TROFEO SERIE A5: LA LIBERA COLMIC DOMINA UN UFENTE DIFFICILE

Un Ufente al limite della praticabilità ha accolto la carovana della Serie A5, diciamo che le premesse per prevedere che fosse una giornata difficile c’erano tutte viste le prove effettuate sul campo nelle settimane precedenti.

Qualche spiraglio si era visto ad inizio settimana, le temperature fresche notturne avevano visto il rientro nel fiume pontino di grossi cavedani e di qualche scardola, poi i temporali dei giorni precedenti hanno spazzato via ogni speranza di un pescato accettabile.

Idrovore in funzione con acqua sporca che viene pompata nel fiume, paratie aperte e conseguente aumento della corrente, toppe d’erba che vengono giù come la neve durante una tempesta sull’Himalaya, non credo mancasse nulla … vento da mare? Dimenticavo pure quello a tratti ce lo siamo beccato.

La nota positiva per questa giornata è state, come sempre, l’ottima macchina organizzativa che ha fatto trovare con le sponde accuratamente pulite dalle erbe ed i posti gara a 15 metri l’uno dall’altro lungo il corso rettilineo del fiume, unico mio personalissimo appunto sul fatto che si poteva sfruttare di più la parte bassa del fiume, meno ricco di incagli e più pescoso, a discapito dei picchetti iniziali sui quali non ci pesca mai nessuno.

Basterebbe poco per far decollare questo campo gara che ha le potenzialità per diventare uno stadio per la pesca, sicuramente non può bastare l’impegno costante e volenteroso con il quale si prodigano le società della provincia di Latina e le Guardie Ittiche volontarie, ma occorre il coinvolgimento di comuni e provincia per ripopolare adeguatamente il fiume ogni anno, difenderlo dal bracconaggio in maniera strutturale e garantire il regolare svolgimento di manifestazioni del nostro amato sport, che durano poche ore ma portano molti soldi ai cittadini che hanno attività commerciali in loco … si mette a rischio la popolazione di calamità naturali se si chiudono le paratie e si spengo le idrovore per 4-5 ore?!?!! In mezzo a questo campo minato era difficile mettere in campo la strategia preventivata, di certo che ha messo mano a fouille e ver de vase e chi ha puntato al pescetto ha riempito le ultime caselle dei settori.

Chi, invece, ha optato per la roubasienne era consapevole di dover stare 3 ore a trovare la passata giusta facendo lo slalom tra le erbe e aspettando le 2, 3 mangiate che prima o poi sarebbero arrivate.

Le canne a mulinello dall’altra parte hanno dato qualche carassio ai più fortunati e qualche scardoletta a chi ha dovuto battagliare per un piazzamento decente rischiando l’infarto ad ogni oscillazione di 10-20 gr della bilancia.

Ad ogni modo una cosa è certa, gli amici de LA LIBERA hanno un feeling particolare con il fiume pontino e con una prova maiuscola e 11 punti bissano il successo dello scorso anno. Indice delle oggettive difficoltà nell’impostare una pescata redditizia sono le 16 e 17 penalità delle due squadre del PC TERAMO che chiudono il podio di giornata.

Con l’ottimo risultato Marziani e soci balzano in testa alla classifica generale per un soffio sul fortissimo PC TERAMO A. A seguire la BLU MARLIN GGIANTY A, che limita i danni in una gara non brillante per le tre squadre capitoline.

Ora ci attende Bomba con la doppia prova, radio pesca non porta buone notizie con il lago molto basso, la presenza di grosse carpe e con i famigerati carassi che sembrano latitare. Ma noi, come sempre, manteniamo la speranza che la scarpinata tra i massi che ci attende sia il giusto sacrificio per una gara regolare e ricca di pesce.

Un saluto a tutti i lettori di Matchfishing da Andrea Romanelli

ROMA

classifica settori e giornata

 classifica progressiva

DSC_0001

DSC_1603

DSC_1602

DSC_1601

DSC_1600

DSC_1599

DSC_1598

DSC_1597

DSC_1596

DSC_1595

DSC_1594

DSC_1593

DSC_1591

DSC_1590

DSC_1589

DSC_1588

DSC_1587

DSC_1586

DSC_1585

DSC_1583

DSC_1582

DSC_1581

DSC_1580

DSC_1579

DSC_1578

DSC_0029

DSC_0028

DSC_0026

DSC_0024

DSC_0023

DSC_0022

DSC_0021

DSC_0020

DSC_0019

DSC_0018

DSC_0017

DSC_0016

DSC_0014

DSC_0013

DSC_0012

DSC_0011

DSC_0010

DSC_0009

DSC_0008

DSC_0007

DSC_0006

DSC_0005

DSC_0004

DSC_0003

DSC_0002

11352982_545843368900606_116479152_o

11894884_545842598900683_153117487_o - Copia - Copia

11923465_545843255567284_1694867019_o

11928846_545839805567629_271548277_o

11984382_545839958900947_1462062756_o - Copia

11986042_545843302233946_9376026_o

11986251_545839815567628_989759122_o - Copia

11989177_545843228900620_613150085_o

11989235_545843188900624_1827539387_o

11989356_545843418900601_431641843_o

11990190_545839808900962_1692872258_o

11990280_545842962233980_1650755373_o

11990828_545843455567264_1081829752_o - Copia

11990835_545844398900503_1151135823_o

11990880_545839638900979_1886344579_o

11991013_545843452233931_1768965393_o

11995122_545842752234001_380985843_o - Copia (2)

11995190_545839778900965_536953480_o

11995452_545839658900977_1155373079_o

11996347_545842295567380_1568026110_o - Copia (2)

11996501_545841968900746_1239891278_o

11996532_545843458900597_588621405_o

11999155_545839758900967_579708678_o

11999223_545844365567173_336750451_o - Copia

11999365_545842445567365_137769755_o

DSC_0031

Fishmakers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.