ANITA: IL RISVEGLIO DEL PESCE

Sulle sponde del canale Circondariale, che scorre nei pressi di Anita, si svolgono ogni sabato gare di pesca ad iscrizione libera con raduno presso il Bar Cà Anita di Imerio e Patrizia Campi.

Da un pò di settimane il pesce è tornato alla carica delle lenze dei garisti e alla fine di ogni pescata sulle facce dei pescatori si distingue una impronta di soddisfazione.

Ma cosa sarà successo per trasformare la vitalità del pesce in questo canale?

Probabilmente la qualità dell’acqua è nettamente migliorata e con essa anche i pesci sono ritornati quelli di una volta.

Pare che alcune attività agricole, che in passato scaricavano acque sporche nei fossi collegati al canale, siano sorvegliate a vista dalle autorità pubbliche e alcune di queste hanno addirittura ricevuto diffide per essere state trovate in condizioni non a norma per quanto riguarda l’impatto ambientale.

Se le anomalie riscontrate alle aziende fossero effettivamente la causa dei mali del canale di Anita allora si potrebbe parlare di una imminente svolta.

Ci si chiedeva perchè il pesce in alcuni giorni mangiava da paura e in altri no? Adesso lo abbiamo capito!

Il pesce come si è visto c’è, e tanto, e le gare del sabato vengono vinte con pesi sempre superiori ai sei – sette chili.

Mangiano tante breme di piccola e discreta taglia ma anche e soprattutto i caratteristici carassi di Anita che in alcune occasioni raggiungono dimensioni davvero ragguardevoli di 1,5 kg.

Alle gare del sabato partecipano diverse persone e anche sabato 7 agosto gli iscritti erano più di 70 provenienti da tutta la Regione.

Mancano pochi mesi all”inizio dei lavori di sitemazione dell’argine nel tratto adibito a campo di gara e dopo questi interventi si potrà finalmente riportare il canale di Anita ai livelli di un tempo quando si svolgevano competizioni di importanza nazionale.

Per la verità alcuni chilometri di canale, nella parte che scorre nei pressi di Longastrino, è già stata sistemata e l’inizio dei lavori nel tratto del campo di gara è previsto per l’anno prossimo.

Tutti i pescatori della Romagna stanno attendendo con ansia questo evento perchè ritengono Anita il loro campo gara storico così come i ferraresi si identificano di più con Ostellato.

Le autorità pubbliche stanno dimostrando di avere a cuore il rilancio del turismo nella parte sud del Parco del delta del Po e a loro va tutta la gratitudine dei pescatori per quello che stanno facendo e che ancora faranno.

Anita merita il rilancio che passa non solo dai lavori di sistemazione degli argini ma soprattutto dal controllo della qualità dell’acqua.

I lavori sul canale proseguono in località Longastrino

lavori anita 085

un momento della pesa

pesatura 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.