ZAVOLI FA IL BIS: CAMPIONE PROVINCIALE


ZAVOLI OSCAR:
IL NEO CAMPIONE

MILENA CAMPORESI
METTE IN RIGA 50 MASCHIETTI

L’alba di domenica 14 ottobre 2007 ha visto oltre cinquanta pescatori percorrere l’E 45 in auto con le inconfondibili sacche porta bigattini appese all’esterno con destinazione Umbertide in provincia di Perugia.
Erano gli agonisti della pesca al colpo di Forli Cesena che si recavano in Umbria per effettuare l’ultima prova del Campionato provinciale individuale.
Il Tevere Umbro, nel tratto riservato a campo di gara denominato “campo sportivo” si presentava con le inconfondibili acque leggermente velate.
Il fiume scorre nel centro della città ed è circondato da una rigogliosa vegetazione che rende ancora più suggestiva tutta l’ambientazione naturale.
Lo scorrere lento dell’acqua viene disturbato ogni tanto dai salti dei pesci in superficie e dallo scorazzare di alcune gallinelle d’acqua che cercano cibo nel sottoriva sulla sponda opposta alle postazioni di pesca.
L’alzarsi del sole altera con i riflessi di luce finanche il colore dell’acqua che appare, agli occhi dei mattinieri pescatori, inizialmente grigio per ritrovarlo sempre più verde man mano che passano le ore.
Ogni domenica mattina centinaia di pescatori si sfidano con la roubaisienne, canna regina di questo posto, per catturare i grossi cavedani che abitano le profondità del fiume.
Non è difficile portare a guadino esemplari anche di due chili insieme alle tante carpe che sono state immesse per aumentare la pescosità e quindi il divertimento che rimane pur sempre il vero motore che fa girare questo sport.
La gara di domenica era molto sentita da tutti i pescatori romagnoli per via dell’assegnazione del titolo di campione provinciale.
Così tutti i garisti, fin dai giorni precedenti, avevano cercato di prepararsi al meglio per non farsi trovare in difficoltà di fronte a tale appuntamento.
La mattina della gara al raduno ognuno aveva in tasca la sua verità e questo è il bello della pesca.
Non esiste nella pesca una teoria vincente assoluta e così infatti è stato anche domenica.
Chi ha vinto pescando con il mais, chi con il lombrico e chi con il bigattino; chi ha pescato a sfiorare il fondale con l’esca e chi invece ha preferito una lenza molto appoggiata sul fondo per mantenere l’esca ferma sul fondo.
Nella classifica provvisoria, prima della finale di Umbertide, il vertice era composto dai Santarcangiolesi Giovanardi Marco e Zavoli Oscar seguiti in terza posizione da Brolli Mauro di Riccione.
Purtroppo Giovanardi non riesce ad andare oltre il quarto posto di settore, Brolli a causa di un picchetto non facile chiude in settima posizione mentre Zavoli, classificandosi secondo del suo settore, supera tutti ottenendo così il gradino più alto del podio e laurearsi, per la seconda volta negli ultimi tre anni, campione provinciale di pesca al colpo.
Ma la vera sorpresa di questa gara è stata la performances dell’unica donna presente, Milena Camporesi di Forlì, la quale mette in riga gli oltre cinquanta maschietti ottenendo il primo posto assoluto nella classifica di giornata con oltre 14 chili di pescato.
Una gran gara ottenuta con una tecnica difficile da gestire, la roubaisienne, che testimonia la bravura di questa appassionata che in passato è riuscita a vestire anche la maglia della nazionale femminile di pesca.
Nelle prossime edizioni pubblicheremo le interviste di Oscar Zavoli e di Milena Camporesi sulla gara di Umbertide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.