Canna da Riva – COPPA ITALIA 2021: EDO PUNTIROLI CONCEDE IL BIS A DISTANZA DI DUE ANNI E REGOLA IN VOLATA VALERIO MENGOZZI ED IL PROMETTENTE SALVATORE RUGGIERO

Le finali di Coppa Italia, quest’anno sono tornate sul campo di gara di San Benedetto del Tronto, a distanza di due anni, magnificamente organizzate dalla APSD San Benedetto Colmic.

Una vera e propria festa della canna da riva anche se ad onor del vero, la data di effettuazione delle gare, per motivi non imputabili per nessun motivo agli organizzatori, è stata un tantino tardiva e di conseguenza la pescosità di questi campi, che di solito danno ottime risposte, non apprezzabile.

In effetti la manifestazione si doveva disputare a Ravenna in data congrua, ma per vari motivi, tra i quali vorrei sottolineare alcuni oggettivamente derivanti da carenze Federali, si è arrivati a metà novembre.

In questa sede non intendo proseguire nelle polemiche perchè mi dilungherei troppo a raccontarvi di una annata, l’ultima di una lunga serie, decisamente fallimentare con gare rinviate e campi di gara spostati all’ultimo momento da una parte all’altra dell’Italia, nonché con campionati disputati a tutti i costi in regime di “allerta rossa”….. certamente questo stato di cose non fa onore e non giova, alla disciplina più antica del settore mare.

Mi limito a ringraziare l’APSD San Benedetto Colmic per il coraggio dimostrato a farsi carico dell’organizzazione e per la professionalità, la competenza e l’impegno con cui ha condotto l’evento.

Come accennato sopra, lo scorso anno, a causa della pandemia la Coppa Italia non è stata effettuata, quindi, il detentore del Trofeo era Edo Puntiroli del CSRC Portuali Tubertini di Ravenna, ebbene il fortissimo Romagnolo, non ha fatto che ripetersi, diciamo pure alla grandissima, anche quest’anno, dimostrando la sua capacità nell’interpretare al meglio questi campi di gara.

Due parole proprio su questi ultimi che sono stati estremamente difficili da affrontare, per la presenza di pochissimi pesci: qualche muggine, poche aguglie di taglia differente e pesce di fondo. Gare che si sono risolte con pesature effettuate con le classiche “bilance da farmacisti”.

Alle spalle di Edo Puntiroli che chiude a punteggio pieno troviamo il compagno di società Valerio Mengozzi che totalizza tre penalità, lui, la Coppa Italia, proprio non la riesce a portare a casa.

Terzo gradino del podio, con un primo ed un terzo, per Domenico Ruggiero della Amici del Mare di Ravenna, un giovane che è venuto alla ribalta quest’anno e che dimostra importantissime potenzialità.

La classifica per società, già cristallizzata prima delle finali durante i trofei di qualificazione, ha visto la vittoria dell’Amo d’Oro Trabucco di Torino davanti alla CN Sampierdarenese di Genova ed alla LNI di Cogoleto.

CLASSIFICA FINALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.