STEFANO MANNI VINCE IL TROFEO DI AGOSTO IN CAVO LAMA

Si è da poco concluso il TROFEO DI AGOSTO , gara su tre prove (con uno scarto) organizzata in Cavo Lama dalla ASD Novesi il 2, 9 e 23 di agosto 2020.

Tutte le gare si sono svolte nel tratto centrale ed hanno vosto la partecipazione di tanti concorrenti con tanti campioni che si sono confrontati sulla pesca ai piccoli e difficili carassietti e carpette presenti in queste acque.

Questi pesciolini, spesso di piccole dimensioni, sono molto tecnici e per avere la meglio sugli avversari non bisogna lasciare nulla al caso ed anche un minimo errore in fase di pesca o pasturazione può compromettere il risultato finale.

Tantissimi campioni nelle prime 30 posizioni con il podio conquistato da Marchi Maurizio dell’Alcedo , terzo in classifica finale, Guaitoli Daniele della Quattroville che conquista la medaglia d’argento e Manni Stefano dell’Alto Panaro che conquista la prima posizione della classifica finale.

Una menzione per Davide Saccani della Gatto Azzurro che nonostante due sole penalità non riesce a salire sul podio a testimonianza della regolarità e difficoltà di questa competizione.

Abbiamo approfittato della disponibilità di Stefano Manni per fargli alcune domande e condividere con lui un po’ di informazioni sulla pescata.

Ciao Stefano, innanzi tutto complimenti per l’ottimo risultato. Tre prove nello stesso mese e nello stesso campo gara… sono state tutte uguali come pescata?

Uguali direi di no, sono state simili ma i pesci presenti in queste acque in questo periodo aumentano di taglia molto rapidamente e quindi se nella prima gara la cattura dei pesciolini è stata vincente nell’ultima prova era necessario cercare di selezionare anche un po’ la taglia per poter realizzare un peso maggiore.

Quindi l’approccio alla gara è stato differente?

Sì, come ti ho detto prima cambiava il modo di pescare , all’inizio portare a casa un po’ tutto quello che c’era, poi andando avanti cercare di scegliere i pesci un po’ più bellocci.

Come hai fatto a fare selezione?

Peso della lenza e pasturazione sono stati fondamentali. Nell’ultima prova ho utilizzato un galleggiante da un grammo per cercare di arrivare rapidamente sul fondo mentre nella prima prova ho utilizzato un galleggiante da 0,30 rimanendo più staccato e cercando maggiormente la velocità ed il numero. Anche la pasturazione ovviamente ho cercato di adattarla alla pescata: più morbida cercando di fare la macchia per la pesca staccato mentre nell’ultima prova ho cercato di ottenere un composto più tenace regolando la bagnatura per ottenere la meccanica desiderata del composto che doveva disgregarsi solo una volta arrivato sul fondo.

Tre prove con uno scarto pieno… hai pescato solo all’attacco oppure c’è stato spazio anche per la difesa?

L’approccio è stato fatto anche in base alla zona dove sono capitato ed in base al tipo di pesca presente. Nella prima gara ho difeso un po’ di più cercando la continuità delle catture e sono riuscito a vincere il settore. Nella seconda prova sono capitato a metà del campo gara, ho provato ad attaccare un po’ di più ma non è bastato ed ho ottenuto un terzo di settore. Nell’ultima prova, avendo già lo scarto, ho attaccato decisamente ed ho portato a casa un primo con un buon peso che mi è valso il primo posto finale.

Che tipo di lenze e galleggianti hai utilizzato?

Per la pesca a fondo ho utilizzato dei galleggianti da 0,75 e 1 grammo del modello Orlando, una serie affusolata con antenna cava e deriva molto corta. Questo modello mi ha permesso unataratura ed una stabilità perfetta e nel contempo mi ha consentito di leggere perfettamente le mangiate. Per la pesca a galla invece ho usato il modello Verona da 0,30, un classico galleggiante che si utilizza nella pesca delle alborelle.

E pastura invece?

ho fatto un mix al 50% di 3000 carp fine mouture, una pastura da carpe di casa Sensas con macinatura fine ed un 50% di Lake.

Una bella vittoria in una gara difficile in mezzo a tanti campioni, immagino che per te sia stata una bella soddisfazione…

Sì, sono molto contento perchè a queste gare hanno partecipato un mix di campioni, specialisti di questo canale ed alcuni personaggi che uniscono entrambe le qualità. Riuscire a fare bene mi ha regalato davvero una grande gioia.

Grazie mille Stefano, a presto…

Grazie a voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.