BOLO IN MARE – I SARAGHI DELLE MINIERE

Acqua cristallina, macchia mediterranea, odori e profumi inconfondibili, un mare ricco di pesci, scogliere mozzafiato, spiagge e calette solitarie, ospitalità e cordialità dei suoi abitanti… questa è l’isola d’Elba. E proprio per queste sue magnifiche caratteristiche, l’isola maggiore dell’arcipelago toscano è stata scelta da Maver per presentare al vasto pubblico di appassionati pescatori amanti della pesca in mare, le nuove serie di canne bolognesi top di gamma per l’anno 2020.

Le giuste condizioni meteo marine:

chi pratica la tecnica bolognese, e più in generale la pesca in mare da riva, sa perfettamente quanto siano importanti, oserei dire determinanti, le giuste condizioni meteo marine. E riuscire a trovarle durante il periodo invernale non è sempre cosa facile, spesso è necessario rimandare, anche di alcuni giorni, la nostra battuta di pesca, a causa del mal tempo: venti troppo forti, mari agitati, piogge incessanti o parimenti mare troppo calmo, acqua limpida e ferma, tutte condizioni “estreme” che non favoriscono l’attività dei pesci e quindi non agevolano la nostra azione di pesca. Ma per fortuna tra una tempesta e una “patana” (condizione di vento pressoché assente), in “medias res” si nasconde proprio il momento migliore per praticare questa stupenda tecnica: la scaduta, quando il vento cala ma le grosse onde dei giorni precedenti, provenienti dal mare aperto, continuano a muovere le acque nel sotto riva.

 

La ricerca dello spot:

una miniera. Sicuramente un luogo di pesca un po’ insolito, ma che ci riserverà delle belle emozioni. Una scogliera a picco sul mare, con una spiaggia di sassi e scogli neri, quelli tipici dell’isola, bellissimi. Paesaggi fuori dal comune, ricchi di un fascino particolare. Come guida? Il nostro amico elbano Lorenzo Arnone, grande pescatore e conoscitore dei luoghi. Dopo aver scelto il tratto di costa dove vogliamo andare a pescare, è importante dedicare qualche minuto in più nell’individuare lo scoglio, il canale, il punto che ci sembra migliore, dove corrente e onde sono presenti, il mare batte giusto, il fondale sembra profondo abbastanza (non oltre i 5 metri), ma magari dove allo stesso tempo potremmo evitare di fare il bagno con un’onda più grossa delle alte, che sicuramente non mancherà durante la nostra pescata.

 

Preparazione esca e pastura:

ci sistemiamo, mettiamo borse, canne e attrezzatura al riparo da eventuali schizzi e ondate improvvise e ci dedichiamo in primis alla preparazione della pastura, un’operazione che va fatta sempre con le dovute attenzioni, per evitare di bagnarla troppo: la consistenza giusta è quella che ci permette di creare con una leggera pressione delle mani delle palline di sfarinato, abbastanza compatte affinché non si rompano all’impatto con l’acqua, riuscendo ad arrivare sul fondo.  Come esca per questa battuta di pesca ci siamo affidati al classico e sempre ottimo bigattino, un’esca validissima un po’ in tutti gli spot, universale, da prediligere specialmente quando andiamo in avanscoperta in posti che non conosciamo. La classica sacchetta a tracolla e siamo pronti per entrare in pesca.

Azione di pesca:

Dopo aver costruito una lenza molto semplice, con una torpilla importante che compensi buona parte del potere di galleggiamento del nostro galleggiante (4/6 gr), 2/3 pallini subito sotto, e 1 metro di svolazzo, siamo entrati in pesca. Il mare formato e la forte risacca sono condizioni perfette per uno spot di questo tipo, in cui le acque sono praticamente quasi sempre limpide e cristalline. Pasturazione costante, sia con gli sfarinati, sia con i bigattini, pochi ma in quantità costanti nel tempo. le catture non si sono fatte attendere. Saraghi, occhiate, non si sono fatti attendere, e perfino tanute, o “tannute” in dialetto locale, tipici pesci della pesca a bolentino dalla barca, ma che all’isola d’Elba è possibile incontrare anche subito nel sottoriva, proprio come riprova delle eccellenti qualità di queste acque. Il protagonista è stato indubbiamente un grosso sarago, che superava il kg di peso, che ci ha fatto emozionare con un combattimento a dir poco sensazionale. Tante le catture, la maggior parte delle quali sono state prontamente e immediatamente rilasciate. Purtroppo il tempo che ci aveva concesso una tregua nel primo pomeriggio, e ci aveva convinto a venire a pescare, non è stato altrettanto clemente in serata, mettendoci rapidamente in fuga con una bella e improvvisa grandinata, ma si sa la pesca è fatta di questi episodi, che dobbiamo mettere sempre in conto in ogni nostra uscita.

Un ringraziamento particolare a Lorenzo e Walter per averci accompagnato in questa spettacolare scogliera, alla società Caput Liberum e al comune di Capoliver per averci aperto le porte della miniera Calamita, che ricordiamo è aperta a chiunque volesse visitarla in estate, sia per una battuta di pesca che per una gita in famiglia.

Il video completo è disponibile sui canali e portali social Maver e Italian Fishing TV. Un ringraziamento particolare all’amico cameramen Gionata Paolicchi, per la pazienza che ha sempre con noi pescatori e la assoluta competenza nella regia e nelle riprese.

 

Attrezzature:

due le serie di canne che abbiamo voluto impiegare per questa pescata a bolognese, entrambe serie di punta Maver prodotte completamente in Italia nell’azienda costruttrice di carbonio di Minerbio, la Reglass.

Evanon: nome altisonante che Maver ha voluto dare alla sua super serie 2020, una canna che racchiude in sè tutte le migliori tecnologie e brevetti Reglass. Leggera e bilanciatissima, ma con una riserva di potenza invidiabile, è disponibile come tutte le canne made in Italy by Reglass sia nuda che montata, quest’ultima versione con anelli Fuji Torzite. 6 e 7 metri in due versioni differenti: la light, incredibilmente leggera e bilanciata, ideale per maneggiare galleggianti fino ai 6 grammi e terminali di diametro massimo 0,12mm. Vi innamorerete la prima volta che la aprirete e terrete nelle mani, avendo la sensazione di utilizzare un raffinatissimo diamante! Ed infine la serie medium, rinforzata e sviluppata nel modo dovuto, grazie a fibre di carbonio high resistance, superba fuoriserie costruita per non aver timori di pescare da rocce, porti e moli utilizzando galleggianti fino a 10-12 grammi e terminali di misura fino a 0,16mm. Incredibilmente pronta ed affidabile, testata anche in acque dolci con pesci impegnativi e minuterie equilibrate allo scopo. Un attrezzo potente ed affidabile che ingloba dettagli e caratteristiche di una vera superserie!

Green Power EVO: la bolognese Maver più venduta, per il 2020 si rinnova ulteriormente, mantenendo l’affidabilità del carbonio della precedente versione, ma migliorando ulteriormente la tecnologia d’impregnazione e le resine impiegate. Una canna top di gamma con azione “all round”, quella da portarsi sempre dietro, da utilizzare in tutte quelle occasioni in cui non conoscete perfettamente lo spot o quali pesci dovrete combattere. Il risultato è una canna ancora più pronta e rigida nei primi tre elementi e con una riserva di potenza con pochi eguali. E’ la canna perfetta per la pesca in mare da porti e scogliere ma per ogni tipo di sessione in lago e fiume alla ricerca di pesci impegnativi dove occorre una canna leggera ma affidabile e potente nello stesso tempo. Azione medium ma il peso e la bilanciatura di una light, essendo in grado di gestire galleggianti fino a 10 grammi e terminali fino al diametro 0,16mm. La versione montata dalla casa madre, prevede l’utilizzo di anelli Fuji K. Provata controvento lanciando a tutta forza galleggianti “importanti” anche di 6 gr non ha avuto il minimo problema. Disponibile dalla 5 alla 9 metri, le misure più indicate per la pesca in mare dalla scogliera sono la 6 e la 7 metri.

Mulinello MV-R: Progettato e disegnato per i pescatori moderni e le loro esigenze, questo bellissimo mulinello è perfetto per la pesca a feeder o all’inglese, ma è stato testato con grande successo anche per la bolognese in mare o acque interne. Incarna tutte le caratteristiche di un grande mulinello ed è stato arricchito con tantissimi dettagli ed accessori, offrendo un livello di prestazioni che vi permetterà di avvertire un feeling estremamente diretto con ogni cattura. Corpo e rotore in grafite, entrambe le serie 3000 e 4000 sono estremamente leggeri anche se possiedono frizione potente ed un totale di 5 cuscinetti +1 al fine di risultare estremamente morbido e scorrevole durante l’utilizzo. La comprovata robustezza rende questi attrezzi ideali per la pesca a feeder a lunga distanza o per l’utilizzo di grossi galleggianti inglesi in grandi fiumi, ma è perfetto anche per la pesca in mare.

Mulinello Reality: I nuovi mulinelli Reality di misura 3000 e 4000 sono semplicemente una garanzia di ottime prestazioni per un prezzo modesto. Ideali per la pesca a feeder o all’inglese, ma anche per la tecnica bolognese, questi maneggevolissimi mulinelli saranno di sicuro un best seller. Entrambe le misure sono veramente leggerissime, dotati di una frizione molto potente e di 4+1 cuscinetti per delle performance molto importanti.

Smart TT-Ice: Naturale evoluzione del nostro best seller “Smart TT”, grazie all’innovativa estrusione 50% Nylon 50% Fluorocarbon, siamo riusciti ad ottenere il miglior filo da mulinello mai prodotto. La percentuale in nylon garantisce un’ottima tenuta al nodo mentre il fluorocarbon aumenta notevolmente la resistenza al deterioramento, inoltre il filo rimane inalterato anche se usato a temperature sottozero (-20°C). Il basso allungamento permette ferrate pronte che arrivano al pesce in un lasso di tempo più breve. I normali monofili 100% nylon assorbono acqua e perdono circa il 15% del carico di rottura, al contrario il TT Ice è completamente impermeabile e le sue caratteristiche rimangono invariate anche dopo molte ore di pesca.

Fluorocarbon SLR: Lo “Smart SLR” è il nylon Maver più venduto al mondo per la realizzazione dei terminali da competizione e siamo sicuri che lo “Smart SLR fluorocarbon” avrà lo stesso successo. I tecnici giapponesi sono riusciti ad ottenere questo fluorocarbon con le stesse caratteristiche del nostro nylon. La sua morbidezza, la resistenza ai nodi, l’affidabilità, l’invisibilità e la resistenza all’abrasione rappresentano le caratteristiche principali che lo rendono unico tra i fluorocarbon in commercio

Nylon SLR: Filo di produzione giapponese, realizzato per la costruzione di lenze e terminali. La sua morbidezza, la resistenza ai nodi e l’affidabilità rappresentano le caratteristiche principali che lo rendono unico tra i fili da terminali. Può essere usato sia in acqua dolce che in mare.

Galleggianti Caorle: ottimo galleggiante, ideale per la pesca in mare, ben visibile nella schiuma. Foro passante, disponibile da 1 a 10 grammi

Ami Katana 1115: Amo nichelato forgiato con punta rientrante. Di grande uso nella pesca a fondo in mare o nelle acque interne di laghi e canali. Ha un particolare trattamento anticorrosione di colore nero, progettato per la cattura di grossi pesci dalle mascelle possenti, l’orata e il sarago sono i suoi avversari principali. La sua forma arrotondata con la punta leggermente rientrante è perfetta anche per l’innesco del granchio.

Testa guadino carbon net: Nuovissima testa da gara dalle altissime prestazioni in fase di pesca del pesce bianco. Caratteristica principale è l’estrema leggerezza e rigidità, il cerchio infatti è costruito interamente in carbonio, un materiale molto leggero e robusto. La maglia di nylon accentua ancora di più queste caratteristiche rendendo la testa il 10% più leggiera di tutte le altre in alluminio.

Manico di guadino strong arm: Un manico da guadino Reglass ad innesti indistruttibile e ultra resistente, la sua affidabilità e rigidità consente di catturare grossi pesci. E’ dotato di due boccole sul primo e sul secondo pezzo, può essere utilizzato in diverse misure (4-5.40 m) in base alle necessità del pescatore in fase di pesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.