ADRIATIC MASTER COLPO 2020: VINCE LA 9° EDIZIONE STEFANO CALVARESE DEL PC TERAMO MILO

Presso il lago Overfish di Teramo è stata organizzata la 9° edizione del trofeo estivo di pesca al colpo in lago Adriatic Master come sempre ben organizzato dalla coppia Fabio Santori e Sergio Procacci che tra l’altro gestiscono anche l’omonimo negozio di pesca.

Come sempre molto partecipata questa gara che trova consenso soprattutto nella sua formula denominata “4×4” ovvero 4 manches della durata di 4 ore ciascuna, due al sabato e due alla domenica.

I motivi della grande partecipazione anche di agonisti stranieri di fama internazionale sono sicuramente due, la cornice organizzativa e la pescosità di questo lago.

Confermata la straordinaria kermesse organizzativa di Fabio e Alberto ma in questa edizione, forse per la prima volta, a mancare è stata la pescosità che non si è confermata sui livelli degli anni precedenti.

C’era da aspettarselo perché il pesce del lago ha sofferto non solo il gran caldo ma soprattutto la notevole pressione agonistica che questo impianto ha registrato nell’ultimo mese.

Per i concorrenti partecipanti sono stati tre giorni e mezzo di fuoco tra prove e gare e in precedenza il lago Over fish aveva già ospitato l’Adriatic Master feeder, il campionato italiano carpa in lago e un Memorial e in queste condizioni qualsiasi lago avrebbe avuto un calo di attività.

Il PC TERAMO MILO, come è avvenuto in altre occasioni ha fatto la voce grossa con il podio che di fatto per due terzi si è colorato di Rosso Milo con la società  PC Teramo grazie al risultato di Stefano Calvarese del PC Teramo Milo vincitore di questa edizione;

2° assoluto Marco Corsi dell’Aquafan di Città di Castello

3° assoluto Alberto Italiani del PC Teramo Milo e 4° assoluto Yuri Di Sante del PC Teramo Milo.

Le gare:

Come detto la pescosità, durante le quattro gare, non è stata molto regolare anche se il pesce andava cercato e pescato perchè di pesce ce n’è tanto; infatti si sono visti picchetti con una resa molto alta e altri con meno resa.

Anche gli esterni che in questo lago raramente sono considerati picchetti vincenti hanno combattuto alla pari di tutti gli altri picchetti.

Il picchetto buono, che in un lago è sempre determinante, non era prestabilito dalle statistiche delle gare precedenti ma dagli spostamenti del pesce durante le quattro gare che risultavano imprevedibili e buon per chi ci capitava davanti.

Dunque gara uno molto difficile con una media pescato molto bassa, a parte qualche picchetto, con le zone più pescose che sono state nell’ordine cancello, fosso, casa vecchia e gazebo.

Nella gara della domenica mattina  il lago ha mostrato una resa più dinamica ma poi nella quarta gara della domenica pomeriggio la media pescato si è attestata sulla media delle gare precedenti.

Questa apatia del pesce ha indotto molti concorrenti ad utilizzare ami e terminali molto fini per una pescata da ricerca, sfruttando le classiche linea di pesca con partenza sui 7 metri, poi a 11,5 e infine a 13.

La pescata è stata eseguita quasi da tutti sul fondo mentre in pochi hanno cercato di sfruttare la pesca a galla.

Il podio:

Stefano Calvaresi ha fatto una buona media di pescato che gli ha permesso di realizzare l’assoluto, Marco Corsi ha avuto una media di 20 chili per gara e poi ha sfruttato alla grande un gran picchetto la domenica pomeriggio con 50 kg

Alberto Italiani e Yuri Di Sante hanno fatto tre belle gare con una buona media in ogni gara.

Un ringraziamento a tutti i concorrenti, soprattutto a coloro che sono arrivati dall’estero, e un arrivederci alla X° edizione del 2021.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.