CANNA DA RIVA: CAMPIONATO ITALIANO OVER 55 ED UNDER 21 SUGLI SCUDI MASSIMO BOERIO E NICHOLAS DI MASSIMO

MASSIMO BOERIO LA SPUNTA SU FERNANDO VALVASSURA E GUERINO POLIDORI, NEI GIOVANI NICHOLAS DI MASSIMO SALE SUL GRADINO PIU’ ALTO DAVANTI A GENNARO CASOLLA ED A FRANCESCO D’ANTONIO

La APSD San Benedetto Colmic nei giorni 5 e 6 giugno ha organizzato, come consuetudine in maniera perfetta, i campionati Italiani di canna da riva 2021 nelle categorie over 55 ed under 21.

Quest’ultima categoria torna ad essere protagonista dopo circa sei anni in cui il campionato non veniva effettuato per mancanza del numero minimo di partecipanti. Occorre dare atto alla società organizzatrice di aver saputo metterlo in piedi andando a reclutare e cercare i concorrenti.

Un lavoro certamente difficile, ma che alla fine li ripaga degli sforzi fatti non solo in termini di ricerca dei ragazzi, ma anche di formazione dei giovani pescatori che prima delle gare hanno fatto varie sedute teoriche e pratiche di pesca sui campi di gara prescelti, naturalmente assistiti dai soci della APSD San Benedetto.

Gli over 55, invece, come ormai avviene da diversi anni si sono attestati intorno alle 35 partecipazioni.

La prima prova si è svolta sul campo di Giulianova. Una scogliera posta all’interno del porto che si affaccia su un basso fondale sabbioso. Gara difficile di ricerca del pesce di fondo con sporadiche catture di muggini e piccoli sgombri.

Vengono fuori gli specialisti della pesca tra i sassi: i Romagnoli con i primi dei cugini Saverio e Guerino Polidori della SPAD Artico Ravenna e di Maurizio Bisacchi del Club Pesca Cervia Artico, il quarto primo lo conquista Fernando Valvassura della LNI Cogoleto con mugginotti e sgombri.

Negli under 21 si nota il primo di Nicholas Di Massimo della APSD San Benedetto Colmic e quello a pari penalità di Francesco D’Antonio della ASD Teramo Spinning e di Gennaro Casolla della APSD San Benedetto Colmic.

I punteggi fanno registrare il massimo nei 1.600 punti di Saverio Polidori.

Domenica entra in scena il campo di San Benedetto del Tronto, la famosa diga Sud. Visto l’inutilizzo degli ultimi mesi, causa pandemia, ci si aspettava una pescata a fondo importante. Invece ancora una volta a sorpresa, i pesci da fondo ci sono ma di taglia piccola e soprattutto ad inizio gara entrano le boghe di taglia discreta.

Nel primo settore Massimo Boerio dell’Amo d’Oro Trabucco di Torino ha la meglio su Claudio Mattiuzzo della APS Ombrone di Grosseto ed alla fine vincerà con circa 2.300 punti di boghe.

Nel secondo settore Fernando Valvassura con le boghe ed il fondo è primo tranquillo fino ad un quarto d’ora dalla fine quando Massimo Bacchiani del Club della Pesca Cervia Artico mette nella nassa un grosso muggine.

Nel terzo settore Gianni Boerio dell’Amo d’Oro Trabucco mette tutti in fila con i muggini, mentre nell’ultimo settore in terra Nino Brocchi della SPAD Artico di Ravenna vince bene con le boghe davanti al compagno di squadra Guerino Polidori.

Rapidi conteggi evidenziano la conquista del titolo Italiano da parte di Massimo Boerio dell’Amo d’Oro Trabucco che a pari penalità, ovvero 3 (2+1) prevale al peso su Fernando Valvassura e Guerino Polidori.

Classifica Settori 1ª Prova Master

Classifica Settori 2ª Prova Master

Classifica Generale Master

Una bella vittoria quella del Piemontese che porta a Torino il primo titolo Italiano mare della storia. Una vittoria figlia di anni ed anni di lavoro, di gare, allenamenti, passione, preparazione, chilometri su chilometri macinati per venire a pescare al mare. Una vittoria meritata che certamente porterà nuova linfa e voglia di fare nella società del neo campione d’Italia.

Alla premiazione è stato consegnato un riconoscimento a Guerino Polidori per la carriera: è arrivato alle ottanta primavere…..

Nei giovani Nicholas Di Massimo della APSD San Benedetto Colmic vince ancora il settore e conquista il suo primo titolo Italiano con solo due penalità.

Medaglia d’argento per Gennaro Casolla anche lui della APSD San Benedetto Colmic che totalizza 2,5 penalità.

Bronzo per Francesco D’Antonio della ASD Teramo Spinning con 3,5 punti.

Classifica Settori 1ª Prova U21

Classifica Settori 2ª Prova U21

Classifica Generale U21

Un’ultima considerazione in merito alla passione che ha spinto diversi garisti “non più giovani” ad impegnarsi nella partecipazione a questo campionato…..è una cosa che fa venire i brividi vederli gareggiare su queste scogliere.

A questi concorrenti devono essere fatti i complimenti più sinceri.

Come devono essere fatti i complimenti ai ragazzi che si sono comportati in maniera esemplare, sia dal punto di vista tecnico che da quello sportivo: bravi ragazzi!

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.