FACCIAMO ATTENZIONE: I LADRI SONO SEMPRE PRONTI A COLPIRE

Iniziano le grandi competizioni di pesca al colpo, i pescatori lungo le sponde dei canali mettono in bella mostra le attrezzature sulle rastrelliere come canne e kit.

Ignari i pescatori rivolti per ore con lo sguardo concentrato e rivolto verso il canale non si accorgono però che sull’argine tra gli spettatori si aggirano brutti ceffi che guardano le attrezzature e le puntano.

Il furto di una RBS parte quasi sempre dai sopralluoghi, prosegue con il pedinamento a distanza fino all’albergo dove i pescatori sono a soggiornare e li si preparano per colpire.

I malviventi attendono il momento migliore, spesso sfruttano le tenebre per passare all’azione rompendo i vetri della vettura e asportando in pochi secondi canne e foderi con costosissimi kit.

Uno degli ultimi furti è accaduto poche settimane fa ad Adria e la vittima è stato l’amico Thomas Bertaccini al quale gli è stato rubato il fodero con tutti i kit della RBS.

Il furto è avvenuto nel tardo pomeriggio nel breve lasso di tempo che Thomas impiegava per portare nella stanza dell’Hotel il fodero della RBS e la borsa.

L’auto si trovava nel parcheggio dell’Hotel ma nemmeno la luce del giorno e l’area sottoposta a controllo video ha fatto desistere i male intenzionati.

Vetro rotto, attrezzature volate via e al loro posto solo tanta rabbia e disperazione.

E’ per questo che rinnoviamo l’appello a rimanere tutti con gli occhi aperti e ad innalzare la guardia perchè questi farabutti, sono sempre pronti a colpire sia di notte ma anche di giorno, non trovino altri pescatori da colpire.

Altre avvertenze:

Non dimenticate MAI di lasciare l’auto aperta sull’argine mentre voi pescate sulla banchina del canale;

Non dimenticate MAI di lasciare il trapano abbandonato sull’argine vicino l’auto sulla strada perchè anche quello è un accessorio molto gradito ai ladri;

Non solo canne:

Nel mirino dei topi d’auto ci sono anche effetti personali come borselli, apparecchi elettronici ipad e PC, telefoni, macchine fotografiche, borse da viaggio e navigatori.

Al sottoscritto nel 2017 hanno rubato il borsello (soldi, documenti, etc) mai più ritrovato.

Per rubare i ladri sono saliti dall’argine opposto strisciando sulla strada e senza farsi notare hanno aperto l’auto e sfilato il tutto.

Furti con spaccata dei vetri anche agli spettatori che lasciano l’auto incustodita all’inizio del campo gara con in vista attrezzature da pesca o borse con effetti personali.

Alcuni furti sono stati commessi anche nel dopo gara quando i pescatori lasciando il campo gara si portano nei pressi di bar o ristoranti per consumare un aperitivo o per mangiare qualcosa lasciando anche in questa occasione l’auto incustodita.

Ricordo ad Umbertide, qualche anno fa, un furto di due RBS nuovissime. A commettere il reato senza scasso fu un individuo di origine serba che aveva parcheggiato la sua auto nei pressi del raduno di fianco l’auto dei pescatori da colpire. Forse aveva già pedinato la sua vittima fin dal campo di gara e i due ignari pescatori arrivati sul luogo del raduno credendo di azionare la chiusura centralizzata dell’auto nel contempo dall’auto vicina veniva azionato un dispositivo elettronico che non permetteva quindi la chiusura dell’auto dei pescatori.

Una volta allontanatosi dall’auto per il turista serbo era un gioco da ragazzi scendere dall’auto, aprire il portellone posteriore, sfilare i due foderi di canne, caricarli nella sua mercedes con targa serba e sparire per chissà dove.

Lo scopo di questo messaggio non è certo quello di terrorizzare i pescatori ma di alzare il livello di guardia al solo fine di prevenire per evitare che qualche delinquente possa rovinarci un fine settimana che deve rimanere per tutti all’insegna della serenità e del divertimento.

Per migliorare la situazione inviateci le vostre proposte utilizzando la mail di questo sito.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *