JEAN DESQUE’ CI SVELA I SEGRETI DI OSTELLATO E LE BREME

Cari amici di Match Fishing, in Serbia, al seguito della squadra Sensas, abbiamo incontrato un grande campione dell’agonismo internazionale, gran conoscitore delle breme per averle pescate non solo in Francia ma anche in tutta Europa pescando con la maglia della nazionale francese.

Stiamo parlando di Jean Desquè e come capita in certe occasioni il microfono di Match Fishing si è acceso all’improvviso …

Ciao Jean, tra pochi mesi ti vedremo in Italia al seguito della nazionale francese in occasione dei mondiali per nazioni, tu che ci sei stato di recente che idea ti sei fatto del canale Circondariale di Ostellato?

Ma guarda, quando sono venuto io circa un anno fa la pescosità era notevole, adesso ho saputo che si prende molto meno ma abbiamo avuto un inverno difficile e anche in Francia, così come in Italia, le breme nei mesi freddi diminuisce l’attività.

Adesso ho saputo che stanno entrando di nuovo e sono sicuro che l’Italia farà di tutto per farci trovare un campo di gara all’altezza di un mondiale. Non ho nessun dubbio sul canale di Ostellato e quindi vedremo un campionato del mondo molto, molto buono.

Che intenzioni ha la squadra francese in questo mondiale?

Speriamo di vincere, noi andiamo sempre per vincere, non sempre ci va bene, ma ci proviamo e sono sicuro che dopo il podio in Olanda di due anni fa siamo pronti per ottenere un altro buon risultato in Italia.

La squadra è molto competitiva, con gente esperta che pesca a livello internazionale da molto tempo, e quindi attraverseremo le Alpi per pescare le breme.

Ma queste breme, che voi pescatori d’oltralpe pescate da molti più anni di noi italiani, quali segreti nascondono?

Guarda le breme sono di diverse specie ma assumono sempre gli stessi comportamenti in ogni paese. Io le pesco da tanti anni in Francia e non solo.

Da quello che ho potuto vedere da voi in Italia ci sono due tipi di breme: l’Abramide comune e la blicca.

Con quali esche affronteresti una pescata alla breme?

Ah certamente con il ver de vase e il fouillis; Noi francesi dedichiamo molta cura alla scelta delle esche per pescare le breme ed io ad esempio per anni il ver de vase me lo andavo a raccogliere personalmente in acquitrini che conoscevo.

Ho notato che voi italiani date poco peso ad altre esche come ad esempio il lombrico e il caster, ma vi assicuro che le breme ne sono ghiotte.

Spesso in una gara la differenza la determina la taglia delle breme, voi in Francia avete una soluzione per selezionare il pesce più grosso da quello più piccolo?

Guarda io ho una mia idea supportata da anni di esperienza; se devo cercare pesce grosso nella terra metterò il fouillis morto perché quello vivo tende ad attirare la minutaglia.

Inoltre ci sono altre esche come la canapa che piace molto alle breme grosse.

Tu sei venuto a pescare più di una volta ad Ostellato, come lo hai trovato il canale?

In Francia abbiamo diversi canali simili a quello di Ostellato e devo dire che mi piace molto.

Com’è la lenza da breme di Jean Desquè?

Molto semplice: piombatura aperta in 25 cm con pallino sull’asola, un altro pallino leggermente più grosso a 10 cm e il bulk a tarare il galleggiante ad altri 15 cm.

I piombi variano a seconda della dimensione del galleggiante. Il terminale solitamente non lo faccio mai più lungo di 20 centimetri.

Quello che conta secondo me non è tanto la lenza ma l’importanza della presentazione dell’esca perché vedi la breme è un pesce molto sospettoso, soprattutto quelle grosse, e un’esca poco naturale non la mangerà di certo. Per questo io uso spesso ami senza ardiglione per evitare di danneggiare il filo del ver de vase nella fase dell’innesco.

Che tipo di preparato faresti per pasturare ad Ostellato?

Come sai io lavoro per la Sensas e per questo pesce abbiamo studiato pasture specifiche molto valide frutto di tanti anni di studio sulla breme. Comunque opterei per una pastura scura con aggiunta di tanta terra di somma in proporzione al tipo di acqua che mi trovo davanti.

Bene Jean, ci hai fatto capire qualcosa in più su Ostellato e sulla breme, e per questo ti ringrazio per la disponibilità che mi hai concesso.

Allora ci vediamo ad Ostellato e …vive l’Italy…

No no…vive la France!

JEAN DESQUE’ SUL DANUBIO NEL MONDIALE PER CLUB

A SPINADESCO NEL 2008

CON RAISON A SPINADESCO NEL 2008

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.