AGONISMO FEEDER ROMAGNA: IL CANALE DI ANITA E’ TORNATO…SUCCESSO PER CAVINA E FRULLONI

Nel Campo gara – Anita km 2 – 3,  domenica 25 Agosto, si è disputata su Prova Unica l’interprovinciale RA – FC – RN – RSM  Coppie FEEDER 2019.

La gara doveva svolgersi in Dx Reno, ma il mancato sfalcio ad opera del Consorzio di Bonifica, non ha reso possibile l’utilizzo, quindi si è deciso di ripiegare
su un glorioso e purtroppo abbandonato campo gara, che a seguito di pescate di prova, risultava popolato da numerose carpette 100/200 grammi, carassi anche di taglia discreta e  breme da pochi etti al chilo.

C’è stato anche chi ha catturato carpe più grandi ma sono state perse per rottura della lenza.

Erano già diverse settimane che circolava voce su una importante ripresa della pescosità di questo canale tant’è che nessuno si sarebbe aspettato però di fare una pescata con catture regolari per tutte le 5 ore di gara, condizione che ha sorpreso i 32 concorrenti partecipanti.

I concorrenti si sono trovati davanti un canale con l’erba completamente tagliata e questo particolare ha agevolato molto i partecipanti potendo pescare sull’argine privo di canne e erba.

Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, diciamo che hanno reso prevalentemente due linee di pesca quella “corta” 13/15 metri e quando calavano le tocche, la distanza di circa 30 metri, dove la profondità è più significativa, garantiva una valida alternativa.

Da sottolineare, i lanci frequenti con l’utilizzo di pasturatori tipo gabbietta di taglia medio piccola, caricati con pastura scura con lenze molto fini terminali dello 0,12 e amo del 18-20 con innesco uno o due bigattini.

Al termine delle ostilità, si aggiudicano  il titolo di Campioni di coppia Feeder 2019 – Cavina Claudio e Frulloni Franco della Società Bagnacavallese Colmic con 21.680 punti;

Domenica prossima si replica, sempre ad Anita con il campionato Promozionale Colpo e così si capirà se il canale di Anita, come veniva scritto in un articolo pubblicato su questo sito qualche giorno fa, è tornato davvero.

Un cordiale saluto a tutti
Vanicelli Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.