AGONISMO PIEMONTE: LA 1° PROVA DEL REGIONALE COLPO ALLA CON.PE.DI.VER.

27 giugno 2021: sulle sponde del Fiume Tanaro e del fiume Bormida si è svolta la prima prova del Campionato di serie B Piemontese.

La stessa doveva essere disputata nelle acque del lago d’Orta a Omegna, ma le pessime condizioni climatiche che hanno afflitto il lago rallentando lo scambio termico delle acque e forse anche una invasione di una “alga“, la quale sembra sia la causa del non avvicinamento a normali distanze da riva dei Gardon, specie che nel lago è presente in un buon numero e dai risultati di gare fatte in precedenza, ha fatto sì, che le società partecipanti riunite dal Comitato Regionale Piemonte, decidessero per una “inversione “ dei campi tra prima e seconda prova.

Quindi si è optato per svolgere la gara nelle acque del Tanaro in località Castello d’Annone in provincia di Asti e Masio di Quattordio sempre fiume Tanaro e nel Fiume Bormida in località Castelnuovo Bormida in provincia di Alessandria, sperando che i ciprinidi dalle pinne rosse si avvicinino alle sponde dello specchio d’acqua Cusiano.

Cosi facendo anche l’organizzazione è stata invertita e la Lenza Astigiana Tubertini ha fatto in modo che l’emergenza non recasse altre difficoltà ai garisti e si è preoccupata di rendere disponibile e accessibili i suddetti campi, grazie agli interventi degli amministratori del Comune di Masio e alla sezione F.I.P.S.A.S. di Asti e Alessandria e all’infaticabile lavoro volontario del gruppo “I castori “.

Rendendo 4 zone accessibili e sicure, cosi divise:
zona A: fiume Tanaro campi gara denominati Alberoni e Paese Monte, località Castello d’Annone AT
Zona B: fiume Tanaro campi gara denominati Paese Valle, località Castello d’Annone AT
Zona C: fiume Tanaro. campo gara denominato Monte Blocchiera , comune di Masio AL
Zona D: fiume Bormida, Campo gara denominato Pioppeto comune di Castelnuovo Bormida AL

Le prove fatte nella settimana antecedente alla gara davano per vincente la pesca dell’alborella su due campi, Bormida e Masio, mentre a Castello d’ Annone la pesca prevalente era fatta da catture di piccoli barbi e qualche clarius.

In gara il pesce non risposto nella quantità di catture come si prevedeva nei giorni antecedenti, questo non è il periodo migliore per il Tanaro per lo sciogliersi delle nevi che ne raffreddano le acque, mentre il Bormida si presenta più in “forma” se la portata restasse costante.

Il rebus è stata l’impostazione di gara di Masio, dove l’alborella che garantiva un numero di catture elevato 600/700 pesci in tre ore di pesca, per un peso che oscillava tra‘ 2800 e i 3200 punti, durante la gara è scomparsa, calando mano a mano la presenza presso la sponda, sicuramente “disturbata “ dalla presenza di grossi Clarius e Siluri, quindi per più di metà gara, chi aveva impostato la gara alla cattura del piccolo ciprinide ha dovuto cambiare strategia e ripiegare alla pesca dei clarius e dei barbi, la cattura di qualche bel esemplare ha condizionato i piazzamenti nei settori.

Ad Annone la gara si è svolta secondo le previsioni, le catture si sono susseguite nei primi momenti di gara, poi con il passare del tempo si è dovuto andare a cercare qualche pesce con le bolognesi in centro al fiume.

Nel Bormida invece le aspettative sono state confermate, alborella e cebacech (pseudo arbora parva) sono state le catture predominanti, con qualche barbetto e qualche triotto.

La classifica finale vede in testa la Con.Pe.Di.Ver Tubertini con 8 penalità seguita da due squadre dei Diavoli Torino Tubertini con 14 e 15 penalità e dalla Lenza Astigiana Tubertini con 16 penalità.

CL 1 Prova a Sq e Settori regionale 2021

Alla prossima gara del 11/7/2021 tutti alla caccia della vincente di giornata, che è anche la società che detiene il titolo di campione per l’anno 2019.

Per Match Fishing Italia, Massimo Testa

Alberoni

Castelnuovo

Annone Paese

Masio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.