CIS FEEDER 3° PROVA: A CORBARA SI IMPONE UNA SUPER LENZA EMILIANA TUBERTINI

Nel campo gara più spettacolare d’Italia, dal punto di vista della pescosità, che risponde al nome di Bacino di Corbara, si è svolta oggi la terza prova del CIS feeder .

La gara si è conclusa con pesi eccezionali ben 2.741 kg di breme per una media procapite di oltre 34 kg.

Complimenti alla Lenza Emiliana Tubertini che ha saputo interpretare meglio di tutti questo campo gara riuscendo così a bissare grazie alle 9 penalità il successo ottenuto il mese scorso ad Ostellato .

Le 20 squadre si sono date battaglia sulla pesca delle classiche breme e come in tutti i campi di gara ci sono stati picchetti più favorevoli di altri non tanto per la conformazione dello spot ma per la presenza dei gardon rispetto a quella delle breme.

I gardon pesano di meno delle breme e alla fine delle cinque ore la differenza nel peso è stata notevole.

Alcuni concorrenti come Francesco Bonaveri del team Lanza hanno avuto la fortuna di trovare un picchetto dove il disturbo dei gardon è stato minimo.

Bonaveri, pescando in quarta zona poco distante dal picchetto di prova del giorno prima, è riuscito a chiudere gara 3 con un pescato superiore al mezzo quintale battendo nel settore uno scatenato Canaccini che deve accontentarsi di un secondo pescando una quarantina di chili di breme.

Stratosferica la pescata di Cristiano Barbaro che realizza il peso assoluto di giornata superiore a 55 chili pescando nel settore B della prima zona sponda VIGNE.

In ogni caso sono stati anche altri i concorrenti ad oltrepassare il mezzo quintale di pescato; Pierpaolo Marini vince il suo settore con 51,500 di pescato nel settore A della prima zona.

Anche il neo campione italiano individuale Alessio Casilli, sul suo campo gara, pescando in terza zona, sbaraglia la concorrenza con oltre 53 chili di pescato.

La squadra di Manuel Marchese, Mario Casale, Cristiano Barbaro e Alessio Casilli  grazie alle 9 penalità ottenute in questa terza prova consolida la posizione di capoclassifica.

Al secondo posto resiste la squadra di Michele Batignani con 23 penalità e riemerge il Team di de Pascalis,  con 26 penalità e un ottimo terzo posto, dopo il brutto scivolone di Ostellato.

La classifica progressiva vede al comando la Lenza di Bazzano con 46 penalità, a seguire gli Alla Blacks Betti Sport con 69 e al terzo posto l’Oltrarno con 81 penalità che a questo punto vede pregiudicata definitivamente la corsa per il vertice.

A Corbara il tempo questa mattina è stato molto gradevole con poco vento e il livello del lago saliva leggermente. I pescatori delle 20 squadre sono stati sistemati in due settori da 20 nella prima e seconda zona sponda VIGNE mentre in sponda destra CASA DIROCCATA e SCHIAVO hanno pescato gli altri due settori.

Le distanze sono state di 16 metri tra un pescatore e l’altro mentre la linea di pesca è stata sui 20-22 metri circa.

A domani per la quarta e ultima prova e con la proclamazione della squadra Campione d’Italia che si aggiudicherà anche il diritto a partecipare al mondiale per club nel 2019.

Si ringrazia il Prof. Renato Rosciarelli e Valentino Maggi per le info da Corbara.

Alessandro Scarponi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.