Colpo al via: Emiliana Tubertini su Ravanelli Trabucco ed Oltrarno Colmic

Come avevo anticipato via Facebook, son riuscito a portare a compimento un arduo lavoro, consistente nell’elaborare la Griglia di partenza nazionale e quindi di tutti i tornei a squadre (CIS e Serie A), sulla base dei rendimenti iniziali dei singoli componenti,

Allora, fra i tanti problemi il primo è stato quello di sapere esattamente a quali club appartengano tutti i garisti del Rendimento (sono circa 7000…), quindi avere un aggiornamento completo sul 2018 è risultato ad oggi pressoché impossibile. Comunque ho tenuto in considerazione le variazioni segnalate nel Pescamercato, oltre ad alcuni aggiornamenti emersi nelle primissime gare della stagione. In ogni caso, credo che la gran parte degli agonisti che interessano queste classifiche siano aggiornati e conseguentemente anche le squadre di appartenenza, se emergerà qualche imprecisione (soprattutto per quanto concerne le formazioni non di primissima fascia) mi vorrete scusare…

Quindi la classifica è stata formata attribuendo a ciascuna squadra la somma dei rendimenti di ingresso dei quattro elementi di appartenenza.

Ma come mi sono regolato per determinare la composizione delle squadre ?

Posto che chiedere a tutti la composizione effettiva delle varie formazioni, come ho provato a fare per un paio di stagioni è una impresa improba, fra chi non ti risponde, chi fa le squadre a girare addirittura fra sei elementi, chi non sa ancora quali saranno i titolari… non è umanamente possibile. Allora sono tornato al vecchio sistema di attribuire la titolarità della squadra A ai primi quattro che si incontrano scorrendo la classifica iniziale di Rendimento, a seguire gli altri andranno a comporre la B e così via. Vengono fuori le migliori squadre “virtuali” (non necessariamente le più forti e alle volte neppure quelle effettive, però, in fondo è un gioco… una sorta di Fantapesca, no ? Quindi avanti così…

Fra le società che nel 2018 rientrano nel grande giro e puntano progressivamente a rinverdire i fasti del passato, due grandi club bolognesi: la Castelmaggiore Maver, sopra, e la Minerva Rossoblu 68 Team Bazza, sotto

 

Considerando che il Rendimento è tradizionalmente diviso in quattro gironi (Nord, Centro, Sud A e Sud B), dove peraltro il Sud A sta sparendo, in quanto dovrà fondersi con il Centro e in parte con il Sud B, visti i nuovi raggruppamenti geografici della Serie A5 ed A6, questa elaborazione si presta a sfornare diverse classifiche.

 

La prima – quella che presentiamo in questo articolo – è quella generale che abbiamo chiamato “Griglia di partenza Nazionale 2018” nella quale confluiscono tutte le possibili squadre determinate, di tutti i gironi, con il consueto coefficientamento che è 1,0 per le squadre del Nord, 1,1 per quelle del Centro ed 1,2 per quelle del Sud. Per cui, ad esempio, se una squadra del Sud, in base alla somma dei suoi quattro componenti, totalizza una media di 16,00, questa, ai soli fini della presente classifica nazionale, viene “normalizzata” a 16 x 1,2 = 19,20.

Sono venute così fuori ben 233 formazioni delle quali nr. 168 del Nord, nr. 40 del Centro, nr. 13 del Sud A e nr. 12 del Sud B.

L’Amo Santacanmgiolese Colmic è ormai una grande realtà a livello societario, con numerose formazioni che partecipano ai vari tornei. Sulla base del Rendimento di ingresso ha gli agonisti sufficienti per schierare ben cinque squadre…

 

Le società più numerose, che hanno almeno venti garisti classificati nel Rendimento di ingresso 2014-18 e che quindi possono comporre cinque squadre, sono: Amo Santarcangiolese (Colmic), Team Crevalcore (Tubertini) e Pasquino (Colmic). Con quattro formazioni: Canne Estensi (Colmic), Lenza Emiliana (Tubertini), F.lli Campana (Tubertini), Gatto Azzurro (Colmic), Lenza Aglianese (Colmic), Lomcer FFC Montecatinese (Colmic), Oltrarno (Colmic), Ravanelli (Trabucco), Sommesi (Hydra) e Valdera Lenza Pontederese (Colmic).

In calce a questo articolo avete a disposizione l’intero file pdf con la classifica completa delle 233 squadre e chi lo vorrà potrà sbizzarrirsi in qualsiasi ulteriore rielaborazione.

Andiamo ora a presentare la parte alta della classifica, con la schermata delle prime venti squadre.

Regina del Rendimento e quindi in pole position per questa stagione e più in generale per il quadriennio 2014-18 è la Lenza Emiliana Tubertini che, grazie anche al dominio netto espresso nella passata stagione, ha posto un discreto divario rispetto alle sue tradizionali avversarie. I bolognesi spiccano un perentorio 9,37 grazie alla squadra A virtualmente composta da Giuliano Prandi 2,06, Lorenzo Bruscia 2,29, Moreno Ravaglia 2,48 e Andrea Giambrone 2,54. Come si vede in realtà è un mix di elementi che hanno gareggiato in prima e seconda squadra, ma – lo abbiamo detto in premessa – i quattro migliori rendimenti vanno a comporre la squadra A.

Gran gruppo della Lenza Emiliana Tubertini che, anche grazie ad una strepitosa stagione 2017, è balzata nettamente in testa alla griglia di partenza del 2014-18

 

Per la seconda e la terza posizione c’è una prevedibile lotta fra soresinesi e fiorentini e sono i primi a spuntarla, sia pur di poco; infatti la Ravanelli Trabucco totalizza 10,50 con la squadra composta da Gianluigi Sorti 2,42, Paolo Cauzzi 2,51, Simone Ravizza 2,69 e Marco Fracassi 2,88. Anche qui spazio ad elementi in grande crescita che hanno fatto da protagonisti nella cavalcata dei cremonesi in serie A1, come Ravizza e Fracassi.

La Ravanelli Trabucco di Soresina è da sempre una delle tre grandi che lottano per l’aggiudicazione del titolo nazionale. La griglia di partenza di quest’anno vede i cremonesi in seconda posizione

 

L’Oltrarno Colmic, dal canto suo, schiera un quartetto composto da Andrea Fini (2,53), Stefano Premoli (2,70), Rodolfo Frigieri (2,83) e Francesco Reverberi (2,84), ostentando grande compattezza con solo 31 centesimi fra il capofila ed il quarto.

Terza piazza per l’Oltrarno Colmic, qui ritratta in occasione della sfilata dell’ultimo mondiale per club

 

Volendo aggiungere un ulteriore elemento di valutazione, diciamo che la stessa classifica fatta all’inizio della stagione scorsa avrebbe registrato in testa la Ravanelli con 10,03, seguita da Emiliana 10,37 ed Oltrarno 10,43 e questo evidenzia come il 2017 abbia “girato” alla grande per la lenza Emiliana Tubertini che ha migliorato la sua prestazione di una penalità esatta (tanta roba eh…) e come sia stato invece più ostico per le due avversarie.

Alle spalle delle tre grandi troviamo un’altra formazione che a buon diritto può ormai considerarsi nel novero dell’elite, ossia la Valdera Pontederese Colmic che si presenta con 11,25 grazie al 2,56 di Luca Maffei, al 2,72 di Cristian Gabbarrini che non ha tradito le aspettative, al 2,97 di un sempre più sorprendente Davide Galletti ed al 3,00 dell’ex “ravanello” Alessandro Bruni.

Gli squadroni pontederesi della Valdera Colmic sono come sempre pronti a dare filo da torcere alle tre grandi, per buttarne giù almeno una dal podio…

 

Appena dietro ecco arrivare le prime due squadre B, Emiliana Tubertini con 11,80 (Ballabeni, Corradi, Genovesi e Gabba) e Oltrarno Colmic (Falsini, Schiesaro, Ponzalli e Matteoli) con 11,96. Anche qui, in realtà, siamo di fronte ad un misto di componenti effettivi della A e della B, ma ormai a questi livelli certe distinzioni sono soltanto di etichetta e non certo di valori.

Arriva poi la prima squadra della Lenza Aglianese Colmic, un club in grande crescita che schiera diverse formazioni con dei giovani molto interessanti, 12,09 per i pistoiesi (Iacopini, Marsalli, Benelli e Negri), poi la B della Valdera Pontederese Colmic 12,60 (Bianchini, Gelli, Santoni e Lazzeretti) e, a chiudere le prime dieci, la Pasquino Colmic (12,72) e l’Amo Santarcangiolese Colmic (12,83), rispettivamente con Saccani, Sassi, Spallanzani e Calipari e con Fronza, Zavoli, Barilari e Davide Rossi.

Davvero una gran bella realtà, quella della Lenza Aglianese Colmic, tante squadre, tanto entusiasmo e diversi giovani in fortissima crescita…

 

Fra le prime venti ci sono altre due squadre B, la Ravanelli Trabucco e l’Amo Santarcangiolese Colmic e le prime due squadre del girone Centro, il Pesca Club Bastia con 14,06 e il Pesca Club Teramo Milo con 14,59.

Si piazzano ottimamente anche Alto Panaro Sensas Stonfo (13,64), Cannisti Pescaluna Ballabeni Tubertini(13,74, con il capo classifica in ingresso Maurizio Calani), Le Groane Maver 13,83, i Sommesi Hydra 13,95, la Lomcer FFC Montecatinese Colmic con 14,40 e La Casaleonese Colmic con 14,55.

Per la cronaca le prime squadre del Sud sono la Arintha Colmic per il girone B, 59° posto con 17,30 e la Lenza Club Brezza Colmic per il girone A, 62° posto con 17,50.

Prossimamente sarebbe mia intenzione proporre anche le classifiche di ingresso per i vari campionati, CIS e Serie A1 – A6, nonché dei singoli gironi Nord, Centro, e Sud A e B.

Questo articolo è stato redatto nel rispetto della politica di contenimento/eliminazione degli inglesismi dalla lingua italiana.

(Si ringraziano per le foto Match Fishing, Sabrina Converso e Angelo Borgatti)

Classifica completa in pdf.

Griglia Nazionale

 

di Stefano Bastianacci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.