Ostellato: box canale e provinciali individuali
BOX CANALE

BOX CANALE
Il GPS si è presentato in questo campionato con due squadre:
A: Zavoli, Ugolini, Facciani e Neri i quali con oltre 18 chili di pescato fanno i secondi;
B: Merli, Brolli, Sama e Biondi fanno i quinti di settore.
La pesca è stata condizionata da scarsa pescosità ma di notevole taglia.
Certo ai carassi da mezzo chilo hanno fatto da contro altare anche abramidi da due o tre chili.
Qualcuno anche carpe da cinque chili.
Insomma un canale che per pescare a roubasienne si merita la sufficienza.
Il pesce tarda a venire in canna ma quando viene ti da belle soddisfazioni.
Certamente chi ha la fortuna di capitare in un picchetto già “piazzolato” ha maggiori probabilità di catturare pesci e che pesci.
La condizione di pesca subisce varianti dovute a alterazioni di corrente per cui si ha un livello tecnico elevato che favorisce veramente i migliori pescatori.
Così è stato per Zavoli che in acqua corrente ha usato lenze da due grammi mentre altri non sono andati oltre al grammo e venticinque.
Con acqua ferma o lenta basta pescare con 4×16.
La migliore pescata si fa pasturando con fionda piena di bigattini dopo avere fatto un buon fondo con pastura attirante abramidi e carassi.

PROVINCIALI INDIVIDUALI
Un Ostellato che non finisce di stupire assicura un’altra domenica di pesca da interpretare perché diversa da quella precedente.
Il canale ferrarese si concede con acque ferme ma con una fastidiosa brezza che ostacola l’azione di pesca, almeno a coloro che l’hanno impostata a roubasienne.
La pesca come detto andava interpretata e siccome la tecnica era libera coloro che avevano appresso anche le canne inglesi e che le hanno usate hanno potuto assicurarsi il risultato utile per la medaglia.
Con acqua in movimento il pesce si è capito che risponde meglio alla roubasienne mentre con acqua ferma preferisce l’inglese a metà canale.
Ma attenzione la pesca all’inglese andava fatta pescando prima della metà del canale sopra il lancio di pastura morbida che spaccasse a galla con galleggiante inglese da 12/14 grammi e sotto un bel amo del 10 caricato con 4/5 bigattini.
Chi ha fatto questa pesca ha avuto ragione.
In molti invece hanno pescato solo a roubasienne sfruttando le poche mangiate avvistate.
In ogni modo, dalla terza prova del provinciale individuale di Forlì Cesena, si può trarre un bilancio positivo.
I quattro garisti targati GPS Santarcangelo hanno ottenuto ottimi piazzamenti che consolidano le buone posizioni in classifica generale prima dell’ultima gara che si terrà ad Umbertine dopo l’estate.
Zavoli pescando un po’ a roubasienne ed un po’ all’inglese vince il suo settore;
Biondi ottiene un bel secondo di settore battendo di misura proprio Scarponi che gli pesca a spalla e che fa il terzo di settore.
Brolli non va oltre il sesto di settore che poteva esere un altro primo di settore se solamente non avesse lasciato in acqua quasi tutti i pesci agganciati.
Attualmente in testa alla classifica troviamo Fusini con tre primi di settore e al secondo posto il campione uscente De Lorenzi con un secondo e due primi.
Zavoli del GPS è in terza posizione mentre Scarponi segue a ruota in sesta posizione.
La gara di Umbertine, con penalità a coefficiente doppio, nel senso che il primo di settore prenderà 20 punti, decreterà il nuovo campione 2005.
La sfida è ancora aperta anche per il GPS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.