BOLOGNA: IL RIOLO PORTA BENE AL TEAM BAZZA

Dopo sole due settimane dalla vittoria nella prima prova del Trofeo di serie C Promozionale della Sezione felsinea della FIPSAS con una delle sue formazioni in lizza, il Team Bazza Faps si è ripetuto con la formazione composta da Salvatore Bonura, Giovanni Danieli, Massimo Dian Elefanti e Pierluigi Pulga il 9 maggio scorso vincendo la seconda prova del Campionato provinciale a box programmato sulle sponde del Riolo.

A dire il vero il campo di gara predestinato era quello delle Acque Alte, ma questa primavera inesistente, con le sue continue precipitazioni, non ha consentito di garantire una certezza sulla presenza dell’acqua nel canale di Crevalcore, che in caso di frequenti precipitazioni viene mantenuto pressoché vuoto per poter essere impiegato come scolmatore in caso di piene improvvise, e quindi l’organizzazione ha dovuto ripiegare sul Riolo per garantire lo svolgimento della prova.

Il campo gara ubicato sul territorio del comune di Malabergo, al confine tra le province di Bologna e Ferrara, che aveva già tenuto a battesimo l’edizione 2010 del Promozionale il 25 aprile, ha quindi nuovamente ha ospitato 30 formazioni bolognesi il 9 maggio per la seconda prova di questo campionato, che ha vissuto fasti enormi nel passato, raggiungendo punte di partecipazione di svariate centinaia di presenze e tutt’ora, pur notevolmente ridimensionato, attira ancora un discreto numero di agonisti con la sua formula molto “socializzante” che consente a tutti i componenti della squadra di pescare assieme, appunto nello stesso box.

Dicevo del doppio, consecutivo alloro per le formazioni del Team Bazza RossoBlu Faps che sembrano aver capito molto bene come affrontare i sospettosi carassi e le diffidenti breme del Riolo, che pur essendo presenti in grandi schiere nelle bassissime acque del canale, risentono moltissimo del disturbo arrecato da tante presenze sulle sponde, diventando assai difficili da catturare.

Quella del 9 maggio è stata una gara da interpretare posto per posto, a causa del livello dell’acqua ancor più basso del solito (50/70 cm.), della corrente e della conformazione del canale, essendo il campo gara, pur se continuo ed ininterrotto nel suo sviluppo, distinto in due tratti assai diversi tra loro: a monte e a valle della confluenza con lo Scolo Calcarata. A monte di questa, infatti, fino al sottopasso della A13, il canale ha una larghezza di 20 metri o poco più, mentre a valle della confluenza il letto si allarga di almeno una decina di metri ed è in questo tratto che generalmente si registrano le catture più numerose. E’ stato sicuramente così il 9 maggio scorso, quando nel settore a valle della confluenza si sono registrati i pesi maggiori di tutta la gara.

Per tutti o quasi partenza a roubaisienne, con lenze anche discretamente pesanti a causa della moderata corrente presente; alternative di seconda scelta il ledgering e la pesca all’inglese vicino alla sponda opposta, più complicate a causa del piumino dei pioppi che, anche se in misura molto minore rispetto al passato, in questo canale e in questo periodo del anno complica maledettamente la vita agli agonisti, che dopo pochi lanci si ritrovano a fare i conti con passanti e bobine più o meno intasati.

La squadra vincitrice, pur confrontandosi con gli ultimi di campo, ha portato alla pesa 11.850 grammi di pescato, più che sufficienti per aggiudicarsi la prova. Seconda formazione assoluta di giornata quella del G.P.O. Imolese Tubertini composta da Marco Guadagnini, Franco Saati, Rivaroli Rossano e Angelo Borgatti, che ha fatto fermare la bilancia a 8.920 grammi.

Altri vincitori di settore sono risultati: Lenza Medicinese B (Fabio Marchi, Andrea Gardenghi, Vincenzo Blunda e Franco Modelli) con 3560 punti, Casalecchiese Tubertini A (Giorgio Bentivogli, Massimo Bortolotti, Ivano Fustini e Gianni Giuliani) con 2600 punti e ancora una formazione del Team Bazza Faps, la C (Massimo Pilati, Alberto Rossi, Alessandro Vivarelli e Won Gwichit Somphon) che vince il proprio raggruppamento con 2.260 punti.

La vittoria odierna proietta Salvatore Bonura, Giovanni Danieli, Massimo Dian Elefanti e Pierluigi Pulga, ossia il Team Bazza Faps B, al vertice della classifica provvisoria dopo due prove con 3 penalità, davanti alla Camaldoli Maver D (Ivan Budriesi, Giovanni Grossi, Davide Vigarani e Mirko Gadignani) anch’essa con 3 penalità. Segue un lotto di 4 formazioni con una penalità in più.

Precisa e puntuale l’organizzazione della Camaldoli Maver con la Direzione di Gara di Ernesto Brini e la supervisione dello “storico” Giudice di Gara Gianfranco Paolucci oltre a Tiziano Tebaldi.

Prossimo appuntamento, il 2 giugno, nella Garda Alta a S.Antonio di Medicina.

Dragstar97

Team Bazza B vincitrice della prova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.