Trofeo di serie A/7: L’Arca Lenza Campobasso Maver si impone a San Giorgio La Molara

Domenica 22 maggio si è svolta la prima prova del campionato di serie A/7, che vede partecipare agonisti provenienti dalla Campania, in maggior numero, dal Molise e dalla Puglia.

Una fitta nebbia ed un clima quasi invernale hanno accolto le 12 le squadre partecipanti, nel nuovo format dei settori da 12 concorrenti, senza i classici settori tecnici.

Ad aggiudicarsi la prova, nel difficile campo del Lago Mignatta, meglio conosciuto come lago San Giorgio, sono stati i ragazzi dell’Arca Lenza Campobasso Maver, riusciti a piazzare anche la seconda squadra al quarto posto della classifica progressiva, che vede al secondo gradino del podio l’APS Pietrelcina Hydra ed il Fishing Club Benevento Tubertini, al terzo.

Campo gara molto difficile e tecnico, quello di domenica scorsa, anche se si era capito dai giorni precedenti, che alcuni picchetti sarebbero stati decisamente avari di catture. E così è stato, tanto che le buste bianche, praticamente in fila, sono state ben 8!

Comunque la gara andava impostata al meglio, senza tralasciare nulla, ma con le idee ben precise per ogni evenienza. È doveroso, quindi, fare i complimenti ai vincitori, ma anche alle squadre piazzatesi nelle prime posizioni i cui risultati sono stati il frutto dell’impegno e della determinazione.

C’è stato chi ha puntato tutto sui pesci gatto, alla ricerca del numero, più che della taglia, come Maurizio Caggiano, del Fishing Club Benevento, ottenendo un ottimo secondo di settore.

Altri, invece, hanno preferito cercare i carassi, veramente di notevoli dimensioni, sicuri che qualche bell’esemplare avrebbe garantito il piazzamento, se non la vittoria. Fatto sta, che avere la meglio sui carassiosauri di San Giorgio, non è stato per nulla facile, anzi!

In alcuni casi ha pagato la pesca a filo lungo o lunghissimo, come ha fatto Roberto Carrino dell’APSD Pietrelcina Hydra che ha fatto registrare l’assoluto di giornata, in altri la pesca con esche alternative, quali lombrichi o mais.

In definitiva non si doveva tralasciare nulla e sperare fino all’ultimo minuto nell’abboccata vincente.

Ecco, perché bisogna fare i complimenti a tutti coloro che hanno interpretato al meglio la gara, senza tralasciare che alcuni agonisti, di indubbia fama e valenza agonistica, sono stati costretti a presentare busta bianca, probabilmente per la reale assenza di pesce nel proprio picchetto.

Un in bocca al lupo, a questi sfortunati agonisti, sicuri che alla prossima gara sapranno tornare nelle posizioni che meritano.

Infine, un doveroso riconoscimento al Fishing Club Benevento Tubertini per l’ottima organizzazione della manifestazione, che ha anche rifocillato tutti gli agonisti con acqua e brioche!

L’appuntamento è per il 19 giugno, sulle sponde della pescosissima diga del Basentello, per la seconda prova del Trofeo di serie A7.

Per Match Fishing Italia
Michele Lozupone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.