Ombrone Day Feeder. Trionfa l’Etrusca Grosseto con la coppia Santimaria – Pieri.

Un’altra bella giornata di pesca e di sana competizione, quella che si è vissuta domenica 6 settembre sulle rive del fiume Ombrone alle porte di Grosseto.

Anche gli amanti de feeder, soprattutto quelli arrivati da fuori provincia, hanno apprezzato la sistemazione recentemente effettuata dal Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud grazie all’interessamento del Presidente Fabio Bellacchi, che in questa sede ringraziamo nuovamente.

Tornando alla gara, a cui hanno partecipato 16 coppie in rappresentanza delle province di Siena e Grosseto, tutti i concorrenti hanno impostato la pesca prevalentemente su tre linee: vicino alla sponda opposta, intorno ai 10-15 metri e nel sottoriva, alla ricerca dei grandi pesci gatto americani.

Dopo 5 ore di gara tiratissima si impone la coppia dell’Etrusca Grosseto formata da Massimo Santimaria e Diego Pieri con 16.290 kg, davanti alla coppia formata da Giancarlo Ricci e Rossano Becatti della Lenza Senese – Merse Sport Colmic che fermano l’ago della bilancia a 16.000 kg. Terzi assoluti Fabio Becatti e Vitantonio Zoppi della A.P. Cannisti Senesi Tubertini anche loro autori di un’ottima prova con 13.250 kg.

Da segnalare l’ottima prova complessiva della Lenza Senese – Merse Sport Colmic la quale, su cinque coppie iscritte, ne piazza due al primo posto di settore (l’altro primo di settore è della coppia Cambi – Corbelli) e tre al terzo posto, segno che, oltre che essere indiscutibilmente bravi pescatori e agonisti, hanno ormai acquisito una certa confidenza con il campo gara maremmano.

Come sempre ottima l’organizzazione del Gruppo di Lavoro coordinato in maniera egregia dalla Sezione Provinciale di Grosseto del Presidente Giampaolo Ricci, ora non resta che sperare che il campo di gara venga nei prossimi mesi mantenuto, e se possibile ancora migliorato e completato, in modo da poter accogliere manifestazioni sempre più importanti.

Matteo Ceriola

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.