LA PAROLA AI VINCITORI DELL’A/3: IL GAMBERO MILORDS (MAVER),INTERVISTA A GINO BACCI.

La nostra Natascia Baroni è partita alla volta di Bologna per intervistare Gino Bacci un agonista molto conosciuto non solo per le sue grandi performances ma anche per la produzione degli ottimi galleggianti da pesca.

Buona lettura.

– Gino complimenti, una stupenda vittoria?
Grazie, si, una bella soddisfazione.

– La tua squadra formata da: te, Melloni Davide, Macchiavelli Loris e Nizzoli Domenico ha vinto con 60.5 penalita’, seguiti dalla Vadera Pontederese con 64 e dalla T.C.A.FIRENZE con 65, una classifica incerta fino alla fine.

-Siete partiti subito con il botto: 6 punti a Cavo Lama, vorresti raccontarci questa gara perfetta?
La gara del Cavo Lama, l’abbiamo impostata (viste le prove dei giorni precedenti), tutti e quattro sulla pesca all’inglese, iniziando con una pasturazione iniziale di 40 palline di pastura circa, a 10 metri dalla sponda opposta, alimentando regolarmente per tutta la gara ( sempre con la pastura) e pescando a partire da contro la sponda, venendo sulla pastura.

-Alla Fiuma avete fatto 12 e 19 punti, un campo gara che conoscete bene visto i risultati ?
La Fiuma, canale che conosciamo sicuramente meglio, nella 1°, 2°,3° zona, la pesca era a roubasienne, mentre nella 4° zona dove pescava Nizzoli era all’inglese.
Abbiamo chiuso queste due prove con 31 penalità che ci hanno permesso di vincere il girone.

-E nella prova sull’Arno un 13 ed 21,un buon punteggio, ma forse la gara dove avete incontrato piu’ difficolta’?
Nella gara in Arno , la pesca era solo a roubasienne, il sabato abbiamo pescato solo gatti innescando i gamberi ed abbiamo fatto 13 punti, mentre la domenica , dopo circa mezz’ora di gara , visto che i gatti non rispondevano, ho cambiato pesca con lenze più leggere, innescando i bigattini.
Alla fine ho chiuso con un secondo di settore, al picchetto n° 7, vince l’ultimo di zona con 16800 di carassi e cosi’ chiudiamo questa prova a squadre con 21 penalità.

-In queste gare che tipo di pastura avete utilizzato?
Nel Cavo Lama , abbiamo usato la pastura SPECIAL MATCH + WINTER CRASH DELLA MAVER, in Arno la SPECIAL PISA DELLA MAVER ed in Fiuma la CARASSIO DARK E WINTER CRASH MAVER.

-Ed il prossimo anno in eccellenza,siete pronti a scontrarvi con i club piu’ forti dell’Italia?
Per il prossimo anno siamo fiduciosi. Siamo una squadra molto unita e possiamo fare un buon campionato.

-Ed ora passiamo al Gino Bacci: uomo,pescatore e produttore. Quale fra queste tre parole ti rappresenta di piu’?
Di queste tre parole , non so quale mi rappresenti di più, come uomo: sono sereno e in pace con tutti, come pescatore: qualche soddisfazione me la sono tolta e come produttore : sono 30 anni che faccio questo lavoro e continuo a farlo perchè mi piace molto.

-I suoi galleggianti sono conosciuti in tutto il mondo, la sua passione l’ha reso famoso, quali sono quelli a cui tiene di piu’ in assoluto?
I galleggianti a cui tengo di più in assoluto sono due: il LUNA ( galleggiante a goccia classico con deriva in carbonio e antenna in plastica) e l’altro è l’APACHE, un galleggiante uscito nel 2010 perfetto per acque correnti.

-Puo’ darmi una piccola anteprima sulle novita’ del 2013?
Nel 2013 usciremo con diverse serie di vele di nuova concezione.

-In tanti anni di agonismo, c’è una gara che le è rimasta nel cuore e perche’?
La gara che più mi è rimasta nel cuore: è stata la finale delle superselezioni a PISA nel 1997 , quando non c’erano ancora i gatti. In un picchetto centrale feci l’assoluto con quasi 17 kili di carassi , che mi fruttarono l’ingresso in nazionale.

-Ed una che invece l’ha fatta arrabbiare?
Mentre la gara che mi ha fatto più arrabbiare: è stata l’europeo del 1998 in Irlanda, dove capitai in una zona dove non c’era neanche un pesce.

-La ringrazio molto per la sua gentilezza, ancora tanti complimenti.
Grazie a te.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.