A NOMADELFIA (GR): IL 22° TROFEO ALBORELLA

E sono ben 22 le edizioni del “Trofeo Alborella”, unico ormai ad essere così accattivante da attrarre le glorie più famose e più agguerrite in questa tipologia di pesca che quando ti prende l’anima non ti lascia più. E non puoi sottrarti ad un appuntamento che ormai ti aspetti ogni anno sperando che un qualche malaugurato evento non lo faccia saltare.

Si, saltare, non terminare perché se sono 22 le edizioni con questa del 2022 vuol dire che è qualcosa che non può cessare. Ci vogliono comunque la tenacia, la perizia e le ferrea volontà che dimostra da sempre Giampaolo Ricci, mitico organizzatore e, soprattutto devoto alborellista che ha fatto delle “bestioline”, come lui le definisce, il piedistallo sul quale montare la manifestazione.

Anche quella di quest’anno non poteva non riempire gli animi di gratitudine e di soddisfazione di tutti i partecipanti.

Il laghetto di Nomadelfia, in provincia di Grosseto, ha ospitato infatti il 12 giugno, i mitici personaggi di sempre, i più inossidabili che, seppur messi a confronto con nuove ed agguerrite leve, la loro hanno da dirla sempre. Ci sono stati personaggi che per varie vicissitudini hanno dovuta saltare anche più di una edizione, ma è subito riemerso lo smalto di sempre, le tecniche messe a punto in anni ed anni di gare alle alborelle sono presto riaffiorate ed allora, iniziata la gara, è stato come se non si fossero mai interrotte.

I risultati ed i piazzamenti si evincono dalle classifiche allegate e subito balza all’occhio un fatto incontestabile: i “mostri sacri” non si smentiscono mai, come la coppia prima assoluta Borgi – Rossi che ha totalizzato 3695 punti, che sono un ottimo risultato, anche se il record dei record rimane quello della coppia Borgi – Ricci che nel 2016 raggiunsero ben 7845 punti.

La manifestazione, trasse origine da un’intuizione in comune scaturita da Ivo Stoppioni (Stonfo), da Franco Galliani alla presenza di Giampaolo Ricci: i due compianti, grandi personaggi del mondo della pesca sportiva, si convinsero quasi subito come Giampaolo fosse stato l’unico che avrebbe potuta realizzarla e così è avvenuto.

La premiazione, in ottemperanza al principio di entrambi che ritenevano che un premio dovessero riceverlo tutti, è differita di poco dal primo all’ultimo. Questo ha portato ad avere solo 25 coppie iscritte, ma la causa principale del numero esiguo è dovuto principalmente alle limitate dimensioni del lago: ben 47 coppie non hanno potuto avere una collocazione, quasi una’ altra gara e mezzo. Tali sono i numeri della manifestazione che quest’anno non era internazionale per il conflitto in corso, ma tornerà ad esserlo con l’auspicato ritorno dei partecipanti dell’Ungheria, della Svizzera, e del Belgio, tutti veri aficionados di questo evento.

Molto gradita la presenza di Antonio Fusconi, responsabile FIPSAS delle Acque di Superficie, dell’Assessore alle Attività Produttive della Regione Toscana Leonardo Marras, dell’Assessore del Comune di Grosseto, Daniele Capperucci, del Vicesindaco di Grosseto Fabrizio Rossi, del Vicesindaco di Scansano responsabile Provinciale FIPSAS Acque Interne, Matteo Ceriola. Ha manifestato il suo plauso via e-mail, il Presidente Nazionale Ugo Claudio Matteoli.

Ed infine i ringraziamenti di dovere a quanti hanno contribuito alla premiazione, quali le ditte Elettromare di Gabriele Fusini, l’Azienda agricola Leonardo Franci, nonché i produttori di materiali per la pesca, quali Stonfo, Tubertini, Bazza, Milo. Da parte di Giampaolo un ringraziamento particolare va al Vicepresidente della FIPSAS di Grosseto, Ettore Filabozzi, per il gran lavoro svolto durante tutta la manifestazione.

Renato Rosciarelli

bestioline

classifiche

Un pensiero riguardo “A NOMADELFIA (GR): IL 22° TROFEO ALBORELLA

  • 14 Giugno 2022 in 09:41
    Permalink

    Facile dire “BELLA MANIFESTAZIONE”… Organizzare un evento del genere sarebbe per molti quasi impossibile eppure Giampaolo lo ha fatto in maniera impeccabile! Ne ha fatto, purtroppo, le spese il sottoscritto che pescando in coppia con lui si è trovato un compagno al 50% delle proprie possibilità ma che comunque ha gareggiato sempre in maniera egregia. La vittoria nel settore era a portata di mano ma… poco importa! La cosa bella è aver potuto gareggiare con “la crema” dei pescatori all’alborella (basta guardare la composizione dei settori), poi vincitori e vinti si sono trovati al ristorante dove, anche lì, ognuno ha dato il suo meglio! Speriamo di poter essere presente anche all’edizione 2023 di questa manifestazione veramente UNICA! Complimenti ancora a Giampaolo.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.