MONDIALE PER NAZIONI: SAN MARINO ……….BICCHIERE MEZZO PIENO!

Certo se si vince è meglio, ma a volte si può essere contenti lo stesso anche se si arriva lunghi ma con la consapevolezza di avere dato tutto e di avere vinto prima di tutto le difficoilta oggettive che si incontrano in ogni mondiale.

In quello disputato in Croazia le normali difficoltà si sono moltiplicate per cento e così i sammarinesi, rappresentati a Varazdin dal Presidente Graziano Muraccini, hanno fatto buon un buon mondiale chiudendo in 21° posizione.

La comitiva biancoceleste, formata da Giovanni Stacchini delegato federale, Graziano Muraccini Presidente Fips San Marino, Maurizio Santini Capitano, Ercole Bologna, Romano Pasquinelli, agonisti Massimiliano Biordi, Filippo Scarponi, Alberto Tasini, Luca Parenti, Giancarlo Fusini, Oscar Grandoni, ha migliorato il trend rispetto agli due mondiali portandosi in 18° posizione assoluta nel ranking relativo agli ultimi 5 anni (2009-2014).

san-marino

Come ha vissuto il 61° mondiale la formazione del Titano lo abbiamo chiesto al Presidente Graziano Muraccini …

“questo è stato un mondiale tosto, non il massimo per la repubblica di san marino ma comunque sempre meglio degli ultimi due anni. Stiamo crescendo e lo abbiamo dimostrato anche in questo contesto grazie ad un gruppo fantastico che stimo e ringrazio pubblicamente per quanto hanno fatto per i colori della nostra bandiera. Vedere Giancarlo Fusini andare avanti a pescare grazie all’assunzione di antinfiammatori e antidolorifici è un comportamento da elogiare.
Non ha mollato e anche il secondo giorno quando il dolore lo castigava ha saputo resistere ea portare a termine la prova.
Grazie Giancarlo.
Siamo dispiaciuti per non avere chiuso meglio in classifica perché il pesce per fare molto meglio lo avevamo preso quindi vuol dire che eravamo in pesca ma come è successo a tanti lo abbiamo perso.
Analizzeremo meglio a bocce ferme le ragioni di questi inconvenienti per farne tesoro per la prossima volta.
Noi abbiamo fatto il possibile e tutti sono da elogiare per avere fatto il massimo per la causa comune dall’accompagnatore al capitano passando per gli atleti ma in un campo di gara come quello croato era davvero difficile pescare.
Il campo gara per la verità è molto bello perché mette tutti i concorrenti sullo stesso piano e quindi non ci sono picchetti più favorevoli di altri. Purtroppo le condizioni meteo sono state inclementi tenendoci sotto la pioggia per tutta la settimana.
Sono molto dispiaciuto per quanto accaduto alla squadra della Lituania la quale a causa dell’allagamento dell’0albergo dove alloggiavano si sono presentati alla gara del sabato solo mezz’ora prima del giù le canne. In questo caso la Direzione di gara doveva dare loro più tempo per prepararsi e invece niente , peccato perché sarebbe stato un bel gesto sportivo aspettare degli sfortunati incappati in una grande alluvione.
Se devo essere sincero sono rimasto molto sorpreso del risultato dell’Italia, chiudere con tre cappotti è difficile da capire per chi come me vede l’Italia sempre tra una delle squadre più forti in ogni mondiale.
La vera sorpresa è stata l’Olanda perchè loro potranno essere bravi a pescare breme e gardon ma non barbi in quelle condizioni e invece sono riusciti a vincere l’oro; Tanto di cappello ai ragazzi di Jan Van Schendel.
Ritorniamo dal mondiale con una bella novità, la repubblica di San marino partecipoerà al triangolare internazionale con Francia e Italia dal 5 al 9 novembre in Francia a Dampierre En Burly un paese che dista solo 100 km da Parigi. Li andremo per cercare di capire come pescare i gardon e di questa opportunità voglio ringraziare pubblicamente Antonio Fusconi che si è attivato insieme al suo staff del Comitato di settore della FIPSAS Italiana”.

15783_389420614541277_5427581247965758651_n

IMG_6893

IMG_6894

IMG_6915

IMG_6916

IMG_6931

IMG_6981

IMG_6982

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.