Regionale Piemonte: Com.Pe.Di.Ver. Tubertini mattatrice

Il 21/7/2019 si è svolta la terza prova del Campionato di serie B Regionale Piemonte e Valle D’Aosta , le 22 squadre si sono trovate “divise “ su due diversi campi gara , 44 concorrenti sul lago Orta in località Omegna e i restanti 44 sulle sponde del Tanaro a Masio di Quattordio e Castello di Annone ad Asti .

La gara si è svolta in maniera impeccabile , grazie alla collaborazione profusa dalla società Com.Pe.Di.Ver. Tubertini con la Lenza Astigiana Tubertini , la prima si è occupata del campo gara di Omegna e la seconda dei campi gara di Masio e Annone , un grazie ancora ai Giudice di Gara Walter Quacchi e Direttore di Gara Platini Agostino che hanno diretto tutto dalle sponde del lago coadiuvati da Musso Piero Presidentissimo della Lenza Astigiana che si è reso disponibile a dirigere i “lavori” per il fiume Tanaro dove si sono dati da fare come commissari di sponda i ragazzi della Lenza Astigiana Bevilacqua ,Gusai Brollo ,Corino, Cisi e le ragazze Rosanna Ruffino e Monica Montrucchio .

Voglio sottolineare il lavoro fatto sul Tanaro che dopo una piena si presentava in condizioni precarie , ma la collaborazione che ormai distingue le società Astigiane ha fatto in modo che gli onnipresenti Musso , Lucarno , Manassero , Corino e Lanfranco a reso possibile agli agonisti di accedere a piazzole pulite e sicure.

Passiamo alla gara , sul lago D’Orta la pesca è stata esclusivamente impostata alla ricerca dei Gardon un pesce che ha preso il sopravento sulle specie autoctone , le tecniche usate per insidiare il Ciprinide dalla coda rossa sono state canne fisse lunghe ,9/10/11 metri , canne inglesi con galleggiante scorrevole (profondità dai 14 ai 20 metri ) e bolognesi sempre armate con galleggianti scorrevoli per una più controllata pesca di profondità , alimentando con pasture scure e bigatti incollati , nelle due zone la pesca ha avuto esiti diversi dai giorni di prova nella prima zona dove si sarebbe dovuto prendere meno la situazione si è ribaltata e alla fine la seconda zona è stata la meno catturante in particolare nel primo settore.

La pesca che ha reso di più è stata quella a scorrevole sia con la canna bolognese o inglese , le catture si sono dimostrate di pesci di taglia maggiore rispetto quelli che sono stati catturati con le canne fisse , nelle due zone i pesi maggiori sono stati realizzati da Dido Gian Paolo dei Ghemmesi Sensas con 6500 punti e da Mereghetti Antonio sempre dei Ghemmesi Sensas che ferma la bilancia a 4680 punti , questo dimostra che la conoscenza del campo è fondamentale per una buona gara qui nulla può essere lasciato al caso.

Sul fiume Tanaro , anche qui , la pesca ha avuto una evoluzione inaspettata sulle due zone , a Masio nonostante che i pesi maggiori siano stati fatti pescando pesci di taglia come Pesci Gatto e Barbi la pesca dell’alborella ha fruttato sempre un bel piazzamento per chi e riuscito a pescarla con continuità da registrare un bel piazzamento 3° di settore di Lucarno Giuseppe del Gloria Tubertini che cattura 700 pesciolini argentei per un totale di 3130 punti , un settore vinto da Moretti Roberto della Com.Pe.Di.Ver. Tubertini che pescando il Pesce Gatto realizza 15050 punti realizzando il primo peso assoluto di giornata e il primo del settore a valle .

Anche nel settore del fondone il primo che è stato realizzato da Pieri Massimiliano della Lenza Astigiana Tubertini ha visto come tecnica vincente la pesca del pesce di taglia realizzando 3880 punti , ma i piazzamenti sono stati fatti da chi a insistito alla pesca dell’alborella.

A Castello di Annone l’aspettativa di pescare per tre ore l’alborella è stata disillusa , perché il piccolo Ciprinide si è dimostrato svogliato e discontinuo , la pesca del “raccogliere tutto “ fatta a canne fisse corte 5/6 metri e a roubasienne a 5/6 Pezzi ha dato i risultati migliori , qui si è distinto Frijia Giuseppe degli

Agonisti Gattinaresi Sensas che realizza 4100 punti e Giovannini Claudio del Barriera Nizza Tubertini con 3180 punti , con la stessa tecnica vince il suo settore Cattelan Gianluca degli Albatros Maver con 3010 punti .
In questo campo gara la media delle catture , riguardando le pesature dei settori, caratterizza che la pesca è stata più “equa”.

La classifica di giornata vede primeggiare la Com.Pe.Di.Ver Tubertini che si aggiudica la gara realizzando 7 penalità balzando in testa alla classifica generale , secondi con 10 penalità i Diavoli Torino Tubertini ( con maglietta commemorativa dei 50 anni di ininterrotta attività agonistica) con 10 penalità e terzi a pari penalità ma con peggiori piazzamenti i Ghemmesi Sensas

Mi ripeto, nella classifica generale la Com.Pe.Di.Ver. è al comando con 34 penalità seguita dai Ghemmesi con 46.5 punti e terzi i Diavoli con 47.
Nella classifica individuale al comando troviamo Moretti Roberto della Com.Pe.Di.Ver. e Diani Roberto dei Diavoli Torino a tre penalità ma Moretti in questo momento ha un peso maggiore .

Un mio personale giudizio , del quale mi assumo ogni responsabilità sul campo Gara di Omegna, il quale si presenta con una cornice scenografica bellissima ma il pescato è stato molto avaro , si dovrebbero fare molte più gare per abituare il pesce al richiamo del pescatore , le società del territorio dovrebbero fare più presenze sulle sponde , vero che chi ha pescato “bene” i pesci li ha catturati ma vi è troppa differenza nei picchetti chi non ha visto neanche una “tocca” e molti sono stati i giudizi negativi da parte degli agonisti , uno il periodo e primo su tutti i costi eccessivi sostenuti per stare qualche giorno a provare per poi non essere ripagati da una bella e omogenea pescata causa per una evidentissima differenza da picchetto a picchetto delle caratteristiche del fondale , questo non vuole essere una bocciatura ma sicuramente un appunto per scelte future , sappiamo delle difficoltà del Piemonte , lo ribadisco sempre , i campi gara sono ormai solo più il Tanaro e il Bormida , grazie all’impegno della sez F.I.P.S. di Asti (che oggi lunedì 22 mentre scrivo sta ampliando il campo gara di Annone ) , ed e proprio perché non si hanno valide alternative che la 4° prova del Campionato Regionale Piemontese si svolgerà sulla Fiuma in Mandria Nuova l’ 8 settembre e mi chiedo che futuro ci sarà per le acque Piemontesi e per il suo trofeo di Serie B se le sezioni provinciali della F.I.P.S. del Piemonte non si prefisseranno come obbiettivo principale di andare alla ricerca di valide alternative ?
Per MF
Massimo Testa

CL a Squadre 3 Prova

CL Progr a Squadre Reg Colpo 2019

CL Progr Ind Reg Colpo 2019

Settori 3 Reg Colpo

 

 

dig

dav

dav
dav
dav
dig
dig
dig
dav

dav

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.