GLI ANGELI DEL PESCE: LA RACCOLTA NEI CANALI IN ASCIUTTA

Li chiamiamo “gli angeli del pesce” perchè senza di loro sicuramente tante tonnellate di pesci presente nei fossi e canali di collegamento, ogni anno in questo periodo in concomitanza con lo svuotamento dell’acqua andrebbero incontro a morte certa.

Sono decine di persone mosse dall’amore per la natura e per i pesci, quasi sempre pescatori, che senza percepire nessun compenso si armano di buona volontà e stivali e vanno a raccogliere tutto il possibile per poi metterlo in salvo in posti adeguati.

Questi volontari agiscono in raccordo con le sezioni provinciali della Fipsas, la quale collabora spesso con uomini e mezzi, lavorando ore e ore nel fango dove riescono a salvare carpe di ogni misura, amur, perca, carassi, breme, pesci gatto, siluri oltre a qualche anguilla e aspio.

Pesci che ci fanno divertire tutti quando andiamo a pescare e dietro al tappo che affonda o al cimino che vibra non immaginiamo che dietro c’è questa azione di volontariato e soprattutto di contrasto al bracconaggio notturno.

In Italia sono diversi i gruppi che operano in silenzio, lontano dai riflettori, ed è per questo che noi di Mf abbiamo voluto intavolare una chiacchierata con alcuni di loro per capire come si svolge questo duro lavoro.

Un grazie dunque agli “angeli del pesce”.

leggi alcuni articoli collegati:

entra qui

entra qui

foto dal web

9 pensieri riguardo “GLI ANGELI DEL PESCE: LA RACCOLTA NEI CANALI IN ASCIUTTA

  • 25 Novembre 2020 in 15:36
    Permalink

    Queste persone sono veramente eccezzionali!
    Fanno fatti e poche parole da ammirare!
    GRAZIE

    Risposta
  • 26 Novembre 2020 in 08:30
    Permalink

    Complimenti, ma in provincia di Torino esistono gli angeli del pesce?
    Mi piacerebbe farne parte.

    Risposta
    • 26 Novembre 2020 in 23:18
      Permalink

      Complimenti bravi ragazzi…cosi si fa ci sarebbe da fare anke in provincia di Mantova

      Risposta
      • 26 Novembre 2020 in 23:19
        Permalink

        Anzi mi sono dimenticato a dire ke nella provincia di Mantova non gli è né frega niente

        Risposta
  • 26 Novembre 2020 in 14:11
    Permalink

    Alla Fipsas di Bologna non frega niente, perché ho visto personalmente diversi canali di irrigazione gestiti dalla bonifica renana messi in asciutta, e quintali di pesci destinati a morire.
    Basterebbe accordarsi con la bonifica per sapere, il periodo di svuotamento, ed attrezzarsi per i recuperi, ma no….. troppa fatica. Meglio fare multe a chi usa l’amo con ardiglione, vero Fabrizio.

    Risposta
  • 26 Novembre 2020 in 19:19
    Permalink

    Verter,parliamo di niente se parliamo della fipsas Bologna e di certe guardie dettesi volontarie,che che x il volontariato tanto di cappello ma se decidi di farlo fallo come si deve!
    Chiedi la licenza di pesca a tutti non solo agli italiani,come fanno in Riolo!
    Fare la multa a vecchietti 70/80 anni in reno basso (altezza quartiere barca e Casalecchio)x l’ardiglione è da ………!

    Risposta
    • 26 Novembre 2020 in 21:59
      Permalink

      Ricordo a tutti che i volontari non possono far verbali ricordatelo , controllano e se mai chiamano chi di dovere . Solo guardie provinciali , fipsas ,vigili ecc ecc possono fare verbali

      Risposta
  • 27 Novembre 2020 in 15:06
    Permalink

    1)le guardie ittiche venatorie e volontarie regolarmente nominate dall autorità,durante i loro servizi nei territori di competenza(provincia)limitatamente all aplicazione delle leggi ed i regolamenti nazionali e regionali in ambito ittico venatorio sono pubblici ufficiali;
    2)il pescatore ha l obbligo di esibire i documenti di rito durante i controlli svolti dalle guardie ittiche venatorie e volontarie,il rifiuto determina x il pescatore o cacciatore il reato di resistenzaa pubblico ufficiale;
    3)il rifiuto nel declinare le proprie generalità a pubblico ufficiale ,art.651 del codice penale;
    4) le guardie ittiche venatorie e volontarie svolgono funzioni di polizia amministrativa e esattamente come tutte le altre forze istituzionali preposte alla vigilanza possono contestare ed elevare direttamente tutte le sanzioni amministrative previste dall art.31 della legge n.157/92 e procedere a ispezioni di cose e di luoghi diversi dalla privata dimora a rilievi segnaletici,descrittivi e fotografici ed ogni altra operazione tecnica.Possono altresì procedere al sequestro autelare delle cose che possono oggetto di confisca amministrativa,nei modi e con i limiti co cui il codice di procedura penale consente il sequestro alla polizia giudiziaria.Questo ed altro in applicazione dell art.31
    QUINDI FEDE STAI ATTENTO E INFORMATI BENE PERCHE RISCHI IL PENALE ANCHE CON LE GUARDIE VOLONTARIE NON SPARGERE VOCI NON VERE

    Risposta
  • 27 Novembre 2020 in 22:02
    Permalink

    Io il documento lo faccio vedere solo alle forze dell ordine . In zone fipsas passano le guardie prov ( in provincia di venezia saranno si e no 4/5 se va bene ) e hanno l autorità x il resto la vedo dura tipo rangers ecc ecc non possono far nulla solo chiamare chi di dovere . Siccome in giro ce gente che controlla e non ha il potere x farlo. Comunque al di fuori dei canali fipsas non passa mai nessuno fidarti questo è un problema grosso.

    Risposta

Rispondi a Antonello Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.