IN BIELORUSSIA TUTTO PRONTO PER IL MONDIALE PER CLUB DI FEEDER

Siamo alle fasi finali, “alea iacta est” come avrebbe detto Giulio Cesare… ormai è tutto pronto per la partenza di questo mondiale per club di feeder 2018.

La nostra amica e collaboratrice Natascia Baroni è sul posto e ci racconta giorno per giorno l’andamento delle prove.

Ci riferisce in primis di un paesaggio bellissimo, con un ordine ed una pulizia straordinari ed un verde da togliere da il fiato.

Oltre al paesaggio anche il campo gara è molto bello seppur difficile. Si pensava ad una pescata indirizzata principalmente verso la pesca delle breme ed invece questa specie sembra latitare a vantaggio di altri pesci come gardon, goujon e grosse alborelle da una trentina di grammi.

Le breme sono state le più ricercate da tutti arrivando a pescare fino ad una linea di circa 60 metri, grazie anche al fatto che sono state rimosse le boe che erano presenti in questo specchio d’acqua.

Tante le erbe presenti nel sottoriva che rendono difficoltosa la cattura di pesci di buona taglia costringendo gli agonisti a salire sul panchetto per tenere alta la canna e, di conseguenza, la testa di queste grosse breme intorno ai 2 kg di peso.

Tutti sembrano pronti per fare entrambi i tipi di pesca, le grosse breme o i pescetti ad al termine vedremo chi avrà avuto ragione.

In alcune zone sembrano più presenti e le breme e quindi bisogna anche avere un pochino di fortuna nel sorteggio.

In bocca al lupo ai nostri team ed appuntamento a domani per la prima prova…. forza ragazzi!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.