CANALE EMILIANO ROMAGNOLO: IDEE GREEN IN PROSPETTIVA

Dal web abbiamo appreso una notizia in circolazione già da alcuni mesi circa lo studio di fattibilità di coprire tutto il canale Emiliano romagnolo con pannelli fotovoltaici.

Questa la sintesi del progetto:

“Una delle più importanti opere idrauliche italiane, il Canale Emiliano Romagnolo, rappresenterà il primo esempio di solarizzazione di un canale nel nostro Paese.

Pare sia stata approvata in aula del consiglio regionale Emilia Romagna l’analisi di fattibilità e la conseguente realizzazione di questo progetto innovativo e strategico da diversi punti di vista.

Il CER assicura, mediante derivazione dal fiume Po, l’approvvigionamento idrico di un area estesa su oltre 3000 km2 che comprende le province di Ferrara, Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini.

La vasta superficie del canale potrà essere utilizzata come base per una struttura solare fotovoltaica che permetterà, oltre alla produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile, il risparmio di milioni di litri di acqua grazie all’ombreggiamento offerto dagli impianti stessi che ne impediscono l’evaporazione e il risparmio di ettari di terreno non più sottratti all’agricoltura o al paesaggio”.

Noi di MATCHFISHING Italia diciamo che la copertura del canale come si evince dalla foto non consentirebbe più  l’esercizio della pesca sportiva, ma non sarebbe questo  il problema, quello che ci preoccupa sono le conseguenze sulla fauna ittica costretta a vivere senza più vedere la luce del sole.

Pertanto sarebbe opportuno che nello studio di fattibilità si approfondisse anche questo aspetto.

MATCHFISHING Italia non mancherà  di segnalare questa preoccupazione al presidente regionale Emilia Romagna e ai gruppi parlamentari della regione.

2 pensieri riguardo “CANALE EMILIANO ROMAGNOLO: IDEE GREEN IN PROSPETTIVA

  • 11 Settembre 2021 in 10:42
    Permalink

    Considerando lo scopo di questa prospettiva,non si può che accettare è esserne contenti.
    Nell’emiliano romagnolo vivono tanti pesci di diverse razze,spero solo che vengano tutti prelevati e messi in altri canali come ripopolamento .
    Con il tempo la fauna ittica ritornerà a essere presente in grande quantità e lo si potrebbe usare come allevamento naturale per appunto ripopolare altri canali

    Risposta
  • 13 Settembre 2021 in 23:54
    Permalink

    Sembrano quei tipi di notizie che escono fuori puntualmente ogni primo di aprile, solo che siamo avanti di qualche mese…

    Risposta

Rispondi a nihira Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.