavoro e famiglia, ma questo non è un rammarico per cui vogliamo un premio ma bensì, perlomeno, chi ci ha additato come dei fannulloni o quant’altro sarebbe opportuno che si informasse meglio, magari nelle opportuni sedi della Federazione.

E’ sicuramente giusto che sia la Sezione di Torino a portare le voci dei suoi tesserati alle istituzioni preposte, ma è anche pur vero che le battaglie con solo i generali e senza la truppa non le vinceremo mai, quindi ringrazio comunque tutti quelli che scrivono, quelli che continueranno a scrivere, MATCH FISHING ITALIA che ci permette di far sapere al nostro circuito della pesca al colpo quali siano le complicazioni che riscontriamo nel Torinese per poter nient’altro che andare a pesca nel nostro fiume.

Beh, speriamo che tutti insieme si possa far arrivare la voce dei pescatori anche alle orecchie delle istituzioni locali e tramite la stampa ai cittadini tutti. Ma come sta l’agonismo nella vostra provincia?

Da qualche anno il nostro settore colpo di Torino non era più presente ai massimi livelli del nostro sport.

Quest’anno I Diavoli Maver di Torino hanno partecipato all’ECCELLENZA NORD come aventi diritto, visto il secondo posto ottenuto nella categoria inferiore nel 2010, hanno partecipato alla competizione più prestigiosa cioè quella che porta al Campionato Italiano per Squadre di Società.

Vorrei ringraziare sia la Società e i 4 componenti della squadra che si sono impegnati per la competizione in oggetto.

Prima o poi spero che anche altri atleti di Torino possano raggiungere questi livelli perché sono convinto che a casa nostra ci siano le potenzialità per partecipare in categorie come questa.

E nelle categorie inferiori come sono andate le cose?

Nella categoria inferiore, il trofeo di serie A1, vede 2 nostre Società ( I Diavoli Maver e Eridania 91 Colmic ) al nastro di partenza, anche qui un ringraziamento sia alle Società e ai componenti delle squadre per la partecipazione e l’impegno profuso anche se i risultati sono stati tra luci e ombre.

Se non sbaglio avete avuto agonisti anche nel campionato italiano promozionale..

Si, abbiamo avuto atleti che hanno partecipato al Campionato Italiano Promozionale in quel di Umbertide (PG), uno sforzo non indifferente per partire da casa ed arrivare su un campo gara così distante, ma alla fine penso che la loro tenacia sia stata ripagata.

Nelle prime posizioni vediamo, salire sul podio Iaconi Franco dell’Eridania 91 Colmic e di seguito Roberto Comeri dei I Diavoli Maver, anche qui grazie ragazzi.

E nel trofeo di serie B (regionale come sono andate le cose?)

Nel Trofeo di serie “B” regionale del Piemonte, in partenza doveva essere una ottima competizione con 5 prove dislocate nella regione, secondo un mio parere e sentito anche alcuni attori principali, è stata una competizione all’altezza delle aspettative e soprattutto combattuta fino all’ultima prova, prima prova il lago Mallone, seconda prova Alessandria, terza prova Alessandria, quarta prova Ticino Novara e ultima prova Alessandria, delle location penso di non dover dire nulla, le conosciamo tutti e soprattutto sono quelle che oggi danno più pescosità nella nostra regione quindi penso che il Comitato Regionale abbia centrato quello che volevano i partecipanti alla competizione.

Come per gli anni passati Torino con le sue Società non molla niente, il podio è Torinese, vede vincere la Società Eridania 91 Colmic sq A, seconda Cpt Barriera Nizza Tubertini, terza Eridania 91 Colmic sq B. Un ringraziamento anche a questi atleti per l’impegno che da anni portano avanti.

E nel trofeo di serie C com’è andata nel 2011?

Il trofeo di serie “C” promozionale, ormai si potrebbe chiamare Promozionale lago, si effettivamente le 5 prove si sono svolte tutte in lago, non ritorno a parlare del nostro fiume cittadino anche perché di parole ne sono state spese anche troppe, sarebbe opportuno che arrivassero anche i fatti ma purtroppo ad oggi il nulla.

Qui si è distinto il CPT Barriera di Nizza che dopo alcuni anni ritorna a vincere il trofeo di serie “C”, in un campionato molto combattuto: 1 classificata Cpt Barriera di Nizza Tubertini, 2 classificata Eridania 91 Colmic e terza classificato I Diavoli Maver.

Come anticipato sopra le prove si sono disputate in lago, quindi mi sembra doveroso ringraziare comunque chi ci ha ospitato ed ha reso possibile la nostra competizione a partire dai laghi privati e alla struttura di Federazione lago Primavera.

Vogliamo citare anche il provinciale individuale?

Il Provinciale individuale, nel 2011 è stato ridotto a tre prove senza scarto, quindi il più bravo sicuramente ha portato a casa la vittoria, la competizione si è svolta in campi misti, laghi e fiume, prima prova al lago Castelpasserino con una partecipazione importante anche se all’ultimo momento, per problemi di spazio, si è inserita la tecnica fissa a roubasienne.

Il lago per chi frequenta le competizioni Torinesi lo conosce bene è una struttura che comunque non lascia mai nessuno scontento.

La seconda prova si è svolta a Visone (AL) nel fiume Bormida, secondo il mio parere una gara ottima con tecniche diverse, chi ha scelto da subito l’alborella, e chi ha scelto la pesca a passata cercando i pesci di taglia, direi una gara che ci riporta indietro nel tempo con acqua che cammina ed un pescato ottimale; terza ed ultima prova al lago Mallone altra struttura notevole nel circuito Piemontese.

Alla fine delle tre prove vede al comando e salire sul podio in questo ordine 1CL Marotta Angelo Eridania;91 Colmic, 2 CL Cisotto Bernardino Eridania 91 Colmic, Lino Giuseppe I Diavoli Maver, per i tre atleti la promozione al Campionato Italiano Individuale 2012.

Gli altri campionati come sono terminati?

I Provinciali a coppie e box continuano a mantenersi a livelli standard negli anni, quindi reputo che siano due competizioni gradite dagli atleti che partecipano, nel 2011 vede vincitori per il Provinciale a Coppie Ciambrone Raffaele e Spina Alberto dell’Eridania 91 Colmic, per il Provinciale a Box Soffia Valter, Comeri Roberto, Ferro Mario e Ingaramo Riccardo dei I Diavoli Maver.

Mi pare che dalle vostre parti ci siano diversi pescatori che hanno imboccato la strada del ledgering, cosa state facendo come sezione provinciale in questa tecnica?

Il ledgering, si nel 2011 a Torino e per la prima volta si è disputato un Trofeo della specialità, non ti nascondo che noi su questa specialità siamo a digiuno, quindi con la Commissione Sportiva Colpo e gli interessati della Specialità, nel marzo 2011 a seguito di una riunione in Sezione Provinciale si è valutato di mettere in calendario un Trofeo Ledgering.

Premetto, in fase di riunione il nostro settore colpo aveva chiarito, essendo a digiuno, che avremmo avuto la necessità di esperti per organizzare le prove e soprattutto che ci fosse una Società di Federazione che se ne facesse carico.

A seguito di queste variabili cioè: la Sezione di Torino ha affiancato una Società per l’organizzazione delle prove, ha dato il supporto per prenotare i campi anche fuori dalla Provincia, ha programmato il calendario e informato le Società di Torino della manifestazione, rimaneva il punto cruciale, eseguire le tre prove a calendario, penso e sono convinto che i ragazzi del Ledgering abbiano ottemperato al meglio le organizzazioni delle tre prove, purtroppo il mio rammarico e che i nostri agonisti non siano intervenuti.

Penso che ci sia la volontà e la possibilità di ripeterlo forse aggiustando qualche spigolo, e sicuramente, nel 2012, se si vorrà ripetere la manifestazione, la Sezione Provinciale è a disposizione delle Società o dei loro atleti per programmare nuovamente la competizione.

Alla fine di questa intervista c’è qualcuno che vuoi ringraziare?

Si voglio ringraziare chi con me ha partecipato attivamente per far si che il nostro sport continui ad esserci e cercare di migliorarlo sempre e comunque, quindi ringrazio la Commissione Sportiva Colpo per il suo impegno, i Giudici di Gara sempre presenti, e tutti quelli che come me dedicano un pochino del loro tempo libero alla nostra passione che è la pesca.

Bene Massimo allora da queste belle premesse ti auguro anzi vi auguriamo un grande in bocca al pesce per questo 2012 e che sia ricco di soddisfazioni sia per la FIPSAS di Torino che per tutti i suoi tesserati.

Cordiali Saluti a tutti i lettori di Match Fishing da Massimo Cominato Settore Colpo FIPSAS Torino

 Massimo Cominato in pesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.