“CIAO AMICI… RICORDIAMOLI PESCANDO” : BELLA MANIFESTAZIONE IN FIUMA

E’ stato tutto molto bello… tutto perfetto. Qualcuno forse dissentirà da questa mia affermazione poichè il canale non è stato dei migliori: è vero, la Fiuma è stata davvero avara di pesci, ma lo spirito della manifestazione ed il grande buonsenso di tutti i partecipanti ha reso la giornata davvero speciale.

Ma andiamo per ordine… FIPSAS ed ARCI PESCA hanno organizzato per domenica 13 settembre una gara a coppie in Fiuma Mandria Vecchia. La gara è stata chiamata “ciao amici, ricordiamoli pescando” , un nome che vuole ricordare tutte le persone e tutti i pescatori che ci hanno lasciato a causa del Covid. L’intero ricavato della manifestazione devoluto alla Croce Rossa, ed anche qui il gesto è molto forte perchè durante quel difficilissimo periodo i sanitari hanno dovuto affrontare difficoltà inimmaginabili. Li abbiamo chiamati eroi, questa manifestazione con il suo contributo è stato un omaggio a questi eroi nel ricordo di chi ci guarda da lassù, un mix di sentimenti davvero forte. Da sottolineare anche il fatto che alcune coppie hanno deciso di lasciare la premiazione in beneficenza che si andrà ad aggiungere al ricavato della gara. Davvero un bel gesto che si aggiunge a quello di tutti gli organizzatori, giudici di gara e tutti quelli che hanno collaborato alla perfetta riuscita della manifestazione.

Per quanto riguarda la gara invece dobbiamo dire che la Fiuma a livello visivo è davvero un campo gara stupendo e con una comodità senza pari, peccato che il pesce sembra non voler collaborare ed i pesi sono stati al di sotto delle aspettative.

La partenza è stata a roubasienne sulla linea dei 13 metri alla ricerca di 4 o 5 carassietti che nella prima mezz’ora/45 minuti potevano esserci un po’ per tutti. Finita la fase iniziale iniziava un difficile rebus: nei giorni scorsi le alborelle hanno regalato un po’ di peso visto che si tratta di avole da 15-20 grammi. Oggi però sono state molto rare ed allora bisognava cercare delle alternative.

Chi ha proseguito con la roubasienne ha potuto fare ancora qualche cattura, ma i pesci diventavano sempre più difficili col passare delle ore e bisognava essere dei veri maestri per avere continuità di catture. Chi non ha optato per la canna ad innesti ha cercato fortuna sulla sponda opposta con la canna inglese oppure con il ledgering (vista la collaborazione con Arci Pesca si è adottato un regolamento ibrido). Qualche carassio e qualche pesce gatto ha tenuto impegnati gli agonisti, ma non è mancata qualche carpa che ha movimentato le classifiche di settore.

Alla fine hanno vinto tutti perchè la grande partecipazione nonostante un canale non in perfetta forma ed il clima di grande amicizia e felicità che si è respirato ha reso la manifestazione davvero riuscita.

Un ringraziamento a …. tutti, nessuno escluso, i concorrenti, i giudici gli organizzatori e tutti coloro i quali hanno lavorato (gratuitamente) per questo nobile scopo.

CLASSIFICA FINALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.