LO SPECIALISTA: RADIOGRAFIA DEL CARP FISHING CON SEBASTIANO BRUNELLI

Il Carp Fishing è una specialità molto diffusa in diversi paesi europei e l’Italia non è certamente da meno con una popolazione di appassionati con una età media molto bassa.

Per insidiare le carpe servono dei mix di sfarinati che possono cambiare a seconda del tipo di spot, acqua, temperatura e stagione.

Serve ovviamente una adeguata pasturazione per portare gli esemplari più grandi sullo spot prescelto e le lunghe attese spesso sono premiate da catture emozionanti.

Per scoprire meglio i segreti di questa specialità, che ha molte affinità con altre tecniche come il carp fishing light, il method pesante o spicement, abbiamo intervistato Sebastiano Brunelli un grande esperto di questa tipologia di pesca che pratica da oltre vent’anni con grande soddisfazione.

In campo agonistico ha raggiunto grandi traguardi come diverse medaglie con la maglia della nazionale, su tutte l’oro nel 2003, il bronzo nel 2009, e il titolo italiano individuale nel 2009.

I due ori, che sono in bella mostra mostra nel suo medagliere, sono stati conseguiti sul campo gara dell’Idroscalo di Milano.

Sebastiano per una decina di anni ha fatto parte anche del club azzurro anche se oggi per ragioni professionali ha deciso di seguire altre esperienze come la pesca con il feeder.

Ricopre la carica professionale di Direttore commerciale presso la Paioli Sport di Bologna azienda storica che distribuisce i prodotti a marchio Maver e Reactor Baits.

In questa intervista Brunelli ci parla anche di composizione di esche e pasture, differenze cromatiche quando e perchè, bracconaggio e itinerari di pesca in Italia per praticare il carp fishing.

Da non perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.