LA 24 ORE 2009 AL LAGO DELLE QUERCE AI FRATELLI RUSCELLI

Nel mese di agosto i vari campionati di pesca al colpo si fermano momentaneamente e molti pescatori ne approffittano per andare in vacanza.
Ma non è così per tutti perchè i patiti della lenza non mollano mai!
Infatti ci sono diversi laghi commerciali che organizzano svariate gare di pesca alla carpa sia in diurna che in notturna attirando gli specialisti di questa tecnica molti dei quali sono tiuristi in vacanza sulla vicina riviera romagnola.
Il montepremi in queste gare di pesca cambia da lago a lago: si passa dai prodotti enogastronomici locali con salumi, formaggi e vino ad elettrodomestici, a oggetti preziosi per donna, buoni valore, moneta contante o medaglie d’oro.
Ogni pescatore sceglie la soluzione che più gli aggrada potendo valutare anche le diverse regole offerte come l’uso della tecnica di pesca, le esche consentite etc etc…
La Romagna è una terra che ha avuto un forte svilupo delle attività dei laghi da pesca e molti dei quali hanno allargato l’attività commerciale offrendo ai pescatori nuovi servizi che permettono di coinvolgere anche i familiari.
Infatti non è difficile trovare ormai dappertutto lettini e ombrelloni per accontentare le signore, giochi per bambini, bar e ristoranti con cucina tipica.
Attorno a questi laghi commerciali si è sviluppata negli ultimi anni una nuova forma di turismo alieutico che soddisfa numerose famiglie desiderose di trascorrere una giornata in un ambiente tranquillo, in mezzo al verde, lontano dall’afa della città e alla calca insopportabile della spiaggia.
Quella del turismo alieutico legato ai laghetti commerciali è una nuova forma di sviluppo economico come soltanto i romagnoli sono in grado di valorizzare.
Il lago delle Querce, a Masrola di Borghi, è l’esempio più ecclatante della vivacità imprenditoriale romagnola e i pescatori con le loro famiglie sono sempre presenti numerosi perchè trovano quel benessere e relax che solo un ambiente immerso nella natura può offrire.
Da alcuni anni, al lago delle querce, per soddisfare la voglia matta di pescare per i più patiti della lenza, viene organizzata una gara di pesca alla carpa della durata di 24 ore.
Sotto l’attenta regia di Paolo Pesaresi, titolare del bellissimo impianto di pesca sportiva, la gara di quest’anno ha avuto inizio alle ore 21 del giorno 17 agosto ed è terminata alle ore 20 del giorno successivo.
Una pescata massacrante organizzata in quattro turni da 6 ore ciascuno con obbligo di cambio posto pesca alla fine di ogni turno.
Ogni squadra, in base al regolamento, poteva essere composta fino ad un massimo di 4 elementi con possibilità di aiutarsi e avvicendarsi durante i vari turni di pesca.
A finire nelle nasse dei pescatori sono state esclusivamente carpe di ogni taglia e pezzatura catturate con la tecnica della canna fissa della lunghezza massima di 6 metri e della roubaisienne lunga massimo 13 metri.
Al termine di ogni turno di pesca il giudice di gara Paolo Pesaresi ha provveduto a pesare il pescato di ciascuna squadra e stilare le classifiche.
E così al termine di questo rally di pesca di 24 ore la classifica finali ha decretato la squadra vincitrice dell’edizione 2009 che era formata da garisti appartenenti al Team Bellaria Igea Marina: Fabbri M., (kg. 103,700), Ruscelli F. (kg. 42,200), Ruscelli G. (kg. 95,300), Fonti D. (kg. 56,800).

Al secondo posto assoluto e per il secondo anno consecutivo, si piazza un’altra squadra del Team Bellaria Igea Marina formata da Moretti, (kg. 91,500) Piastra (kg. 98,800) Mazzoleni (kg. 29,000) Antolini (kg. 78,600).

C’è da dire che i pescatori appartenenti al team Bellaria sono dei veri specialisti della pesca alla carpa ed il lago di Masrola di Borghi ben si presta a questa specialità essendo riccamente popolato di tantissime carpe.
Le esche utilizzate dai concorrenti in questa competizione sono state il mangime specifico del lago, usato per pasturare e attirare il pesce in zona di pesca, il mais e i lombrichi.
Dopo due giorni di tiro alla fune i vincitori, stremati dal sonno e dalla fatica, hanno ritrovato le ultime energie per rilasciare queste dichiarazioni:
“la pescata è stata dura – riferisce Ruscelli Franco – perché una gara del genere si vince facendo il maggior peso assoluto. In competizioni come queste non ci devono essere margini di errore sia nella pasturazione che nell’azione di pesca”.
Conclude Ruscelli Giorgio “stare concentrati sul pesce e con la canna sempre pronta è il segreto per vincere e in 24 ore tutto deve girare per il verso giusto. Il turno della notte è il più difficile perché il sonno annebbia le idee al pescatore e al pesce che tra l’altro rallenta anche l’attività di abboccare alle lenze. C’è da dire che gare come questa le puoi fare una volta all’anno durante il periodo delle ferie perché la fatica lascia il segno anche per parecchi giorni successivi. Comunque siamo contenti per avere vinto il primo premio in palio composto da una discreta borsa valori”.

Le squadre che complessivamente hanno partecipato a questa 24 ore di pesca sono state 17 (16 nel 2008) e tutto l’evento si è svolto senza reclami e in un grande clima di amicizia.
Il titolare del lago delle Querce Paolo Pesaresi conclude dicendo: “questa gara è una prova di forza tra pescatori e pescatori e tra pescatori e pesci.
Una gara che dura 24 ore può lasciare spazio anche a margini di errori ma devo dire che i ragazzi che hanno pescato sono sempre stati concentrati e hanno lottato fino alla fine e fino all’ultimo pesce.
Voglio citare un pescatore su tutti Marco “Mongioy” il quale dopo un anno intero di inattività ha saputo dimostrare tutto il suo valore con la canna in mano riuscento a catturare la bellezza di oltre 70 chili di carpe.
Personalmente ho seguito i pescatori giorno e notte assistendoli in continuazione e soprattutto gestendo le operazioni di pesatura. L’armonia è sempre stata il filo conduttore della competizione e questo sta a dimostrare che tra i pescatori c’è sempre molto rispetto.
Complessivamente sono stati catturati 34,789 quintali di carpe contro i 36,564 quintali del 2008 per una media procapite di kg. 51,160 mentre nel 2008 era stata di kg. 57,131 per ogni turno di pesca.
In questo lago, conclude Paolo Pesaresi, di pesce ce n’è tanto e la qualità dell’acqua è talmente buona che agevola l’attività dello stesso senza soluzione di continuità.
Ringrazio tutti i partecipanti invitandoli all’edizione 2010 della 24 ore del lago delle Querce”.
Le premiazioni dei vincitori della 24 ore è avvenuta la sera stessa con una cena offerta dal gestore del lago offrendo a tutti, pescatori e familiari, porchetta, piadina e ottimo sangiovese romagnolo.
E anche questo è un modo per fare festa ….alla romagnola!

LA 24 ORE DEL LAGO DELLE QUERCE

LE QUERCE 20-08-09 001
I CAMPIONI 2009 DEL RALLY DI PESCA: I FRATELLI RUSCELLI CON PAOLO PESARESI

LE QUERCE 20-08-09 002
THE SPECIALIST CARP: LA RUSCELLI BAND

LE QUERCE 20-08-09 003
I SECONDI ASSOLUTI MORETTI E PIASTRA CON UNA BELLA CARPA

LE QUERCE 20-08-09 004
MORETTI E PIASTRA CON PESARESI

Alessandro Scarponi
Masrola di Borghi (FC) 20 agosto 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.