REGIONALE TOSCANA: NEL TROFEO MASINI DOMINA LA VALDELSA COLMIC

Campionato Regionale Toscano “Trofeo Masini”

L’Arno pisano incorona La Valdelsa Colmic

Bentrovati amici di Match Fisching, un saluto a tutti dal “Pelle” che vi scrive dai campi gara del Campionato Regionale Toscano “Trofeo Masini”.

Domenica 11 settembre l’Arno pisano ha ospitato la prima prova dei gironi Play Off e Play Out del suddetto campionato, che si è svolto esattamente negli stessi campi gara dei Mondiali: a Castelfranco ed a Calcinaia Vecchio per i Play Off; a Fornacette, a Calcinaia Nuovo, a Sassi e Pontedera Vecchio, per i Play Out.

Un palcoscenico di fama internazionale che non ha certo deluso le aspettative dei tanti agonisti giunti da ogni angolo del Granducato, garantendo loro, come al solito, abbondanti catture e divertimento ai massimi livelli per tutti coloro che li hanno affrontati con la giusta preparazione ed il solito pizzico di fortuna, necessario al sorteggio per evitare i pochi picchetti tragici, che purtroppo come altrove, anche in queste zone ci sono.

Ma veniamo alle gare: Nei Play Off si è registrata una grande pescosità a Castelfranco, con i 35 kg. necessari per vincere i settori esterni e con pesate comunque oltre i 20 kg. negli altri settori (io stesso al C/8 vinco con 22 kg.), con i gatti che la fanno da padroni per tutte le 3 ore, salvo qualche sporadica cattura di carpe, sempre over size.

Le lenze sono quelle classiche per l’Arno pisano, ormai famose, come famosa è anche la pasturazione che prevede di gettare in acqua tutto quello che il regolamento permette.

Tuttavia, dopo le gare del “Mondiale Giovani” della settimana scorsa, si registra una simpatica new entry fra gli inneschi: sono stati molti quelli hanno usato come esca dei gamberetti, ritenuti miracolosi da alcuni (io li preferisco con limone e maionese) e che in effetti danno buoni risultati, anche se non risolutivi, mentre di contro si nota il lento declino delle celeberrime “mamme”, le quali non hanno fatto la sperata differenza sulla taglia, rallentando inoltre com’è noto, il ritmo delle catture.

A Calcinaia Vecchio la pescosità è stata più bassa, come tutti già sapevano, con pesi vittoriosi che sfioravano “appena” i 15 kg. ed una pesca leggermente diversa, più di ricerca, sfruttando anche il sottosponda, più che sufficiente comunque a ripagare gli sforzi compiuti per il faticoso trasloco dal posteggio al picchetto di “armi e bagagli”.

Per quanto riguarda i Play Out, l’amico Marco Bettarini, forte agonista prestato per l’occasione alle necessità del Regionale, mi riferisce che a Fornacette, dove lui era in gara, occorreva mettere in nassa un buon numero di muggini, per primeggiare nei settori, vinti di norma con circa 15 kg. e questa si sa che è una pesca riservata a “pochi intimi”, vista la difficoltà nel praticarla come si deve.

Le notizie pervenute dagli altri campi gara (Pisa ha un grave handicap: 320 concorrenti divisi fra 6 campi gara, distanti anche 20 km. tra loro) parlano di una pescosità eccellente a Pontedera Vecchio (a parte l’inevitabile sfacchinata per il trasporto a spalla dell’attrezzatura); un po’ minore, ma comunque divertente, sia ai Sassi che a Calcinaia Nuovo, ma questi due campi perlomeno l’accesso è comodo.

In definitiva ottima giornata di pesca come solo il “nastro d’argento” sa regalare, condita da un bellissimo clima estivo, magistralmente organizzata in tutto e per tutto dal grande Franco Lelli, fotografo provetto per l’occasione e capo supremo della Valdelsa Colmic.

Concludo concedendomi un sano momento di libidine nel parlare del podio di giornata, che vede salire sul gradino più alto la squadra “A” della Valdelsa Colmic (in testa anche nella classifica provvisoria), composta da Bellucci Francesco, Petreni Filippo, Tommei Giovanni e Moneti Fabrizio; piazza d’onore per la squadra “A” dell’ Apo Tubertini e 3° posto per la squadra “A” dei Cannisti Azzurri Tubertini.

La carovana toscana si ferma qualche giorno, in attesa dell’ultima prova prevista per domenica 24 settembre, nel meraviglioso campo gara di Laterina, nell’Arno aretino, dove conosceremo i nomi delle Società promosse in A3, mentre nell’Elsa a Granaiolo si disputerà l’ultima del girone Play Out, dove le squadre partecipanti lotteranno per la salvezza.

Un saluto agli amici di Match Fishing da Marco Santini, in arte “il Pelle”.

Marco Bettarini IL BETTA..

Marco Santini IL PELLE

Arno a Fornacette

Arno a Castelfranco

Castelfranco il migliore campo del pisano

Bellucci Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.