CAMPIONATO ITALIANO INDIVIDUALE FEEDER: SULLA FIUMA DOMINANO LE GROSSE BREME

I 168 concorrenti arrivati da tutta Italia si sono sfidati sul difficile e molto tecnico canale Fiuma in località Mandria vecchia e nuova per cercare di conquistare il pass per la seconda prova prevista sul lago di Corbara.

IMG_3721

Il canale è stato affrontato con diverse impostazioni di pesca anche se alla fine i jolly che ti permettevano di balzare in testa alla classifica di settore erano rappresentati dalle grosse breme pescate a cortissima distanza o dalle carpe se si riusciva a non perderle.

Non è stato il solito canale visto nelle gare di prova, dove i carassi si catturavano a man bassa a ridosso della sponda opposta e anche sul tiro della roubasienne infatti, esaurite le prime catture, i concorrenti hanno faticato a individuare la soluzione migliore per proseguire la gara.

Questo è il bello della Fiuma, quello che va bene un giorno non è più uguale il giorno dopo.

In alcuni settori i carassi si sono anche presi e se vi dicessi che per ingannare la diffidenza di questi pesci occorreva montare un terminale del 10 e amo del 20 forse non ci crederete ma in effetti se si voleva continuare a vedere qualche mangiata occorreva affinarsi con amo e filo.

In alcuni settori i carassi da soli non sarebbero mai bastati per rimanere all’interno delle prime cinque posizioni del settore utili per passare il turno e così in tanti hanno provato la pesca corta a sei metri da riva pescando alla destra della pedana sotto le canne per cercare qualche breme o pesce di taglia.

In tanti ci hanno provato e qualcuno facendo le cose giuste ci è riuscito.

Nel settore terminale della mandria nuova, ad esempio, vince Alessandro Furlan con diversi carassi e tre grosse breme pescate nel sottoriva mettendo del fouille nel pasturatore ed innescando tre bigattini.

Anche Mazzetti ha fatto la stessa cosa e pur avendo catturato diversi carassi, solo con quelli non avrebbe mai vinto, da gran pescatore qual’è, grazie al consiglio del suo spondino, si porta nel sottoriva a cercare le breme dando del fouille nel pasturatore innescando bigattini e alla fine riesce a trovare alcune breme di taglia che gli fanno vincere il settore con oltre 12000 punti.

Mazzetti sulla sua gara ha detto:

“Sono capitato in Mandria vecchia settore F numero 9 sono partito a pescare sulla sponda opposta con 20 grammi un terminale da 60cm del 14 alternando due tre bigattini bianchi. Ho preso bene per un’ora circa poi mi sono spostato a 16 mt dove avevo fatto un piccolo fondo ad inizio gara con pastura e bigattini e ho preso una decina di pesci quando mi sono calate le mangiate sono tornato sulla sponda opposta cosi dopo 3 ore di gara avevo circa 40 carassi nella nassa e circa 5 /6 kg di peso. Lorenzo che era la mia sponda mi diceva fino a quel momento che ero primo ma ero in mezzo alle canne e non potevo vedere nulla. Poi mi dice che gli avversari iniziano a prendere grosse breme e carpe sotto riva. Non ero assolutamente dell’idea di fare spostamenti, ho pensato che potevo finire la gara a carassi e fare circa 7 kg ma Lorenzo mi continuava a dire che si era stravolta la classifica con quei pescioni allora mi sono messo anche io a fare la pesca corta prendendo 5 breme pescando con 3-4 bigattini e usando pastura con tanto fouille dentro, vincendo il settore con poco meno di 13 kg.
Ho fatto in conti che se finivo la gara con regolarità e 7 kg di carassi nel mio settore rischiavo di non passare . Essere venuto sotto riva é stata la svolta della mia gara. In un settore dove non si vedono i concorrenti é molto difficile rendersi conto di come si possa andare e così dedico la mia vittoria a Lorenzo che mi ha fatto fare le scelte giuste al momento giusto.”

IMG-20150830-WA0008

IMG-20150830-WA0017

Anche i primi tre assoluti ovvero Andrea Giannini, Maurizio Quattrini e Michele Capoccia realizzano una pescata stratosferica da oltre 25 mila punti a testa rappresentata da diverse breme di grossissima taglia.

Pasturatori da 30 grammi, fouilles dentro il pasturatore e tre bigattini all’amo pare siano stati quindi la chiave per ingannare questi grossi abramidi che popolano i fondali della Fiuma.

A breve pubblicheremo anche l’intervista al primo classificato Andrea Giannini della Lomcer che guida la classifica provvisoria con 26.250 punti.

i momenti del raduno alla mattina prima della gara

raduno2

raduno
LE CLASSIFICHE PROGRESSIVE
20150830_162321
20150830_162328 20150830_162336 20150830_162342 20150830_162349 20150830_162354

Andrea GianninigianniniMaurizio Quattrini

 

quattrini

Michele Capoccia

capoccia

Sauro Morelli, con le sue breme che gli danno la vittoria

pesce

una classica postazione di pesca
IMG_3720

a
IMG_3719

la gara è appena terminata
IMG_3717

La Direzione FIPSAS Antonio Rivi e Alberto Guerzoni
IMG_3748

Michele Batignani LOMCER oggi primo di settore con oltre 10000 punti
IMG_3746

il momento della pesata
IMG_3738

pescata di carassi
IMG_3736

un triste nove di settore per Scarponi
IMG_3734

i carassi di Casalini
IMG_3732

una bella pescata di carassi
IMG_3730

una bella carpa
IMG_3729

Alessandro Furlan
IMG_3724

11920386_504613396361666_1052651837_n

11939259_504551516367854_1087978760_o

CRISTIAN MARI
CRISTIAN MARI

A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.