TROFEO SERIE A3: LA PAROLA AI PROTAGONISTI – Intervista a Massimo Gazzetti del Gatto Azzurro Colmic di Reggio Emilia

Al termine di una estenuante 1^ Prova del Trofeo di Serie A3 2017, da metà gara flagellata da un forte vento con raffiche che hanno messo a dura prova sia i materiali che i pescasportivi dopo le premiazioni di rito svoltesi all’interno dell’Autodromo di Adria, abbiamo incontrato Massimo Gazzetti forte agonista del Gatto Azzurro Colmic di Reggio Emilia esordiente in A3 reduce da brillantissimi risultati ottenuti nelle passate annate nel Trofeo Regionale Emilia Ovest.

Ciao Massimo prima di tutto complimenti per il tuo esordio in A3 coronato da una brillante prestazione che ti ha consentito di vincere un settore molto difficile raccontaci la tua esperienza e le tue impressioni e l’aspetto tecnico di questa tua prima gara in A3.

Ciao Giuseppe, permettimi prima di descrivere la mia gara di soffermarmi su alcuni aspetti per me molto importanti che hanno determinato questo risultato quali il forte spirito la coesione e l’affiatamento di un meraviglioso gruppo di amici assieme ai quali si sono condivisi giorni estenuanti di prove confrontandoci e scambiandoci tutte una serie di informazioni atte a sviluppare al meglio la pescata ringrazio inoltre la Società Gatto Azzurro Colmic alla quale mi onora appartenere che ci ha supportato in ogni nostra esigenza.
Tutto questo grande impegno, sacrificio ed umiltà di tutti ci ha permesso di ottenere un ottimo risultato di classifica che al termine della prova ci permette di piazzare la squadra A al 9° posto con 14 penalità e la squadra B, la mia, al 18° posto finale con 19 penalità buon viatico per il proseguo della competizione.

Niente male veramente come inizio visto l’elevato livello tecnico dei partecipanti a questa competizione che vede la partecipazione di squadre Toscane ed Emiliane tra le più forti in campo nazionale.
Come ti dicevo prima questo risultato è frutto di una strategia di gruppo. Abbiamo concordato nei minimi dettagli la metodologia, la qualità e quantità di pasturazione sia iniziale che di mantenimento che abbiamo dovuto modificare nella meccanica e composizione dei vari elementi nelle ultimissime ore dopo che si era evidenziato un calo della pescosità dovuta alle maree ed al maltempo.
Ho usato galleggianti da 2 a 6 gr. e vele da 6 a 15 gr. con terminali ed ami appropriati ai vari momenti di marea inoltre allo scadere della 2^ ora un forte vento con fastidiose raffiche ha complicato non poco le cose e si può tranquillamente dire che la gara è stata regolare, almeno nel lato Chiatte per le prime due ore e chi ha messo pesci nella nassa in quel momento poi alla fine hanno fatto la differenza.
Comunque un tecnico, bellissimo e difficilissimo campo gara che alla fine al di là di qualche sporadico silurotto ha premiato chi meglio ha interpretato i vari momenti variando l’appoggio per presentare al meglio il Ver de Vase esca principe per questi pesci.
Nelle difficoltà un campo gara omogeneo e chi ha saputo prendere pesci di taglia alla fine ha portato un risultato positivo a se stesso ed alla squadra. Grazie Giuseppe per la opportunità che mi hai concesso, sono felice per il mio risultato ma anche per le squadre che ci ripaga dei tanti sacrifici profusi e delle tante prove effettuate a dimostrazione che impegno, serietà, confronto, amicizia e rispetto sono determinanti.
Grazie a te Massimo

GALLERIA FOTOGRAFICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.