10^ COPPA D’INVERNO: I GIOCHI SON FATTI! PASSANO L’HOBBY C, PIRANHA ROSSA ED HOBBY PESCA FORNI!

 

Con la terza qualificazione disputata il 15 dicembre, la 10^ edizione della Coppa d’Inverno ha concluso la sua prima parte, quella dedicata ad individuare le 11 sfidanti di Obiettivo Pesca A nella finalissima del prossimo 3 marzo.

Centodieci gli agonisti in pista oggi, sui laghi del Centro Sport Aria Aperta di Bentivoglio, in rappresentanza di  nove, importanti negozi di articoli per la pesca sportiva, tutti impegnati nella ricerca degli ultimi quaranta posti disponibili per la finale.

Questi negozi iscritti alla qualificazione di oggi:

BOLOGNA FISHING MARKET di  S. Giorgio di Piano (Bo)

CICCIO PESCA di S. Lazzaro di Savena (Bo)

DAMO FISHING&CUP di Veggia/Villalunga (Re)

HOBBY PESCA Forni di Castelmassa (Ro)

L’HOBBY di Faenza (Ra) con le squadre C e D

PEO PESCA di Bologna

PESCA IN di Vignola con le squadre C e D

PIRANHA di S. Giovanni in Persiceto (Bo) con la squadra Rossa

TEAM DE FRANCESCHI di Casalecchio di Reno (Bo) con la squadra B

 

Una giornata tipicamente invernale, con temperatura inferiore allo 0° al momento del raduno, ha accompagnato tutto lo svolgimento della gara, mitigata solo nella seconda parte della mattinata da uno splendido sole che ha alleviato in parte le difficoltà di tutti.

Questo repentino sbalzo termico registrato nel week end ha condizionato non di poco il comportamento dei pesci di Bentivoglio, rallentandone molto la propensione ad abboccare alle esche dei concorrenti, soprattutto nel lago quadrato, meno profondo, dove erano dislocati i concorrenti singoli della pesca al colpo ed i feederman; proprio in questo lago si sono registrati alcuni cappotti, risultati oltremodo “pesanti” per le classifiche delle rispettive squadre di appartenenza. I risultati migliori in questo lago sono risultati quelli di Gino Bacci, impegnato a difendere i colori de L’HOBBY PESCA di Fulvio Forni tra i colpisti, assoluto di sponda con 8.870 punti e di Ciotti de L’HOBBY C di Faenza, che tra i feederman ha realizzato oltre 8 chilogrammi di carpe e carassi. Una curiosità: a differenza di altre volte, sono risultati determinanti i picchetti centrali di questo lago, identificati come integrato per i settori a valle, ed occupati rispettivamente da Stefano Defendi per il colpo e da Pierluigi Cascianini per chi ha pescato a feeder, che si sono comportati ottimamente entrambi nonostante il non  facile sorteggio.

CLASSIFICHE SINGOLI COLPO e FEEDER

Relativamente migliore la situazione in termini di pescosità nel Lago Lungo, dove erano dislocate le 44 coppie presenti: pur nettamente inferiori rispetto alle due passate selezioni disputate nei sabati precedenti, qui tutti hanno catturato, anche in maniera importante, con diverse sfide testa a testa regolate da differenze di poche decine di grammi. Come spesso succede, gli estremi di sponda hanno fatto gara a se, e la particolare formula di gara che prevede lo scontro proprio di ogni coppi esterna con la propria dirimpettaia della riva opposta ha solo in parte mitigato le differenze di pescosità rispetto alle zone centrali. In questo lago i più catturanti sono risultati Valenti e Valdifiori de L’HOBBY C che hanno fatto registrare il peso di 28,430 kg e portato in dote la prima delle quattro vittorie di sfida delle coppi della fortissima formazione faentino/forlivese schierata da Paolo Savini, uno dei titolari del negozio di Faenza. Secondo peso assoluto e primo della propria sponda quello di Landi/Cricca de L’HOBBY D, opposti per a Valdifiori e Valenti, per cui i loro 13.390 punti non sono serviti a nulla per la squadra, avendo perso la sfida diretta. In questo lago una bella pesata per Pilati/Bernardi di HOBBY PESCA FORNI, che in un tratto centrale riescono a totalizzare oltre 10 chili, traguardo oggi da moltissimi solo sognato. Belle performance, sempre considerando i tratti centrali, anche per Montanari/Muccini di Ciccio Pesca che hanno superato i 7 chili nelle tre ore. Tante, invece, le sfide decise da un solo pesce di differenza, spesso anche di modeste dimensioni, risultato per spesso decisivo per un risultato positivo o negativo.

 

CLASSIFICHE ZONE A e B COPPIE

CLASSIFICHE ZONE C e D COPPIE

Con questi risultati estremamente in bilico fino all’ultimo e spesso sul filo delle poche decine di grammi, la redazione delle classifiche, realizzate dall’organizzazione del GPO TUBERTINI in pochi minuti dopo il termine delle due gare grazie ad un collaudatissimo sistema integrato di trasmissione dati, ha tenuto quasi tutte le squadre con il fiato sospeso fino all’ultimo, nella consapevolezza che anche solo mezza penalità in più o in meno a livello di squadra poteva significare il biglietto di ritorno a Bentivoglio èer la Finalissima o il semplice rientro a casa con la delusione di una mancata promozione.

La soddisfazione di tornare il 3 di marzo per contendersi il “Piatto” ed il sostanzioso montepremi in palio, per l’occasione aumentato dal GPO Tubertini in virtù del boom di iscrizioni registrato, se la sono gustata i componenti della squadra de L’HOBBY C di Faenza (Negrea, Ciotti, Valdifiori/Valente, Negrea/Amadori, Sportelli/Bolognesi e Cai/Negrini) che con 10 penalità totali hanno realizzato il miglior punteggio su tutte e tre le finali. Seconda piazza, con 7,75 punti la formazione ‘Rossa’ de Il Piranha di S. Giovanni in Persiceto (Bo) (Zucchini, Rimondi, Frabetti/Bordin, Favalini/Tartarini, Pulga/Balboni e Wongwichit/Cesari) che precede per 1/4 di punto la squadra di HOBBY PESCA di Castelmassa (Ro) del mitico Fulvio Forni, che anche oggi non ha fatto mancare la sua simpatia prima e durante la gara.

CLASSIFICA FINALE 3 QUALIFICAZIONE

 

Oltre alle prime tre classificate, la gara odierna doveva decretare quale sarebbe stata la seconda ripescata tra le squadre giunte quarte nelle tre qualificazioni: alla già confermata Obiettivo Pesca C di Reggio Emilia, giunta 4^ nella prima gara del 1 dicembre con 7,5 penalità complessive e 4 vittorie di sfida, oggi si é aggiunta la squadra B del Team De Franceschi di Casalecchio di Reno (Bo), anch’essa forte di 7,5 punti e tre vittorie di sfida. Resta esclusa per mezza penalità la quarta classificata della seconda prova, la formazione B de L’HOBBY di Faenza, ferma a 7.

Si completa, in questo modo, la griglia delle 11 pretendenti al ‘Piatto’ che la squadra dei C.T. di Obiettivo Pesca si era portata a Reggio Emilia lo scorso anno, oltre al premio per la prima squadra assoluta, il diritto alla finalissima di questa edizione e la riduzione del 50% della quota d’iscrizione. Resta in sospeso, ormai da 9 edizioni, l’attribuzione del jackpot aggiuntivo al montepremi per la prima assoluta, visto che nessuna squadra tranne la A de L’HOBBY di Faenza é più riuscita nell’impresa di vincere tutte le sfide di coppia e i settori dei singoli.

Sarà questo l’anno buono per dare alla vincente della Finalissima anche la busta con il jackpot aggiuntivo? Riuscirà L’HOBBY di Faenza, presente alla finale con due formazioni e unica delle finaliste ad aver bissato la vittoria, a vincere per la terza volta il ‘Piatto’ e a quindi a tenerlo per sempre? Riusciranno TEAM BAZZA BLU, OBIETTIVO PESCA o il TEAM DE FRANCESCHI, entrambe presenti con due formazioni, ad iscrivere per la seconda volta il loro nome nell’Albo d’Oro della Coppa? O sarà una tra NEW TECNIPESCA, HOBBY PESCA, IANNELLI PESCA, PIRANHA o GROSSI PESCA ad aggiudicarsi il ‘Piatto’? E ancora, c’é molta lotta anche per le prime posizioni di classifica nei tre Trofei paralleli che gratiicheranno con premiazioni aggiuntive le prime due coppie assolute nel 3 ° Trofeo Ecologia&Servizi, i primi due assoluti tra i singoli della pesca al colpo tramite il 1° Trofeo Autospurghi Loro e i due migliori feederman grazie al 2° Trofeo Fresatura Manservisi.

Come vedete i motivi d’interesse non mancano certo per seguire la Finalissima del 3 marzo della 10^ Coppa d’Inverno!!!!

 

Angelo Borgatti

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.