CAMPIONATO ITALIANO BOX CANNA DA RIVA 2019: PORTO SANTO STEFANO/MARINA DI CALA GALERA 19 e 20 OTTOBRE 2019 ….AMARCORD

Come dice la legge 18 di Murphy “Quando qualcosa può andare storto, tutto andrà storto”, ecco, alla FIPSAS di Grosseto siamo riusciti a rettificare anche questa affermazione.

Con le previsioni meteo che più avverse non potevano essere, sicuramente per domenica 20, ma con dubbi anche sul sabato 19, le migliori 12 sq. delle Società Italiane della canna da riva si sono ritrovate in quello che è il più bel lungomare d’Italia, Porto S.Stefano, con pavimentazione firmata da Giugiaro, le panchine da Renzo Piano, e i lampioni da Michelotti.

Transennata la passeggiata e fatti i sorteggi avevamo Circolo della pesca B (Cavallini, Meloni, Mungai Francesco e Tani) bandierina al settore A, e questo ha contribuito parecchio al primo posto di giornata insieme ad una pesca precisa che vedeva del bravo Francesco Mungai un interprete spettacolare nella pesca al pesciolino; ha preso di tutto e sempre a coppiola.

Nel picchetto accanto Jacopo Collavoli, ben diretto dal grandissimo signore della pesca che è Marco Pantani che conosce Santo Stefano sasso per sasso, non era da meno, andando a prendere anche una bella murena che si aggirava nei paraggi, e alla fine solo mezzo kg peso ha diviso le due sq. Amarcord per l’APSO Grosseto che ha rimesso un campo una sq. che quaranta anni fà spopolava lungo il Tirreno, sotto la dizione di APSO Mare Tubertini, composta da Giogli Marco, Pericci Luciano, Fiumi Claudio e Settepassi Roberto; lacrimucce, tanti ma tanti chi si rivede, e poi via sulla scogliera: la gara doveva avere inizio.

Le catture erano sporadiche, e le temutissime aguglie si sono fatte vedere appena appena nelle prede dei bravissimi ragazzi del Club Pesca Cervia; il pescato subito dopo la pesa, veniva reimmesso vivo e vitale nel mare dal quale era stato prelevato.

Al termine della prima prova dopo breve consulto con tutte le Sq., viste le previsioni meteo per la domenica con scirocco infernale, si è deciso di rimanere nell’unico posto che ci permetteva di portare a termine la manifestazione, Porto Santo Stefano; l’uragano previsto infatti ci ha lasciato relativamente in pace, mentre faceva volare tutto sull’altra parte del promontorio a Marina di Cala Galera, dove era prevista la gara.

Questo come organizzatori ci è dispiaciuto; abbiamo dovuto lasciare una logistica perfetta con podio e Inno pronti per far figurare al meglio il Nostro Sport e la Nostra Federazione; peccato, sarà per la prossima volta.

Orbene, a Grosseto siamo abituati ad improvvisare e così abbiamo fatto, facendo partire regolarmente la seconda giornata, che ha portato alla ribalta la Sq. dello Squalo di Venezia di capitan Pantani che vinceva il sett. A, ipotecando la vittoria finale con tre penalità, le stesse degli altri componenti del podio divisi solo dal peso complessivo, con il Club Pesca Cervia che lo seguiva a ruota, secondo assoluto, e gli amici del porticciolo di Piombino terzi.

Quarta e sesta le favoritissime sq. del Circolo della pesca di Livorno.

Poi tutti a casa prima che lo scirocco complice un passaggio all’Est decidesse di fare, come poi ha fatto, di arrivare pesantemente anche da quest’altra parte del promontorio.

Un ringraziamento doveroso al Vice Sindaco Dott. Costagliola e all’ Assessore allo Sport Sig. Sordini, insieme a Daniele proprietario del Bar il Galeone che ci hanno seguito e assecondato nonché consigliato in questi giorni di difficile meteo, cosa che non abbiamo riscontrato in qualche Nostro Dirigente Federale.

Giampaolo Ricci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.