International Fishing Show: la parola a Fabrizio Finetti.

Alla vigilia della 4° edizione del Match Fishing Cup Colpo & Feeder,che si terra’ domenica ad Umbertide,vi propongo alcune domande che sono riuscita a rivolgere a colui che domenica scorsa, proprio lungo il fiume di questa stupenda cittadina,ha conquistato l’International Fishing Show 2014,organizzata da Sandro Zucchini : Fabrizio Finetti del P.C. Cannara Gualdese (Colmic).
Domenica lo ritroveremo in gara,dove tentera’ di fare il bis.
Tantissimi sono gli iscritti a questa gara circa 250 in totale tra colpo e feeder fishing ,con la partecipazione di molti agonisti famosi e sicuramente sara’ una bellissima festa!
Non mi resta che ringraziare e fare l’in bocca al lupo a Fabrizio e per chi ci sara’,ci vediamo tutti lungo le sponde del Tevere e poi sotto la Rocca con gli stand dei vari espositori, che per questa occasione presenteranno le novita’ per la pesca al colpo ed a feeder del 2015.
Chi purtroppo non puo’ essere presente, dovra’ aspettare l’uscita sul canale video You Tube della manifestazione.
Non mi resta che augurare buona fortuna a tutti i partecipanti e che vinca il migliore!!!
Un saluto a tutti.
Natascia

Fabrizio, per prima cosa complimenti,non è facile fare due primi ad Umbertide per vincere questa manifestazione…
Innanzitutto voglio fare i complimenti a Sandro per l’organizzazione, poi ringrazio te per questa intervista ed i complimenti!
Sicuramente fare due primi con il Tevere in continua evoluzione, come è stato in questi giorni, è proprio un gran bel risultato.
Che sensazione hai provato con il “senno di poi”,quando ti sei veramente reso conto di aver trionfato?
Una gioia ed una soddisfazione incredibile! Anche se ancora non ho ben metabolizzato quello che ho fatto. Se mi farai questa domanda tra un paio di settimane, a mente fredda, saprò essere più preciso.
Ci vuole anche un po’ di fortuna?
Sicuramente nella pesca, come negli altri sport, la fortuna gioca un ruolo importante. D’altro canto dico sempre: “la fortuna non è altro che una situazione in cui una persona preparata, incontra una condizione favorevole”. Quindi bisogna anche essere bravi a sfruttarla, perché nella pesca a questi livelli, da sola non basta.
Che lenze avevi preparato per affrontare al meglio questa competizione?
Ho monitorato il fiume per tutta la settimana ed ho deciso di puntare tutto sulla pesca a vela classica, con una spallinata bassa su 30 cm., oltre che alle solite lenze da cavedano in passata che ho tenuto come salvagente.
Il sabato eri nel tratto di zona denominato “carpina alta”, come hai pescato nelle quattro ore di gara?
Come detto, ho impostato la gara pescando a vela fermo sulla pastura, ho montato vele di diversa dimensione, alternandole in modo da non far stancare il pesce.
Come hai pasturato inizialmente ?
Ho fatto il classico fondo da cavedano per questo period:, tre palle di bigattini incollati e della canapa. Ho alimentato costantemente arrivando ad utilizzare fino a 3 kg . di bigattini!
Che peso hai fatto e quanti cavedani hai preso?
Sono stato fortunato perché la pesca a vela mi ha retto per tutte e quattro le ore, riuscendo a portare a guadino 21 cavedani ,per un peso di 6.600 gr.
Invece la domenica dove eri capitato e la tua gara è stata simile oppure hai dovuto cambiare qualcosa?
Domenica sono capitato nel settore centrale della “strettoia” al numero 4. Ho iniziato la gara come il sabato, catturando 8 cavedani dopo appena 1 ora. Poi qualcosa è cambiato, costringendomi a pescare in passata con la fionda, fortunatamente il mio bottino iniziale aveva fatto la differenza, impedendo ai miei avversari di raggiungermi.
In questi due giorni di gare,hai mai trovato difficolta’ nella pescata?
Si, le ultime due ore della domenica sono state le più complicate ed intense, vuoi per il pesce che faticavo a prendere, vuoi per l’emozione di vincere o essere superato dagli avversari. Puoi capire cosa ho provato al termine quando mi sono reso conto che era finita!
Come hai trovato il fiume?
Il Tevere qui ad Umbertide non ha bisogno di elogi o presentazioni, ma risponde sempre con i fatti!
Faccio gare qui da 20 anni ed ogni volta che, suona l’inizio gara ed immergo la mia lenza in acqua, provo le stesse emozioni della prima.
Vorrei far notare la grande gara che è uscita con dei pesi fantastici, nonostante l’acqua non sia stata delle migliori a causa delle piogge. Questo per spezzare una lancia a favore di questo bellissimo campo gara, che regala catture e divertimento in ogni condizione.
Grazie mille,alla prossima intervista.
Ciao a tutti, alla prossima.

FINETTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.