LAGO BORGHESE: 1° TROFEO NOI, AMICI DELLA PESCA PER LA SCLEROSI MULTIPLA

Sabato 30 Aprile, presso il “Lago Borghese” di Monsummano Terme, si terra’ una manifestazione molto importante : il “1° Trofeo Noi, amici della pesca per la sclerosi multipla“. Un evento a cui parteciperanno famosi personaggi del mondo della pesca italiana, sia del colpo che del feeder fishing e sponsorizzato da alcune delle piu’ importanti ditte del settore. Per questa occasione, ho avuto il piacere di scambiare “due parole” con uno degli ideatori di questo Trofeo: Fabrizio Fracassi, a cui ho rivolto alcune domande.
Mi raccomando partecipate numerosi!!!!
Per M.F.  Natascia Baroni

foto1

Fabrizio, ti faccio subito i miei complimenti per questa bellissima iniziativa, che vede oltretutto anche la partecipazione di famosi pescatori. Ci elenchi i loro nomi?
Grazie per i complimenti, che condivido molto volentieri con altre due persone speciali: Luciano Mereu e Rocco Scarcella, che insieme a me hanno dato il via a questo progetto umanitario, persone fantastiche ed impagabili. Interverranno al 1° Trofeo Noi, amici della pesca per la sclerosi multipla: Maurizio Natucci, presidente della FIPSAS acque interne; Mario Molinari; Francesco Casini; Massimo Ardenti; Enrico Bonzio; Maurizio Fedeli; Maurizio Biolcati; Gabriele Ciampalini ed avremo anche il grande Drupi, cantante ma anche eccellente pescatore al colpo.

Come nasce questa idea?
Questa idea nasce, lo scorso settembre. Ero stato invitato ai laghi Mella, nel bresciano, dove si svolgeva una manifestazione di pesca per bambini down, organizzata dal mio carissimo amico Roberto Agnelli ( titolare della Pan&Company) sempre molto attivo per il sociale, e rimasi sorpreso nel vedere i miei “colleghi pescatori” partecipare cosi’ numerosi a questa gara di solidarieta’. Per dare una giornata di gioia a questi splendidi bambini, che tanto hanno da insegnarci, ecco, c’e’ stato un colpo di fulmine, sono rimasto folgorato ed immediatamente e’ balenata l’idea di mettere su un’ associazione per aiutare la ricerca sulla sclerosi multipla, della quale io stesso ne sono affetto.

E come mai avete scelto come campo di gara il “Lago Borghese” di Monsummano Terme?
Il campo gara ” Lago Borghese” viene scelto perche’ in questo evento siamo aiutati da Francesco Casini e Gabriele Ciampalini, toscani doc, quindi la scelta e’ stata la loro, con la nostra direzione. Come si suol dire, loro giocano in casa. Ma la nostra idea e’ di fare 4 o 5 eventi l’anno, sparsi per le regioni italiane, abbiamo tantissime richieste di partecipazioni, ma tantissime defezioni anche, le distanze sono notevoli, e quindi vorremo far diventare questo trofeo, esilarante. In progetto ce n’e’ uno anche in Francia, nella Provenza, bellissima terra ricca di zone pescose

Convinci i nostri amici pescatori ad iscriversi a questa manifestazione?
A tutti gli appassionati di pesca, agonisti e non, diciamo di sostenerci in questo viaggio, il nostro scopo e’ raccogliere fondi e donarli direttamente all’universita’ di Verona , lab. ricerche per la sclerosi multipla, coadiuvato dal Prof Massimiliano Calabrese ( che ci e’ sempre molto vicino), come gia’ abbiamo fatto con il primo evento/raduno, svoltosi lo scorso ottobre a Cremona e dove abbiamo riscosso un discreto successo, nonostante avendolo organizzato in pochissimo tempo, la risposta e’ stata fantastica.

Ho visto che ci sono importanti ditte che hanno aderito nel sponsorizzare questo evento contro la sclerosi multipla. Una bella soddisfazione?
Adesso abbiamo tantissimi sponsor che ci appoggiano e spero tanti altri arriveranno. Un grazie di cuore lo dobbiamo ad ITALICA SpA, perche’ e’ stata la prima a sposare la nostra causa, a supportarci in tutto e per tutto, quindi ringraziamo uno dei suoi titolari Giacomo Solza e la Sig.ra Mary, che ci ha coordinato con i premi, le spedizioni e ci e’ sempre stata vicino, E poi Trabucco, anche lei presente con Maurizio Fedeli e Maurizio Biolcati. Adesso che ci siamo fatti conoscere, tante aziende primarie ci stanno aiutando, e tante se ne stanno aggiungendo.La FIPSAS da adesso in poi, sara’ sempre al nostro fianco. Anche note riviste del settore, sia cartacee che online, hanno acceso i fari su di noi. Questo ci riempie di orgoglio, perche’ oltre a tanta visibilita’, stiamo riuscendo a sensibilizzare tutti, sulla conoscenza di questa piaga infame e invalidante che e’ la sclerosi multipla.

Il regolamento prevede una gara al colpo ed una al feeder. Avete voluto fare le cose in grande?
Abbiamo suddiviso la gara in due, pesca a colpo e feeder. Il perche’ e’ semplice, il vecchio e amato ledgering era stato un po’ abbandonato, messo in disparte, ma tornando in auge negli ultimi anni e contemplando tantissimi iscritti, garisti o amatori, abbiamo dato spazio anche a loro, poi il Grande maestro Mario Molinari lo ha riportato in alto!!

Tu sei malato di sclerosi multipla, ma questa terribile malattia non ti ha impedito di praticare il tuo sport preferito. Quanto ti ha aiutato praticare la pesca mentalmente?
Certo essere colpiti da questa patologia invalidante, non e’ il massimo della vita, pero’ la stessa va avanti, e bisogna viverla nel migliore dei modi. Bisogna cercarsi degli spazi dove vivere la nostra realta’, e non e’ difficile, ognuno poi ha le sue inventive, il suo estro da praticare, ecco io ho la pesca, la mia grande passione, ho 55 anni ed ho iniziato a pescare che ne avevo 5. Mezzo secolo d’amore senza mai nessuna crisi. Questo e’ amore vero!! A tutti i miei colleghi di sventura, carrozzati e non, dico solo vivete questa vita al massimo, guardate oltre la sclerosi multipla, contornatevi sempre di gente positiva e mai di quella negativa, e sorridete, sorridete sempre non costa niente ed e’ un ottimo medicinale per la nostra patologia!!!

Grazie per questa mini intervista e vi auguro di passare una splendida giornata nel segno della solidarieta’ e dell’amicizia.
Grazie a te Natascia, a nome della nostra direzione, che ci hai dato questa opportunita’.

 

foto3

foto4

nuovi%20sponsor

foto6

foto7

foto8

foto9

foto10

foto11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.