LA RISCOSSA DI ANITA

Alla faccia di chi, troppo frettolosamente, ha messo da parte uno dei più bei canali che la pesca al colpo possa vantare in Italia.

Il canale di Anita si è preso una bella rivincita e domenica 18 ottobre ha accolto 236 agonisti in occasione del 3° trofeo bar Casa del Popolo facendoli divertire con catture distribuite per tutti.

A rovinare la giornata, che sarebbe stata meravigliosa, ci ha pensato il freddo e il vento il quale, pur soffiando di schiena, ha disturbato non poco l’azione di pesca.

Tante auto lungo la strada che costeggia il canale come ai bei tempi e tutti al raduno, dopo la gara hanno auspicato un immediato ripristino del canale per le competizioni quanto meno di carattere provinciale e regionale.

I lavori di sistemazione del tratto di canale che scorre lungo tutto l’argine Agosta dovrebbero partire nel 2010 e l’Assessore all’ambiente Sig. Borea, del Comune di Argenta, ha assicurato che farà tutto quello che può per convincere il Consorzio di Bonifica ad eseguire i lavori di sistemazione del canale nel minor tempo possibile.

Servono da subito due iniziative: la prima riguarda il controllo della qualità dell’acqua nel tratto di canale che scorre ad Anita perchè si ha la sensazione che i cambi di umore del pesce, con giornate dove ti mangia la canna e altre che si fatica a vedere il tappo affondare, dipenda da immissioni di liquami provenienti dai vicini allevamenti collegati al  canale Circondariale tramite la rete di fossati esistenti.

Dunque lavoro per ARPA e Vigili sanitari ma soprattutto lavoro istituzionale da parte dell’Assessore che domenica 18 ottobre ha potuto vedere con i suoi occhi cosa significano per queste zone depresse i pescatori in termini di movimento di ricchezza e vita.

L’altro impegno è la tipologia dei lavori da fare;  il Consorzio di Bonifica intende asportare circa un metro di limo dal fondale, portando la profondità dell’acqua a 2,80 metri ma serve anche e soprattutto la riprofilatuira degli argini che oggi si presentano agli occhi dei frequentatori sconnessi e franati  creando anche pericoli ai pescatori.

L’Assessore Borea è rimasto colpito dai tanti pescatori e dal movimento che questa categoria di sportivi può portare ad Anita e ci è sembrato sincero quando ha detto che si impegnerà in prima persona, insieme al Sindaco di Argenta, per favorire la migliore soluzione pro pesca.

Gli vogliamo credere sperando di smentire per una volta la cattiva fama che si è fatta la politica in Italia cioè solo promesse e niente fatti.

Argenta da sola può comunque fare poco; sarebbe opportuno che il Sindaco insieme all’Assessore chiedessero l’istituzione di un tavolo di concertazione con gli altri comuni interessati al canale Circondariale (Ostellato) per avanzare con maggior peso politico le proposte, ascoltate le esigenze dei pescatori della FIPSAS e le varie Associazioni che usifruiscono di questi territori.

Tutti i partecipanti alla gara di pesca, garisti provenienti da tutta la regione e anche da fuori, hanno auspicato un rapido ritorno di Anita nel circuito delle competizioni a partire dal 2010 anche se si dovesse condividere una gara con il vicino Destra Reno.

Un regionale emilia est se venisse suddiviso in due, con metà squadre nel destra Reno e l’altra metà ad Anita, potrebbe assicurare il giusto compromesso e la garanzia della sicurezza visto che il canale ravennate ha tali requisiti solo nella parte riseravta alla prima e seconda zona.

Domenica si è preso bene, la gente si è divertita, portando alla pesa diversi chili di pescato.

Il canale che scorre ad Anita, pur essendo lo stesso che scorre nel comune di Ostellato, presenta  diverse specie ittiche; se ad Ostellato la specie prevalente si chiama breme ad Anita si pescano con facilità oltre alle  breme anche tante carpe e molti carassi.

Carpe di peso diverso da alcuni etti a diversi chili e carassi davvero incredibili con esemplari che arrivano anche ai due chili.

Tutto sta nel sapere pescarli, perchè ad Anita il pesce sa leggere e scrivere e non è un caso se nella parte finale di una gara, per superare la nota diffidenza del pesce, si devono montare lenze super fini con terminali dello 0,8 e ami del 22.

Per il resto niente da dire se non la riconferma che i pescatori agevolati da  postazioni favorevoli, dovute a picchetti più avanzati o a canneti davanti, hanno visto più mangiate di altri.

Alla fine tutti al Bar Casa del popolo di Anita gestito dalla coppia Imerio e Patrizia i quali per l’occasione hanno preparato presso l’Ostello Ca Anità un pranzo davvero maiuscolo.

La gara è stata ben organizzata dalla società Polisportiva Sammartinese di Forlì di Betti Vanni e soci e diretta dal Presidente Umberto Guidetti il quale ha premiato i vincitori assieme all’Assessore Borea.

CLASSIFICA DELLE PRIME CINQUE COPPIE ASSOLUTE:
1) BERTACCINI QUERZOLI RED 90 KG. 11,660
2) MORETTI PIASTRA BELLARIA MIRAMARE KG. 11,300
3) GOVONI GOVONI SPS CAVALLETTA KG. 11,000
4) SAVINI BUBANI VAL D’AMONE TUBERTINI KG. 9,480
5) MUCCINI GENGHINI BELLARIA MIRAMARE KG. 9,300
5) RUSCELLI DRUDI BELLARIA MIRAMARE KG. 9,300

3° Trofeo Bar Casa del Popolo

IMG_0949
PANORAMICA DEL CAMPO GARA

IMG_0962
UN MOMENTO DELLA PESA

IMG_0961
I CARASSI DI ANITA HANNO FATTO VINCERE IL SETTORE A RUSCELLI E DRUDI DEL TEAM BELLARIA MIRAMARE

IMG_0963
FAVALINI E PEZZUTO VINCITORI DEL SETTORE CON KG. 6,740 (TEAM TUBERTINI)

IMG_0964
IL CANALE A FINE GARA

IMG_0971
L’ASSESSORE BOREA (ARGENTA), GUIDETTI (FIPSAS FE) E IMERIO CAMPI DEL BAR CASA DEL POPOLO

IMG_0969IL PUBBLICO PRESENTE ALLE PREMIAZIONI

IMG_0967BERTACCINI E QUERZOLI 1° ASSOLUTI (RED 90)

IMG_0968MORETTI E PIASTRA 2° ASSOLUTI (TEAM BELLARIA MIRAMARE)

IMG_0972GOVONI E GOVONI 3° ASSOLUTI (SOCIETA’ CAVALLETTA)

IMG_0973 BUBANI E SAVINI 4° ASSOLUTI (TEAM TUBERTINI)

IMG_0975
UN MOMENTO DEL PRANZO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.