CAMP. REGIONALE CAMPANIA: I PESCATORI IRPINI SI IMPONGONO NELLA PRIMA PROVA

Le prove dei giorni passati avevano fatto presagire una gara difficile e poco pescosa, ma che il Lago Mignatta sarebbe stato così avaro, sinceramente non se lo aspettava nessuno. Tutti, infatti, avevano preventivato che in caso di latitanza dei carassi, ci sarebbero stati i pesci gatto o le breme a salvare dal cappotto e invece le buste bianche sono state tante e persino i primi classificati hanno portato alla pesa anche un solo pesce.

Probabilmente il freddo dei giorni precedenti ha bloccato l’attività dei pesci, ma di sicuro sarà stata la frega dei carassi a peggiorare le cose. Anche al sabato sono stati visti branchi numerosissimi di carassi di grosse dimensioni impegnati nel sotto sponda nell’attività di frega, per cui è facile immaginare che non fossero per nulla interessati alle esche e pasture degli 84 agonisti che si sono sfidati in quel di San Giorgio La Molara, anzi, provando di sicuro, fastidio della presenza di troppa gente sulle sponde. I gatti, poi, di sicuro avranno trovato fin troppo cibo, costituito dalle uova dei carassi, per cui non si sono interessati dei bigattini.

Insomma, tutti questi fattori (o magari anche qualcun altro a noi ignoto) hanno fatto sì che la media di pescato si fermasse a pochi etti pro capite, a discapito della pescosità e del divertimento.

Per la pesca, quindi, non ho altro da aggiungere, se non che molti agonisti hanno dirottato sulla canna all’inglese, pur di scappottare. Non tutti ci sono riusciti, ma chi l’ha fatto merita i complimenti.

Quanto alla classifica di giornata, trattandosi della prima prova, oltre ai Pescatori Irpini Trabucco che vincono la prova con 12,5 penalità, ci sono i Pescatori Normanni Maver, secondi con 13 pen., seguiti dalla Hirpus Avellino con 14,5, i Gabbiani Colmic con 15,5 ed il Fishing Club Pontecagnano Milo con 17,5, solo per citare i primi 5.

L’appuntamento è per il 12 giugno, sulle sponde dell’Alento, con la speranza di riempire, finalmente, le nasse di belle carpe.
Per Match Fishing Italia
Michele Lozupone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.