C.I.S. COLPO: LA PAROLA AI PROTAGONISTI – IN QUESTO ARTICOLO ANDREA BONI

Le prime due prove del CIS sono già alle spalle e le prime indicazioni emerse dalla classifica parlano di una Lenza Emiliana Tubertini subito protagonista, nonostante la triste vicenda della scomparsa di Simone Carraro ancora viva nei pensieri dei ragazzi della Lenza e di tutti gli sportivi italiani.

Era importante vedere la squadra in azione senza più la presenza di un prezioso compagno e amico di tante battaglie e Ferruccio e soci hanno dato tutto per onorare la memoria di Simone e per dimostrare di essere dei grandi campioni.

Che l’Emiliana fosse in sintonia con questo canale lo si era visto già nelle gare di prova delle settimane precedenti anche se subito dietro alla Lenza si insedia, e non a caso, una squadra che da un po’ di anni viaggia ad alti livelli; parliamo dell’Amo Santarcangiolese Colmic dove pescano il pesarese Cesare Barilari, il reggiano Gino Govi, il ferrarese Lorenzo Sarti e il nuovo ingresso il lombardo Andrea Boni.

Una squadra romagnola con agonisti extra regionali a far sventolare alta la bandiera di una gloriosa società che in Romagna, grazie alla conduzione del Patron Mauro Biondi, ha scritto pagine importanti nella pesca al colpo.

Amo Santarcangiolese che segue passo passo il sentiero indicato dalla squadra A dell’Oltrarno con la quale pare abbia stipulato una sorta di gemellaggio sportivo vista la collaborazione tecnica presente tra le due formazioni.

Per la squadra dell’Amo abbiamo intervistato il nuovo arrivato Andrea Boni il quale ha dimostrato di integrarsi al meglio con il resto del gruppo.

BONI

Una prova da quasi marziani, grazie alle 5 penalità ottenute, punteggio che non capita sempre di riscontrare in una gara del CIS colpo.

Andrea ha pescato per anni nella Lenza Emiliana con la quale ha raggiunto traguardi importanti come la nazionale seniores e questa esperienza, maturata in Emilia, l’ha messa a disposizione della nuova squadra romagnola e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Andrea un grande avvio, da grande protagonista…
Si Alessandro, le cose sono proprio come hai detto tu, la mia crescita tecnica è maturata sotto le due torri, in una società importante e piena di campioni, mi hanno permesso di crescere tanto e a loro vada subito il mio primo personale ringraziamento.

Ora però vesto un’altra maglia, di una società che in fatto di entusiasmo, carica e voglia di fare non ha eguali. Qui all’Amo mi sono subito inserito perché quando si ha che fare con persone squisite, con un gruppo piacevole, i risultati non possono che arrivare.

Ma dove vuole arrivare questa squadra?
Ma guarda noi si pesca in ogni gara per fare bene, ci prepariamo sempre a dovere, i prodotti che usiamo sono gli tessi che usano i campioni dell’Oltrarno Colmic e l’esperienza maturata sui vari campi gara da tutti gli atleti della squadra sono la migliore certezza per un cammino che si preannuncia ricco di soddisfazioni.

Obiettivi?

nessun obiettivo, cerchiamo di fare bene e poi vedremo a metà campionato di capire la reale nostra forza e se si potrà viaggiare tra le prime della classe lo vedremo più avanti.

Ma come nasce il successo ad Adria che vi colloca in seconda posizione nella classifica progressiva dopo due prove?
Ma guarda a volte i successi nascono per competenza, per esperienza, per capacità, per fortuna e a volte per caso, insomma dico che durante le prove del giovedì e del venerdì avevamo inquadrato bene le nostre strategie di gara però…

pero?
però durante le prove è successo un fatto non voluto che ha dato il la alla svolta della nostra prestazione.

Ovvero sii più chiaro Andrea..
guarda durante le prove, mentre passavo i vermi dalla pedana sinistra a quella destra, la scatola dei vermi mi è caduta dentro la pastura e così mi è venuta l’idea di tagliare quei vermi e di pasturare con questo composto.
Devo dire che questa prova casuale ha fatto si che il pesce abbia risposto presente.

Ma il sabato in gara uno le cose non sono andate proprio bene bene, non trovi?
Si lo so infatti al sabato per la verità il pesce lo abbiamo anche preso il problema è stato che lo abbiamo anche slamato e così finiamo per fare 14 penalità ma poi aggiustate quelle due cose, alla domenica le cose sono andate davvero bene, ……… non trovi?

Ah certo che si vedere 5 penalità non capita tutte le volte..

Tutto qui o pensi che un successo arrivi anche per altre ragioni?
beh devo dire che io vedo il successo basato su tre colonne; la prima sono gli agonisti che devono saper pescare e far girare la lenza nel modo giusto; il secondo sono gli attrezzi e i prodotti che devono essere di alta qualità; il terzo è la società alle spalle, il così detto gruppo, e a tal proposito devo ringraziare, e lo faccio in questa occasione, tutti colore che si sono prodigati per assisterci, aiutarci e sostenerci durante le prove e in occasione delle due prove di gara. Avere due persone sopra per ogni garista è tanta roba e per questi motivi mi sento di dire che il successo deve essere condiviso tra tutti.

Hai parlato di prodotti di qualità, ma tu quali hai usato ad Adria per fare questo grande risultato?
Beh devo dire che i nostri prodotti sono gli stessi che hanno utilizzato i campioni dell’Oltrarno Colmic con la Wonderblack ad essere tagliata al 50% con la terra di fondo. In aggiunta abbiamo inserito un pò di bentonite.

Bene Andrea, mi pare che il risultato di questa gara non possa far altro che aumentare l’impostazione positiva che regna sovrana in casa Amo, o c’è dell’altro?
Si guarda Alessandro quello che è successo a Simone ha scosso tutti ed in particolare il sottoscritto tanto che ancora non riesco a credere che non sia più tra noi, proprio lui che mi ha dato tanto, eravamo amici e siamo stati compagni di squadra nella lenza e con la maglia azzurra. Simone è stato il mio maestro e da lui ho imparato tanto.
Ho pensato a lui tante volte in questi giorni e devo dire che quando la gara è iniziata mi sono concentrato e ho badato a prendere pesci proprio come voleva Simone.
Dedico quindi a Simone questa grande prestazione.

boni2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.